Pavia e provincia: Pavese, Oltrepò Pavese, Lomellina, eventi, spettacoli e manifestazioni di Pavia e provincia
giovedì, 28 gennaio 2021 (438) Qual Buon Vento, navigante! » Entra


 
Articoli della stessa rubrica
» Squali, predatori perfetti"
» Pretesti per una mostra. Sergio Ruzzier a Pavia
» Lady Be Mosaici Contemporanei
» Oltre lo sguardo
» Looking for Monna Lisa
» Attraverso i nostri occhi
» Un patrimonio ritrovato
» Spazio sospeso
» Hokusai, Hiroshige, Utamaro. Capolavori dell'arte giapponese
» EXIT hotel fantasma in provincia di Pavia
» Colore e tempo
» Il paesaggio geometrico italiano di origine Romana
» Per un capriccio. 12 opere per Paolo Della Grazia
» "I colori della speranza"
» Sopra il vestito l'arte:dialogo d'artista
» Prima che le foglie cadano
» La bellezza della scienza
» Mostra "Natura ed artificio in biblioteca"
» Schiavocampo - Soddu
» De Chirico, De Pisis, Carrà. La vita nascosta delle cose

Vedi archivio

 
Altri articoli attinenti
» Lectio magistralis di Vittorio Sgarbi
» Scienziati in prova
» Notte dei Ricercatori - Settimana della Scienza
» Il paesaggio geometrico italiano di origine Romana
» Porte Aperte
» Giornata del Laureato
» Bloomsday
» Nuove generazioni - I volti giovani dell'Italia multietnica
» Tutto quello che avreste voluto sapere sulla Pila di Volta
» Paolo Gentiloni, Roberto Maroni e Ferruccio de Bortoli a Pavia
» Viaggio nel lato oscuro dell'universo
» Scienziati in Prova
» SHARPER: il volto umano della ricerca
» Fiera delle Organizzazioni Non Governative e della Società Civile
» Giornata del Laureato
 
Pagina inziale » Università » Articolo n. 10042 del 9 settembre 2011 (4778) Condividi su Facebook Stampa Salva in formato PDF
Raccontare l’Italia Unita
Raccontare l’Italia Unita
S’inaugura giovedì mattina la mostra Raccontare l’Italia Unita: le carte del Fondo Manoscritti, organizzata e curata dal Centro Manoscritti dell’Università di Pavia in occasione dei 650 anni dell’Ateneo.
La mostra, che si chiude con una sezione dedicata a PAD-Pavia Archivi Digitali, è realizzata in collaborazione con la Fondazione Maria Corti, la Biblioteca Centrale Universitaria, la Biblioteca Civica, il Fondo Turconi, PAD-Pavia Archivi Digitali e il Centro APICE di Milano (prof.ri Maria Antonietta Grignani, Angelo Stella e Umberto Anselmi Tamburini), con allestimento dell’arch. Enrico Valeriani.

L’esposizione presenta una scelta di importanti carte e documenti del Fondo Manoscritti dell’Università di Pavia e della Fondazione Corti, con l’apporto di altri Enti o Centri pavesi e milanesi.
La vicenda italiana, dal momento preunitario ai giorni nostri, può essere osservata dalla particolare prospettiva degli archivi di intellettuali, che a vario titolo hanno contribuito alla coscienza unitaria, ora in qualità di protagonisti, ora nella veste di promotori di uno sguardo retrospettivo sulla memoria storica e civile (manoscritti autografi, dattiloscritti, lettere, prime edizioni, riviste, disegni, fotografie e materiale iconografico).
 
A partire da Ugo Foscolo e dai suoi interlocutori, figure centrali del periodo pre-unitario, si esemplificano le varie tappe che hanno caratterizzato il processo unitario, compresa la tensione verso una lingua comune, diffusa nei vari strati della società.
Si mostrano documenti di Giovanni Verga, Luigi Capuana e Emilio De Marchi nella Milano di fine Ottocento; il Pinocchio di Carlo Collodi e i vari ritorni su questo libro, che fu lettura-guida e mito, da parte di scrittori del secondo Novecento (Giorgio Manganelli, Luigi Compagnone).
 
Seguono l’irredentismo e l’esperienza della prima guerra mondiale (D’Annunzio, Scipio Slataper, Giani Stuparich, Cesare Angelini); il dopoguerra, con il conflitto tra Fascismo e oppositori, che ha visto coinvolti o vittime anche gli intellettuali (da una parte Mino Maccari, Romano Bilenchi, Indro Montanelli; dall’altra Carlo Levi, Eugenio Montale, i fratelli Rosselli e gli esuli ebrei).
La seconda guerra mondiale e la Resistenza sono testimoniati dalla poesia (Alfonso Gatto, Salvatore Quasimodo, Umberto Saba), da narratori come Mario Rigoni Stern, Fausta Cialente, Luigi Meneghello; il quindicennio tra la Liberazione e l’inizio degli anni Sessanta da opere e lettere di Goffredo Parise, Italo Calvino, Ennio Flaiano.

L’ultimo cinquantennio vede scrittori e riviste di cultura impegnati nelle inquietudini e polemiche del passaggio da una società rurale a una realtà industriale (Alfredo Giuliani, Antonio Porta, Edoardo Sanguineti e la Neoavanguardia) e successivamente nelle contraddizioni dell’assetto postindustriale e di rivoluzione dei mezzi comunicativi o di stampa.
In quest’ultima sezione trovano posto, tra gli altri, autografi di Umberto Eco, Andrea Zanzotto, Amelia Rosselli, Sergio Romano e Maria Corti, narratrice e studiosa che ha creato il Fondo Manoscritti pavese.
Un’apertura sull’evolversi degli strumenti di scrittura e lettura è costituita dal progetto Pavia Archivi Digitali ideato e proposto da Beppe Severgnini.
 
La mostra sarà inaugurata da una lectio di Gian Luigi Beccaria, Presidente del Centro Manoscritti. Interverranno il Rettore Angiolino Stella, il Direttore del Centro Manoscritti Maria Antonietta Grignani, Emilio Giannelli, che ha realizzato l’immagine del manifesto e l’ideatore di PAD-Pavia Archivi Digitali, il giornalista e scrittore Beppe Severgnini.
 
 Informazioni 
Dove: Aula Disegno, Palazzo centrale dell’Università, c.so Strada Nuova, 65 – Pavia
Quando: dal 15 settembre (inaugurazione alle 11.00) al 4 novembre 2011, lun.-ven.: 10.00-12.00 / 14.00-17.00, sab. e dom.: 15.00-18.00
Per informazioni: Comunicazione e relazioni esterne dell’Università di Pavia – tel. 0382/984223, e-mail: relest@unipv.it; Centro di ricerca interdipartimentale sulla tradizione manoscritta di Autori moderni e contemporanei dell’Università di Pavia – tel. 0382/984547, e-mail: jader.bosi@unipv.it
 

Comunicato Stampa

Pavia, 09/09/2011 (10042)




MiaPavia è una testata giornalistica registrata, © 2000- 2021 Buon Vento S.r.l. - P.I. IT01858930181
Tutti i diritti sono riservati - Chi siamo - Contatti - Mining pool