Pavia e provincia: Pavese, Oltrepò Pavese, Lomellina, eventi, spettacoli e manifestazioni di Pavia e provincia
giovedì, 28 maggio 2020 (943) Qual Buon Vento, navigante! » Entra


 
Articoli della stessa rubrica
» XXVI edizione del Festival Borghi&Valli
» Vittadini Jazz Festival 2019
» l'EX|ART Film Festival
» Maggio in musica
» Da settembre la nuova stagione del Cirro
» Da Mozart a Glenn Miller
» Nkem Favour Blues Band
» Altissima Luce
» Ultrapadum 2016
» Serenata Kv 375
» 4 Cortili in Musica
» Maggio in musica
» Con Affetto
» Mirra-Mitelli chiudono Dialoghi
» La Risonanza a Pavia Barocca
» Dialoghi: Guidi-Maniscalco
» Sguardi Puri
» Le piratesse della Jugar aprono Piccoli Argini
» Il cinema è servito!
» Ultrapadum agostano

Vedi archivio

 
Altri articoli attinenti
» Francesca Dego in concerto
» Al Borromeo l'omaggio a Beethoven
» Christian Meyer Show
» Concerto di Natale - Merry Christmas in Jazz & Gospel
» Festival di Natale - ¡Cantemos!
» Festival di Natale - El Jubilate
» Festival di Natale - Hor piango, hor canto
» Concerto di Natale
» Festival di Natale - O prima alba del mondo
» Up-to-Penice omaggia De Andrè
» Duo violino e violoncello
» Cori per il Togo
» Open-day al Vittadini. Laboratori musicali per l'infanzia
» Stayin' alive LVGP sings 70s
» Omaggio a Offenbach e Lirica del cuore
 
Pagina inziale » Musica » Articolo n. 10716 del 10 aprile 2012 (2260) Condividi su Facebook Stampa Salva in formato PDF
Dialoghi chiude con Bowie e Ottolini
Dialoghi chiude con Bowie e Ottolini
Venerdì 13 aprile si conclude a Pavia la XIV edizione di “Dialoghi: jazz per due”, rassegna organizzata dall’Assessorato alla Cultura del Comune di Pavia.
 
Protagonisti del concerto due trombonisti d’eccezione: lo statunitense Joe Bowie (noto anche come leader dei Defunkt) e l’italiano Mauro Ottolini.
 
Separati da quasi vent’anni di differenza anagrafica (il primo è nato nel 1953, mentre il secondo nel 1972), Joe Bowie e Mauro Ottolini trovano comune terreno d’intesa nel jazz che, se per l’americano si rifà alla cultura nera, che per lui rappresenta un naturale background, per l’italiano (nato a Bussolengo, in provincia di Verona) il jazz e le musiche a esso collegate costituiscono il frutto di una passione sincera.
Sopra la loro unione troneggia la figura del compianto Lester Bowie, una delle colonne portanti dell’Art Ensemble of Chicago, fratello maggiore di Joe, e musicista tra i più amati dal nostro Ottolini.
 
Joe Bowie ha cominciato a farsi conoscere nella nativa St. Louis dei primissimi anni Settanta, collaborando con musicisti associati al Black Artists Group. Nello stesso periodo ha suonato con Cecil Taylor, Ornette Coleman, Sam Rivers, e altri. Dopo aver fatto parte dello Human Arts Ensemble, ha dato vita (a New York) ai Defunkt, formazione che s’inventa una spettacolare fusione fra jazz e funk.
 
Diplomatosi in trombone al Conservatorio di Verona, Mauro Ottolini è anche specialista del meno usuale sousaphone, tipico delle marching band di New Orleans. Da qui un’originalissima sintesi di stili, suoni, ritmi (inclusi funk e reggae), che Ottolini (dimostrando anche doti di originale arrangiatore) ha fatto confluire negli album a proprio nome, Sousaphonix, The Sky Above Braddock e I Separatisti Bassi.
Ottolini ha anche collaborato con Vinicio Capossela, Enrico Rava (suoi sono gli arrangiamenti del recente progetto dedicato dal trombettista a Michael Jackson), Gianluca Petrella e altri.
 
 Informazioni 
Quando: venerdì 13 aprile 2012, ore 21.00
Dove: S. Maria Gualtieri, piazza della Vittoria - Pavia
 
 

Furio Sollazzi

Pavia, 10/04/2012 (10716)

RIPRODUZIONE VIETATA
www.miapavia.com è testata giornalistica, il contenuto di queste pagine è protetto dai diritti d'autore.
In caso di citazione o utilizzo, si prega di evidenziare adeguatamente la fonte.



MiaPavia è una testata giornalistica registrata, © 2000- 2020 Buon Vento S.r.l. - P.I. IT01858930181
Tutti i diritti sono riservati - Chi siamo - Contatti - Mining pool