Pavia e provincia: Pavese, Oltrepò Pavese, Lomellina, eventi, spettacoli e manifestazioni di Pavia e provincia
giovedì, 1 ottobre 2020 (1458) Qual Buon Vento, navigante! » Entra


 
Articoli della stessa rubrica
» Macadam: Latitudine incrociate
» Fabrizio Poggi & Chicken Mambo: Spaghetti Juke Joint
» Nat Soul Band: Not so bad
» Far Out
» Ho sbagliato secolo
» Shag’s Airport
» Blues, Blues e ancora Blues
» Accordiamoci
» Il leone nell’Arena
» Francesco Garolfi: Un posto nel mondo
» Alberto Tava: il nuovo disco Mediterraneo
» Il matrimonio che vorrei: da oggi a Pavia
» Magic Mike: quando è lui a spogliarsi...
» Il rosso e il blu: scuola italiana...
» I Beach Boys in Italia: c’ero anch’io!
» Giorgia, che sorpresa!
» Il ritorno dell'uomo armonica
» Wanna Be Startin’ Somethin’. Thriller rivisitato
» Un disco tutto pavese per Woody Guthrie
» "Tutti Pazzi per Marco Pazzi"

Vedi archivio

 
Altri articoli attinenti
» Il Mio Film. III edizione
» Nel nome del Dio Web
» Incontro al Caffè Teatro
» La Principessa Capriccio
» Fra moglie e marito… Drammi del linguaggio
» Gran Consiglio (Mussolini)
» La Farina Dal Diaul La Finisa In Crusca
» Corpi in gioco
» Guglielmo Tell
» Il sogno di Peter Pan
» Le signorine
» Grease
» Petit Cabaret 1924
» La Tempesta
» Crossroads 2019 - Il Cinema dei percorsi di fede
 
Pagina inziale » Spettacoli » Articolo n. 11208 del 8 ottobre 2012 (5491) Condividi su Facebook Stampa Salva in formato PDF
Reality: ma quando ANCHE a Pavia?
Reality: ma quando ANCHE a Pavia?
Chi se lo ricorda Matteo Garrone a Pavia ai tempi de' L'imbalsamatore?
Prima la serata al Corallo per presentare il suo film, poi il bel dibattito seguito col pubblico di Sguardi Puri '02 e il giorno seguente, una fredda ma limpida mattina di gennaio di quasi dieci anni fa, dopo cappuccio e brioche “alla marmellata di mele” da Cesare, un salto a Santa Maria Gualtieri, per incontrare i ragazzini di quarta e quinta elementare, che gli facevano le domande più immediate e spontanee. Delle tante, cui Matteo risponde con sincera passione, ricordo quella di un bambino “impertinente”, che dopo averci squadrato per la prima mezz'ora spara in faccia a Garrone: “... si, va bene, ma tu quanto hai guadagnato nell'ultimo anno?”. Evidentemente il nostro voleva rassicurarsi che non morissimo proprio di fame...
 
Ecco. Questa era Pavia dieci anni fa. Un posto che accoglieva ospitale, chi presto avrebbe vinto i premi più prestigiosi dei Festival più importanti qualche anno dopo. Ma senza retorica. Senza ridicola prosopopea. Per il gusto di discutere insieme. Con la volontà di confrontarsi. Per il piacere più autentico: quello di imparare cose nuove, di provare sensazioni, emozioni differenti.
Mi spiegate per favore perché mai tutto ciò non potrebbe più essere vero oggi?
Troppo difficile? Beh, allora andiamo al film.
 
E cominciamo dicendo che il nostro bimbetto deve aver portato fortuna a Garrone se è vero che, dopo Primo amore il nostro vince con Gomorra il Gran Premio della Giuria al Festival di Cannes oltre a svariati David di Donatello e di nuovo con quest'ultimo, Reality, il Gran Prix della Giuria, sempre al più importante festival di cinema di tutto il mondo.
Siamo a Napoli, dove Luciano Ciotola vive in un palazzo cadente con moglie, figli e numerosi parenti. Di suo Luciano gestisce una pescheria, ma per sbarcare il lunario ha pure avviato, con la moglie un traffico illegale di prodotti casalinghi automatizzati.
Poiché Luciano si sente portato per lo spettacolo, un giorno i familiari lo spingono a partecipare ad una selezione de "Il Grande Fratello". Da questo momento la sua vita prende una piega che ne muta completamente ogni prospettiva.
 
“Dopo Gomorra volevo fare un film diverso, volevo cambiare registro così ho deciso di tentare la via della commedia”. E se formalmente il film è davvero di genere, contenutisticamente la storia non potrebbe essere più nera. Reality è tragico. Tragico quanto e anche più di Gomorra, perché i danni dei “reality” su uno strato larghissimo di chi sta davanti ad una TV non sono ancora sentiti nella loro vera dimensione.
È la percezione stessa del reale quella di cui stiamo parlando. Un'arma fortissima. Un grimaldello formidabile per attaccare quell'ormai flebile legame, che ci tiene ancorati alla realtà. Reality come squarcio doloroso allora. Un ritratto che ci riguarda tutti. Fanatici o meno di questi “famosi” format.
 
 Informazioni 
 

Roberto Figazzolo

Pavia, 08/10/2012 (11208)

RIPRODUZIONE VIETATA
www.miapavia.com è testata giornalistica, il contenuto di queste pagine è protetto dai diritti d'autore.
In caso di citazione o utilizzo, si prega di evidenziare adeguatamente la fonte.



MiaPavia è una testata giornalistica registrata, © 2000- 2020 Buon Vento S.r.l. - P.I. IT01858930181
Tutti i diritti sono riservati - Chi siamo - Contatti - Mining pool