Pavia e provincia: Pavese, Oltrepò Pavese, Lomellina, eventi, spettacoli e manifestazioni di Pavia e provincia
mercoledì, 27 marzo 2019 (382) Qual Buon Vento, navigante! » Entra


 
Articoli della stessa rubrica
» Fabrizio Poggi & Chicken Mambo: Spaghetti Juke Joint
» Macadam: Latitudine incrociate
» Nat Soul Band: Not so bad
» Far Out
» Ho sbagliato secolo
» Blues, Blues e ancora Blues
» Shag’s Airport
» Accordiamoci
» Il leone nell’Arena
» Francesco Garolfi: Un posto nel mondo
» Alberto Tava: il nuovo disco Mediterraneo
» Il matrimonio che vorrei: da oggi a Pavia
» Reality: ma quando ANCHE a Pavia?
» Magic Mike: quando è lui a spogliarsi...
» Il rosso e il blu: scuola italiana...
» Giorgia, che sorpresa!
» I Beach Boys in Italia: c’ero anch’io!
» Wanna Be Startin’ Somethin’. Thriller rivisitato
» Il ritorno dell'uomo armonica
» Un disco tutto pavese per Woody Guthrie

Vedi archivio

 
Altri articoli attinenti
» Festival del Ridotto
» Il Festino di Banchieri per il Coro del Borromeo
» Bob Marley's Celebration
» Quartetto di Fiesole e Andrea Lucchesini in concerto al Borromeo
» Cantata anarchica per De André
» I Canti di Natale: piccola lezione con interventi musicali
» Storia di un violino
» Lezione-concerto sul rock
» 150 anni morte Gioacchino Rossini - Petite Messe Solennelle in Carmine
» All you need is rock
» Semplicemente Sacher
» Madama Butterfly
» Notturni in Certosa
» B&V tra Buenos Aires e Budapest...
» Omaggio a Gershwin
 
Pagina inziale » Musica » Articolo n. 925 del 24 marzo 2003 (5652) Condividi su Facebook Stampa Salva in formato PDF
Roberto Sironi - Straniero...
Roberto Sironi - Straniero...

Ci sono, nel "variegato" mondo della discografia italiana, dei fenomeni inspiegabili (o perlomeno, si definiscono così ma si possono spiegare) per cui artisti di valore, ottimi autori di testi e musiche, cantautori di valore, vengono ignorati per dare spazio a personaggi di dubbia artisticità che viene soppravalutata o, addirittura, inventata lì per lì.

Se per Paolo Conte la consacrazione all'estero è avvenuta quasi contemporaneamente a quella italiana, per Gianmaria Testa c'è voluta una trasmissione televisiva di "rottura" come quella di Luzzati per dargli un po' di visibilità. A Giorgio Conte è rimasto addosso il fardello della fratellanza e Cammariere ha dovuto firmare un contratto con la Caselli e partecipare a Sanremo (come un pesce fuor d'acqua) per farsi notare dopo anni di onorata gavetta.

Roberto Sironi, nonostante il Premio Tenco, naviga ancora in quella specie di Limbo in cui, pur essendo conosciuto e apprezzato dagli addetti ai lavori, il grosso pubblico non riesce a "metterlo a fuoco".

Eppure avrebbe tutti i numeri per ottenere il giusto successo e il riconoscimento del suo valore. Rifacendosi alla tradizione dello chanconnier francese e del nostro cantautorato più "colto" Sironi accosta testi che raccontano piccole storie di piccoli uomini (e donne) sullo sfondo di tempi e avvenimenti che possono essere "grandi" o non esistere per niente. Un'eleganza musicale un po' decadente o una sobria linea melodica insaporiscono questi testi donando, anche ai più corrosivi, la lievità dell'ironia.

Devo proprio farvi degli accostamenti? (Lo so, lo so, che siete abituati male) Va bene, allora scomoderò Conte e un certo Buscaglione meno dirompente; Brel (per quel po' di descrittivismo triste) e Trenet e Becaud per l'ironia con cui riesce a trasfigurare i lati meno piacevoli della vita.

Artista italiano, uomo di spettacolo, cantante, autore di canzoni e di teatro, Roberto Sironi comincia molto presto la sua carriera artistica esibendosi in piccoli Clubs, e partecipando a Festivals musicali un pò in tutta Italia; nel 1988 registra il suo primo Album "IO SONO UN ARTISTA" (Lira Records - Milano) Dopo alcuni anni trascorsi conciliando le due passioni, (Canzone e Teatro) realizzando come autore/attore spettacoli teatral-musicali, nel 1991 partecipa alla Manifestazione Internazionale della Canzone "PREMIO TENCO '91" a Sanremo. Nello stesso anno registra il suo secondo Album "PERFORMANCE" (LPE Records - Milano) ed è in questa occasione che comincia ufficialmente la lunga ed attuale collaborazione con Italo "Lilli" Greco , ex-Produttore RCA di Roma, noto personaggio del panorama musicale Internazionale per le sue collaborazioni con artisti come Ennio Morricone, Paolo Conte, Francesco De Gregori, Antonello Venditti, Patty Pravo, Avion Travel, Sylvie Vartan...

Sironi arriva in Francia nel 1995 e crea insieme a suo figlio Alessandro (pianista, compositore ed arrangiatore) una piccola orchestra che nello stesso anno si produrrà in una cinquantina di concerti a Parigi.
Nel 1996, autoprodotto, registra in Francia il suo terzo Album "BELLO" a "L'Ouest de la Grosne". Questo disco, che riceverà un importante consenso di critica e di pubblico, sarà il debutto di una nuova carriera artistica ed Internazionale che porterà Sironi ad esibirsi in tutta la Francia, in Inghilterra, Germania, Svizzera e Belgio.

Nel 1999 registra il suo quarto album "ROBERTO SIRONI" con l'etichetta italiana DFV, distribuito in Germania, Francia, Svizzera,Olanda ed Austria da SIEBENPUNK-MINT RECORDS (Monaco), in Italia da CNI di Paolo Dossena.

Nel Marzo 2001, Sironi partecipa con Ennio Morricone al Festival "ONLY CONNECT" al BARBICAN CENTER di LONDRA. Nel 2002, ROBERTO SIRONI registra in Francia (Tournus) il suo quinto Album di cui ho avuto il piacere (e il previlegio) di ascoltare un premixato in anteprima, mandatomi dallo stesso Sironi.

Essendo ormai più noto sul mercato internazionale che in quello italiano, Sironi si cimenta in canzoni in lingua Francese (Gentilhomme Italien) o inglese (Toujours e Crazy). Lo stile si mantiene quasi inalterato eccetto per una leggera tendenza ad un'orchestrazione più articolata che, in alcuni casi (Fantomas), si accosta alla musica da film (questo va inteso come un fatto positivo). Ci sono anche sporadici episodi all'essenzialità rarefatta della prima scrittura (Canzone d'Autore) che sfocia poi in un lirismo quasi Classico.

Di più non vi dico (anche perché non so se sono autorizzato a farlo, visto che il disco non è ancora in commercio).

In ogni caso, se vi capitaste di trovare in qualche negozio un qualsiasi disco di Roberto Sironi...non fatevelo scappare. E un acquisto sicuro!

 
 Informazioni 
 

Furio Sollazzi

Pavia, 24/03/2003 (925)

RIPRODUZIONE VIETATA
www.miapavia.com è testata giornalistica, il contenuto di queste pagine è protetto dai diritti d'autore.
In caso di citazione o utilizzo, si prega di evidenziare adeguatamente la fonte.



MiaPavia è una testata giornalistica registrata, © 2000- 2019 Buon Vento S.r.l. - P.I. IT01858930181
Tutti i diritti sono riservati - Chi siamo - Contatti - Mining pool