Pavia e provincia: Pavese, Oltrepò Pavese, Lomellina, eventi, spettacoli e manifestazioni di Pavia e provincia
martedì, 26 settembre 2017 (468) Qual Buon Vento, navigante! » Entra


 
Articoli della stessa rubrica
» Contempora Langobardorum
» La sovrana delle scienze
» Antologica di Carlo Zanoletti
» Flora umana
» Mente Captus
» Regine e Re longobardi
» Longobardi. Un popolo che cambia la storia
» Natura cosciente
» La "nuova" Quadreria dell'Ottocento
» Le meraviglie del mondo sommerso
» "Il giardino è aperto": libro e mostra
» L'esperienza della pura perfezione
» Mi ricordo, sì, io mi ricordo…
» In principio lo stupore
» Taxi con vista
» Trame ed Enigmi
» Pavia Fotografia. Impressioni fotografiche
» Nel Segno del Dragnone
» Arte grafica italiana del XX secolo, dalla A alla Z
» Mostra dei Pelargoni

Vedi archivio

 
Altri articoli attinenti
» Contempora Langobardorum
» La sovrana delle scienze
» Vedo nero
» Echi longobardi a Pavia e oltre
» La strage di Piazza Fontana: giustizia, storia e memoria
» Biblioteca Universitaria: apertura straordinaria
» Antologica di Carlo Zanoletti
» A tu per tu con Laocoonte
» Mente Captus
» Regine e Re longobardi
» Longobardi. Un popolo che cambia la storia
» Natura cosciente
» Festa patronale di San Contardo
» Festa di Sant'Agostino
» A tu per tu con Francesco I
 
Pagina inziale » Cultura » Articolo n. 10063 del 14 settembre 2011 (3458) Condividi su Facebook Stampa Salva in formato PDF
Gli Ebrei a Pavia
Gli Ebrei a Pavia
Il Comune di Pavia e l’associazione Pavia Città Internazionale dei Saperi inaugurano giovedì la mostra documentaria “... persone, vicende, parole ritrovate...Gli ebrei a Pavia fino all’espulsione (1597), organizzata dalla Biblioteca Civica Bonetta – Archivio Storico Civico in collaborazione con l’Università di Pavia e con l’Archivio di Stato di Pavia.
 
Aprirà l’esposizione la presentazione del volume Fideles servitores nostri ebrei in civitate Papie, a cura di Ezio Barbieri, professore di Diplomatica e di Paleografia del documento tardo-medievale presso la nostra Università.
 
Il libro, nato parallelamente alla mostra, di cui riprende nella copertina la composizione grafica del manifesto, trae origine e linfa dall’indagine sui documenti, editi e inediti, in volgare e in latino, letti, tradotti e interpretati alla luce di nuove metodologie di ricerca.
Nel volume-catalogo si delineano azioni e attività quotidiane, rituali di preghiera, momenti fondamentali dell’esistenza quali il matrimonio, la morte, la sepoltura; emergono figure di uomini e donne; si definiscono gli spazi e i tempi in cui tutto ciò si muove, si consuma e si conclude con la cacciata del 1597 per, forse, continuare altrove.
 
Nella sua premessa, a firma dell’assessore alle Biblioteche Civiche Marco Galandra, si legge:
«Tra il Trecento e il Cinquecento Pavia registra una presenza non numerosa eppure a volte altamente significativa di ebrei.
Si tratta di un mondo che con il 1597 è stato coperto dal silenzio, come interrate (ma forse ancora recuperabili) sono le tracce fisiche di questa presenza, nelle espressioni più cariche di sacralità: i cimiteri e le pietre tombali.
Meno difficile dal punto di vista logistico, ma ugualmente impegnativo, è il recupero sistematico delle tracce nelle pergamene, nelle filze notarili e nei fondi che conservano atti delle cancellerie di Milano e di Madrid.
La ricerca di documenti era stata condotta già oltre un quarantennio fa sotto la direzione di Shlomo Simonsohn, con la qualificata collaborazione di Renata Segre e con l’indispensabile apporto di ricerche locali di Felice Milani. Questa è stata la base per una ripresa con nuove tecniche di indagine. […]
Si tratta di un tema che non può essere circoscritto alla sola città di Pavia, viste le frequenti trasmigrazioni degli ebrei che risiedettero per un periodo più o meno lungo in città o nel territorio: per questo i ricercatori hanno percorso strade anche poco battute, indagando in archivi italiani – soprattutto lombardi - e spagnoli.
La ricerca è tutta fondata sui documenti: da quelli già noti ma approfonditi nei vari aspetti linguistici, storici, quasi vivisezionati, fino alle recenti scoperte e ai nuovi arricchimenti di materiale inedito e inesplorato.
Questo volume vuole essere un ponte tra due culture perché, se contiene essenzialmente analisi di documenti latini, al contempo apre verso documenti finora rimasti localmente nascosti, difficoltosi da leggere e da intendere per motivi linguistici e culturali
 
Calendario degli eventi correlati:
 
 Giovedì 15 settembre, ore 17.00
Inaugurazione della mostra e presentazione del volume:
Fideles servitores nostri ebrei in civitate Papie - Documenti e riflessioni sugli ebrei a Pavia fino alla espulsione (1597), a cura di Ezio Barbieri, con interventi degli altri curatori (Davide Maffi, Giuseppe Polimeni, Fabio Romanoni, Stefania Lunghi, Stefania Roncolato, Alba Osimo, Mafalda Toniazzi, Giovanni Zaffignani).
 
 Venerdì 16 settembre ore 18.00
Conferenza di Stefania Roncolato - I contratti matrimoniali nella tradizione ebraica
 Sabato 17 settembre, ore 17.00
Incontro con Renata Segre, presiede Daniela Rando dell’Università di Pavia
 
 Domenica 18 settembre, ore 17.00
Incontro con Michele Luzzati, Direttore del Centro interdipartimentale di Studi Ebraici dell’Università di Pisa, presiede Daniela Rando dell’Università di Pavia.
 
 
 Informazioni 
Dove: Santa Maria Gualtieri - piazza della Vittoria - Pavia
Quando: dal 15 settembre (inaugurazione ore 17.00) al 4 ottobre 2011, dal martedì al venerdì: 16.30-19.30; sabato e domenica 10.30-12.30 / 16.30-19.30; lunedì chiuso.
Informazioni: per eventuali visite guidate di gruppi, anche fuori orario, contattare: ezio.barbieri@unipv.it
gzaffignani@comune.pv.it
 
 
Pavia, 14/09/2011 (10063)

RIPRODUZIONE VIETATA
www.miapavia.com è testata giornalistica, il contenuto di queste pagine è protetto dai diritti d'autore.
In caso di citazione o utilizzo, si prega di evidenziare adeguatamente la fonte.



MiaPavia è una testata giornalistica registrata, © 2000- 2017 Buon Vento S.r.l. - P.I. IT01858930181
Tutti i diritti sono riservati - Chi siamo - Contatti