Pavia e provincia: Pavese, Oltrepò Pavese, Lomellina, eventi, spettacoli e manifestazioni di Pavia e provincia
sabato, 5 dicembre 2020 (413) Qual Buon Vento, navigante! » Entra


 
Articoli della stessa rubrica
» Dame e Cavalieri di oggi e di ieri
» 14^ Scarpadoro - via alle iscrizioni!
» BirrArt 2019
» Torre in Festa
» Festival dei Diritti 2019
» Ticino EcoMarathon
» Pavia per gli animali
» Mostra mercato “Antiche varietà agricole locali e piante spontanee mangerecce”
» “Barocco è il mondo” Sbarco Sulla Luna
» Non solo Cupola Arnaboldi – Pavia fa!
» Festa del Ticino 2019
» Scarpadoro di Capodanno
» Giornata del Laureato
» Africando
» Palio del Ticino
» BambInFestival 2019
» RisvegliAmo la Relazione: Io e l'Ambiente – II edizione
» Festa del Roseto
» Festa di Primavera: Mostra dei Pelargoni
» Next Vintage

Vedi archivio

 
Altri articoli attinenti
» Il Carnevale degli Animali... al Museo!
» Il Sentiero dei Piccoli - Open Day
» Biodiversità degli animali
» Riabitare l'Italia & Appennino atto d'amore
» Festa dell'Albero 2019
» Lotte biologica, l'importanza dell'impollinazione da parte delle api
» Come moltiplicare le piante in casa: tecniche e consigli
» Corso sulla biodiversità urbana
» Passeggiata naturalistica
» Corso base di acquarello naturalistico
» La Margherita di Adele
» Pavia per gli animali
» Mostra mercato “Antiche varietà agricole locali e piante spontanee mangerecce”
» BiodiverCittà - passeggiata al Parco della Sora
» Biodivercittà - passeggiata al Parco della Vernavola
 
Pagina inziale » Ambiente » Articolo n. 10955 del 15 giugno 2012 (3534) Condividi su Facebook Stampa Salva in formato PDF
Hortus
Hortus
Si apre giovedì nel capoluogo il festival botanico ed enogastronomico Hortus, una quattro-giorni dedicata alla grande tradizione dell’hortus conclusus, grazie alla presenza millenaria nel Pavese di conventi, monasteri e collegi dotati di pertinenze coltivate a orto.
 
Ideata dalla Condotta Slow Food di Pavia, coordinata dall’associazione Venice Events Academy, e sostenuta dal Comune di Pavia, la manifestazione vede la collaborazione della Confraternita del Risotto, dell’associazione dei sommelier Fisar Pavia e dell’associazione Amici dell’Orto Botanico. Teatro del Festival sarà centro storico della città e vedrà per la prima volta riunite tre realtà secolari, notissime e apprezzate a livello nazionale e internazionale: l’Orto Botanico dell’Università di Pavia, l’Almo Collegio Borromeo e l’antica area degli Orti Borromaici (con il punto di ristoro “Gli Orti”).
 
È un evento importante che abbiamo voluto inserire nella Festa del Ticino, – ha commentato l’assessore alla Cultura Gian Marco Centinaio in sede di presentazione che offre possibilità di confronto anche su argomenti d’attualità – come gli orti urbani – su cui il Comune sta lavorando”.
 
Si parlerà di buon cibo, che subito mi evoca l’immagine di un orto – ha affermato la professoressa Katia Ferri Melzi d’Eril, responsabile della comunicazione di Slow Food Pavia e organizzatrice di Hortuse l’Orto Botanico non sarà solo un giardino botanico, ma uno strumento che, grazie alle tante collaborazioni attivate, permetterà di ospitare tante iniziative diverse, anche di carattere ludico…”,  “…Che poi l’aspetto ludico è solo “uno specchietto per le allodole” – ha subito precisato il principe Maurice Agosti Montenaro Durazzo di Venice Events Academy  poiché temi “leggeri” e “cool” come la possibilità di diventare modelli per un giorno attireranno anche i più giovani verso iniziative di tipo culturale”.
 
Nell’ambito del festival, infatti, si terranno oltre 50 eventi tra cui non solo visite guidate, degustazioni, cocktail e momenti culinari, ma anche lezioni universitarie accreditate, laboratori, corsi e seminari in verranno coinvolti alcuni studenti universitari dei corsi Scienze Naturali e Cim, nell’ambito dei rispettivi tirocini formativi.
Molti laboratori saranno gratuiti, alcuni saranno riservati ai tesserati premium e condotti da esperti di ogni settore, dalla cucina all’orticoltura, dalla profumeria allo styling.
 
Giovedì 21, alle 17.00, si terrà l’apertura del festival con la lectio del Direttore dell’Orto Botanico prof. Francesco Sartori, che ha ricordato quanto sia importante nella figura dell’Orto come “Officina di Cultura”, non dimenticare anche l’aspetto goliardico e a tal proposito, ricorda: “Quando mi è stata proposta questa manifestazione, sono andato con la mente a una foto dell’Orto dei primi del ‘900 che ritraeva un ballo in maschera in cui, tra gli ospiti in costume e finti strumenti musicali, faceva capolino un premio Nobel, il nostro Golgi…”.
Seguiranno le relazioni dei vertici di Slow Food e gli interventi delle autorità cittadine nell’Aula Magna dell’Orto Botanico.Ospite d’onore sarà il critico gastronomico Davide Oltolini.  
Saranno inoltre inaugurate le 3 mostre permanenti: “L’Orto di Carta”, le collezioni di Angelo Godino, “L’Orto di Carosello” di Katia Ferri Melzi d’Eril e “Iconografia botanica, i tesori dell’Orto Botanico di Pavia” a cura della Biblioteca dell’Orto Botanico, diretta da Francesca Cattaneo. L’evento sarà allietato dalle verdure scolpite in diretta dal prof. Della Casa e da un cocktail a inviti.
 
Venerdì 22 inizieranno i laboratori per bambini e si terrà una giornata dedicata ai agli addetti ai lavori con visite alla Banca del Seme, masterclass per aspiranti sommelier e un convegno dal titolo “Orti civici a Pavia e nel territorio padano” presieduto dal vicesindaco di Pavia Gian Marco Centinaio, che dibatterà con l’architetto Claudio Cristofani che gestisce 130 orti a Milano e altri sindaci questo tema “caldo” di grande interesse a livello nazionale in tempo di crisi.
 
Da venerdì a domenica Hortus propone all’Orto Botanico 5 visite guidate al giorno a cura dell’associazione Amici dell’Orto Botanico.
Tra i momenti più conviviali, gli aperitivi Happy Hortus: il pubblico potrà entrare come socio sostenitore pagando una quota associativa di 10 euro ed essere così invitato a una degustazione guidata di vini e spumanti con l’associazione dei sommelier Fisar o a una degustazione di risotto con la Confraternita del Risotto. 
Il riso è un evidente risorsa del nostro territorio – ha sottolineato la professoressa Luigia Favalli nella duplice veste di rappresentante di Slow Food e della Confraternita del Risotto – che, come avremo modo di scoprire, ben si accosta non solo ad ortaggi, ma anche a frutta e fiori”.
 
Negli stessi giorni si terrà anche un fashion contest a tema vegetal-floreale: in fondo al parco, di fronte al centenario Platano di Scopoli, si terrà “Models for a day”, un set fotografico di moda dove chiunque, dai 12 ai 62 anni, potrà farsi vestire con abiti sportivi e vintage e farsi fotografare, per essere proclamato “top model” (domenica 24 alle 18.00) da giuria di esperti e giornalisti presieduta dal Principe Maurice Agosti Montenaro Durazzo, attore e performer internazionale, e dal vicedirettore del portale Lux Gallery, Francesca Zottola.
 
Sabato 23 sarà protagonista l’Almo Collegio Borromeo, che prosegue la sua mission formativa di alto livello, conservando nel suo perimetro veri e propri tesori: il palazzo costruito tra ‘500 e ‘600, il giardino all’italiana e la grande area dell’hortus, oggi non più coltivato ma sede di un grande polmone verde di fronte al Ticino, un delizioso parco privato con il punto di ristoro gli Orti.
La Sala degli Affreschi sarà visibile nel pomeriggio, in occasione di una prestigiosa Masterclass di violoncello con Franz Helmerson. Sarà possibile visitare il Collegio Borromeo anche domenica 24 (dalle 15.00 alle 17.30) per ammirare alcuni magnifici ambienti: il cortile monumentale, la cappella e lo splendido giardino rinascimentale.
Nello stesso giorno, la scrittrice Daniela Folco presenterà le storie di “Vladimiro, il vampiro ambientalista” e terrà un divertente laboratorio per bambini, seguito da un “mostruoso” aperitivo per bambini. Inoltre Augusto Gentilli presenterà il volume “La cucina ritrovata” a cura di Andrea Guolo, direttore del sito “Il mangione” edito da Morellini Editore.
 
Domenica 24 proseguiranno visite, laboratori, degustazioni. Sarà aperto ai visitatori di Hortus  il Punto di Ristoro “Gli Orti” che proporrà ancora un lunch con prodotti dei propri orti a 10 euro, mentre per la sera sarà creato un menù Slow con protagonisti i prodotti dei Presidi Slow Food della provincia di Pavia.
Nel pomeriggio, la scrittrice Ina Ghisolfi presenterà, nel cortile centrale dell’Orto Botanico, la sua ultima fatica “Per un pugni di riso”, con le ricette e le tradizioni delle cascine pavesi.
 
Tra gli ospiti d’onore di Hortus, scrittori di fantasy e di cucina: la star assoluta sarà la regina del fantasy Moony Witcher, che ha venduto oltre due milioni di copie con la saga di Nina, la bambina della Sesta Luna, con le storie di Geno (pubblicate da Giunti) e con la maga Morga pubblicata da Mondadori. Per 3 giorni (da venerdì a domenica) Moony terrà un corso di scrittura narrativa per adulti “Da un filo d'erba un libro” e domenica 24 terrà un laboratorio per ragazzi dal titolo intrigante: “Le piante magiche”.
Fabio Ivan Pigola terrà invece venerdì un corso di scrittura scientifica nell’aula Padiglione, nel parco.
 
Hortus chiuderà i battenti nel tardo pomeriggio con “Hat & Hortus”, aperitivo en tete che si terrà nel Cortile centrale dell’Orto Botanico. Dress code: abbigliamento floreale o frutti e fiori tra i capelli.
 
 Informazioni 
Dove: Pavia
Quando: dal 21 al 24 giugno 2012
Per informazioni e programma dettagliato: vedi il sito ufficiale della manifestazione

 

La Redazione

Pavia, 15/06/2012 (10955)

RIPRODUZIONE VIETATA
www.miapavia.com è testata giornalistica, il contenuto di queste pagine è protetto dai diritti d'autore.
In caso di citazione o utilizzo, si prega di evidenziare adeguatamente la fonte.



MiaPavia è una testata giornalistica registrata, © 2000- 2020 Buon Vento S.r.l. - P.I. IT01858930181
Tutti i diritti sono riservati - Chi siamo - Contatti - Mining pool