Pavia e provincia: Pavese, Oltrepò Pavese, Lomellina, eventi, spettacoli e manifestazioni di Pavia e provincia
martedì, 7 dicembre 2021 (413) Qual Buon Vento, navigante! » Entra


 
Articoli della stessa rubrica
» Dame e Cavalieri di oggi e di ieri
» 14^ Scarpadoro - via alle iscrizioni!
» BirrArt 2019
» Torre in Festa
» Festival dei Diritti 2019
» Ticino EcoMarathon
» Pavia per gli animali
» Mostra mercato “Antiche varietà agricole locali e piante spontanee mangerecce”
» “Barocco è il mondo” Sbarco Sulla Luna
» Non solo Cupola Arnaboldi – Pavia fa!
» Festa del Ticino 2019
» Scarpadoro di Capodanno
» Giornata del Laureato
» Africando
» Palio del Ticino
» BambInFestival 2019
» RisvegliAmo la Relazione: Io e l'Ambiente – II edizione
» Festa del Roseto
» Festa di Primavera: Mostra dei Pelargoni
» Next Vintage

Vedi archivio

 
Altri articoli attinenti
» Torna a Pavia il Mercatino del Ri-Uso
» Dame e Cavalieri di oggi e di ieri
» Visita gratuita ai luoghi di San Riccardo Pampuri
» Un sabato al Museo per la Storia dell'Università
» Uno:Uno. A tu per tu con l'opera - Sull'onda dello Ukiyo-e
» Natale in museo per bambini
» Leonardo e l'antico Ospedale San Matteo di Pavia
» Torre in Festa
» Museo per la Storia - apertura sabato
» Mortara e Primo Levi
» Pavia in posa, da Hayez a Chiolini
» Al Passo con il Naviglio Pavese
» A tu per tu con l'opera: Pietro Michis
» Lo sguardo di Maria
» Uno:Uno. A tu per tu con l'opera kids
 
Pagina inziale » Turismo » Articolo n. 13190 del 9 giugno 2015 (4917) Condividi su Facebook Stampa Salva in formato PDF
Palio del Ticino 2015
Palio del Ticino 2015

23 giugno del 1431. Il pavese Pasino degli Eustachi, nato in una famiglia di pescatori e piccoli commercianti di pesce e ora Capitano Generale del Naviglio Ducale e della Darsena in carica durante il governo di Filippo Maria Visconti, affronta sulle acque del Po, sotto le mura dell’assediata Cremona, Nicolò Travisano, al comando di un centinaio di navi dell’imponente flotta della Serenissima Repubblica di Venezia.

Dopo 12 ore di battaglia – il più grande conflitto fluviale avvenuto sul territorio nazionale – la flotta ducale ebbe la meglio, facendo suoi molte galee veneziane e migliaia di prigionieri…

Per festeggiare la vittoria e rendere trionfale il suo rientro a Pavia, Pasino degli Eustachi fece issare sulle sue navi qualsiasi stoffa colorata a disposizione, comprese le uniformi degli ufficiali catturati… Dando così origine al “Gran Pavese”. E ancora oggi in uso nelle marinerie, il termine “pavesare” indica l’addobbo di una nave nei giorni di festa.

Il rinato Palio del Ticino, una grande festa che strizza l’occhio proprio alla gioia e al tripudio di quel momento, più che alla battaglia stessa, è pronto a salpare con a la sua 9^ edizione.
Al comando, come sempre, ci sarà l’Associazione Palio del Ticino, costituita da sette società remiere locali: la Canottieri Ticino (presso la quale ha sede il suo quartier generale), il Club Vogatori Pavesi, la Barcéla, la Motonautica Pavese, il Club La Lanca, la Mangialoca e la Battellieri Colombo.

Forte dei 15.000 spettatori che hanno assistito all’edizione dello scorso anno, il Palio torna con figuranti, atleti e sbandieratori a proporre il suo programma di intrattenimenti.

La mattinata di sabato prossimo, si aprirà, alle 10.30, con la sfilata dell’araldo che, accompagnato dal suono dei tamburi, percorrerà le vie del centro per annunciare l’imminente disputa del Palio.
In serata, alle 20.30, ad anticipare il momento clou della manifestazione, sarà la suggestiva  Cena sul Ponte Coperto organizzata da Artintavola (informazioni e prenotazioni al 331/4057079).

La giornata di domenica, dalle 10.30, vedrà le zone del Borgo Ticino e Piazzale Ghinaglia, occupate dall’allestimento di un campo d’armi e di un mercatino di bancarelle.
Alla stessa ora, verrà celebrata la Santa Messa, con la benedizione del Palio, nella Basilica di San Michele Maggiore, alla presenza delle autorità, dei vogatori, degli sbandieratori, figuranti e armigeri in costumi quattrocenteschi che giungeranno in sfilata dal Castello Visconteo.

Il corteo storico tornerà a sfilare nel  pomeriggio, dalle 16.30, con partenza dal Castello Visconteo e arrivo in Borgo Ticino, passando sul ponte coperto e accompagnando alle postazioni di partenza i vogatori, i podisti e gli arcieri delle Associazioni che si contenderanno il cencio.

Alle 18.00, dopo la cerimonia di giuramento dei vogatori in Piazzale Ghinaglia, ecco l’atteso inizio delle gare: la corsa - 1 Km di corsa staffetta sulla riva destra del fiume con partenza da Piazzale Ghinaglia -, il tiro con l’arco – con arcieri posizionati, sempre sulla riva destra del fiume, a tirare loro frecce verso la zona sottostante la statua della “lavandaia” - e la regata sui barcé.
A pochi metri dagli arcieri, uno di seguito all’altro, partiranno, in base al minor punteggio ottenuto nelle 2 gare precedenti, i barcé a due vogatori, 
Le imbarcazioni dovranno superare una prima boa posta a centro fiume e proseguire in favore di corrente fino alla seconda boa, a circa 400 metri, superata la quale, dovranno risalire la corrente e avviarsi verso il traguardo posto in corrispondenza della statua della “lavandaia”… L'agguerrita sfida ai remi all’ombra del Ponte Coperto decreterà il team vincitore del Palio!

 

 
 Informazioni 
Dove: Pavia
Quando: sabato 13 e domenica 14 giugno 2015
Per informazioni: tel. 0382 303395, e-mail: info@paliodelticino.com

 

Sara Pezzati

Pavia, 09/06/2015 (13190)

RIPRODUZIONE VIETATA
www.miapavia.com è testata giornalistica, il contenuto di queste pagine è protetto dai diritti d'autore.
In caso di citazione o utilizzo, si prega di evidenziare adeguatamente la fonte.



MiaPavia è una testata giornalistica registrata, © 2000- 2021 Buon Vento S.r.l. - P.I. IT01858930181
Tutti i diritti sono riservati - Chi siamo - Contatti - Mining pool