Pavia e provincia: Pavese, Oltrepò Pavese, Lomellina, eventi, spettacoli e manifestazioni di Pavia e provincia
venerdì, 27 novembre 2020 (344) Qual Buon Vento, navigante! » Entra


 
Articoli della stessa rubrica
» Passeggiate di Quartiere
» Merenda di fine estate
» Via degli Abati
» Week end di Farfalle...
» La birra dei Celti al castello di Stefanago
» A caccia di tartufi
» Il salame di Varzi e la corte dei Malaspina
» Aperitivo con vista: le api dei monti
» Da Varzi a Portofino
» Butterflywatching in Valle Staffora…. In cerca di rarità
» Orchidee in Oltre
» In bocca al lupo
» Tra vino e castelli
» Pane al pane
» Da Fego al rifugio Nassano
» Tra i vigneti del Versa sul sentiero delle torri
» Sentiero dei Castellani
» Passeggiata tra storia, natura e benessere....
» Le sabbie dell’Oltrepò
» Lunapiena Bike

Vedi archivio

 
Altri articoli attinenti
» Il Carnevale degli Animali... al Museo!
» Il Sentiero dei Piccoli - Open Day
» Biodiversità degli animali
» Riabitare l'Italia & Appennino atto d'amore
» Festa dell'Albero 2019
» Lotte biologica, l'importanza dell'impollinazione da parte delle api
» Come moltiplicare le piante in casa: tecniche e consigli
» Corso sulla biodiversità urbana
» Passeggiata naturalistica
» Corso base di acquarello naturalistico
» La Margherita di Adele
» Pavia per gli animali
» Mostra mercato “Antiche varietà agricole locali e piante spontanee mangerecce”
» BiodiverCittà - passeggiata al Parco della Sora
» Biodivercittà - passeggiata al Parco della Vernavola
 
Pagina inziale » Ambiente » Articolo n. 11147 del 17 settembre 2012 (4355) Condividi su Facebook Stampa Salva in formato PDF
Il sentiero di frate Ave Maria
Il sentiero di frate Ave Maria
L’associazione La Pietra Verde invita gli amanti del trekking a un’escursione eco-sportiva tra le valli Staffora e Nizza lungo il sentiero di frate Ave Maria, un tracciato ad anello che collega Oramala, l’eremo di Sant’Alberto di Butrio, Poggio Ferrato e di nuovo Oramala.
 
Dalla frazione di Oramala (750 metri s.l.m.), ubicata alle pendici del maestoso castello, si prosegue in direzione nord verso il paese di Nizza per circa 500 metri. Superato l’imbocco del sentiero "il passo dell’aquila" che raggiunge il parco locale di interesse sovracomunale di Valverde in alta val Tidone, si svolta a sinistra procedendo su un’ampia carrareccia in direzione Sagliano Crenna.
 
Il percorso fino al paese di Sagliano è quasi privo di dislivello, si snoda, infatti, tra immensi boschi di castagno e rovere e scorci mozzafiato sul castello di Oramala e la valle Staffora. Giunti a pochi minuti dal paese, il percorso svolta bruscamente a destra e prosegue in discesa incontrando prima il sentiero "il passaggio degli eremiti" che collega i paesi di Varzi e Ponte Nizza e, subito dopo, il rio Crenna, un affluente del torrente Staffora. Si risale la sponda del piccolo rio scavata tra le rocce e si raggiunge in salita la frazione di Case Fontanella (718 metri) e dopo pochi minuti l’eremo di Sant’Alberto (682 metri), abbazia fondata nell’XI secolo sui ruderi di una fortificazione romana dall’eremita Alberto e da molti considerata da molti la perla dell’Oltrepò Pavese.
 
Dall’eremo nei pressi della bacheca informativa a ridosso della secolare quercia, si prosegue su stradina sterrata in direzione est, seguendo per un tratto di circa 10 minuti di cammino due percorsi escursionistici: "l'Anello del re", percorso ad anello di circa 35 km che collega i paesi di Ponte Nizza a Sant’Albano e "il Passaggio degli eremiti", si scende tra boschi e coltivi, fino ad incontrare la piccola frazione di Monte (539 metri).
Si attraversa il piccolo nucleo di case e si prosegue su ampia sterrata che raggiunge il paese di Poggio Ferrato (590 metri). Superata la parte alta e storica del paese, si avanza su sentiero raggiungendo dopo pochi minuti la strada asfaltata che in circa 45 minuti raggiunge la frazione di Oramala meta finale della camminata.
 
Frate Ave Maria nasce a Pogli di Ortovero in provincia di Savona, con il nome di Cesare Pisano.
La sua vita cambia radicalmente quando, da ragazzino, giocando in paese con alcuni amici viene colpito involontariamente da un colpo di fucile ritenuto scarico perdendo irrimediabilmente la vista. Don Luigi Orione di Tortona lo ospita in un suo istituto assistito da una suora missionaria della Carità. Cesare Pisano attraversa un periodo molto difficile con una grande crisi di fede, ma dentro a sé stesso sente germogliare e crescere una particolare venerazione per la Madonna. È l’anno 1923 quando entra a fare parte degli eremiti ciechi della Divina Provvidenza (fondato da don Orione), poi viene destinato in un’isolata località allora poco conosciuta: l’eremo di Sant’Alberto. In questo luogo Cesare Pisano, indossa la veste e prende il noma di frate Ave Maria datogli da don Orione. La sua grande umiltà, saggezza e disponibilità attira la venerazione di tantissime persone che desiderano incontrarlo per essere confortati, consigliati o aiutati spiritualmente. Il 21 gennaio 1964 frate Ave Maria muore e le sue spoglie, venerate nell’eremo che lo ha visto in seguito diventare santo, sono meta ogni giorno di pellegrinaggi e ritiri spirituali.
Gli organizzatori suggeriscono ai partecipanti di portare: pranzo al sacco, mantellina impermeabile, scarponcini da trekking, bastoncini da trekking e macchina fotografica.
 
 Informazioni 
Dove: Piazza del Municipio - Ponte Nizza
Quando: domenica 23 settembre 2012, ore 9.00
Partecipazione: euro 3,00 per i non associati alla Pietra Verde, cui verrà rilasciata la tessera giornaliera per la copertura assicurativa.
Per informazioni e prenotazioni: tel. 338/5291405, 338/4994045, 338/4343604.

 

 
 
Pavia, 17/09/2012 (11147)




MiaPavia è una testata giornalistica registrata, © 2000- 2020 Buon Vento S.r.l. - P.I. IT01858930181
Tutti i diritti sono riservati - Chi siamo - Contatti - Mining pool