Pavia e provincia: Pavese, Oltrepò Pavese, Lomellina, eventi, spettacoli e manifestazioni di Pavia e provincia
sabato, 19 settembre 2020 (901) Qual Buon Vento, navigante! » Entra


 
Articoli della stessa rubrica
» Squali, predatori perfetti"
» Pretesti per una mostra. Sergio Ruzzier a Pavia
» Lady Be Mosaici Contemporanei
» Oltre lo sguardo
» Looking for Monna Lisa
» Attraverso i nostri occhi
» Un patrimonio ritrovato
» Spazio sospeso
» Hokusai, Hiroshige, Utamaro. Capolavori dell'arte giapponese
» EXIT hotel fantasma in provincia di Pavia
» Colore e tempo
» Il paesaggio geometrico italiano di origine Romana
» Per un capriccio. 12 opere per Paolo Della Grazia
» "I colori della speranza"
» Sopra il vestito l'arte:dialogo d'artista
» Prima che le foglie cadano
» La bellezza della scienza
» Mostra "Natura ed artificio in biblioteca"
» Schiavocampo - Soddu
» De Chirico, De Pisis, Carrà. La vita nascosta delle cose

Vedi archivio

 
Altri articoli attinenti
» Vacchi e Bossini agli Incontri Musicali del Collegio Borromeo
» Carnevale al Museo della Storia
» Leonardo e Vitruvio. Oltre il cerchio e il quadrato
» Vittorio Sgarbi e Leonardo
» Narrare l'Antico: Sole Rosso di Grazia Maria Francese
» Squali, predatori perfetti"
» Visual Storytelling. Quando il racconto si fa immagine
» I linguaggi della storia: Il formaggio e i vermi
» Giornata della memoria. Il cielo cade
» Pretesti per una mostra. Sergio Ruzzier a Pavia
» La Storia organaria di Pavia
» Postazione 23
» Il "Duchetto" di Pavia
» Libri al Fraccaro
» La cospirazione dei tarli
 
Pagina inziale » Cultura » Articolo n. 11396 del 7 dicembre 2012 (3852) Condividi su Facebook Stampa Salva in formato PDF
I colori del tempo a Pavia
I colori del tempo a Pavia
Fino al 3 febbraio, il Castello Visconteo di Pavia ospiterà la mostra d’arte moderna e contemporanea I colori del tempo, mostra didattica sull’arte del ’900: artisti, stili, movimenti che hanno rappresentato la società nel mondo dell’arte moderna e contemporanea.
 
Il corpus espositivo si articola intorno a 130 opere di 100 grandi maestri italiani e internazionali del XX e XXI secolo provenienti da importanti collezioni private e prestigiose gallerie d’arte.
 
Il progetto, promosso dal centro culturale “Giorgio La Pira” Onlus e patrocinato dal Comune di Pavia, è stato curato dallo storico e critico d’arte Giosuè Allegrini.  
E alle parole di quest’ultimo, lasciamo la presentazione dell’esposizione.
«La presente mostra si rivolge principalmente ad un pubblico eterogeneo, desideroso di approfondire, tramite un nuovo concetto di diffusione culturale-didattica, in chiave tradizionale e web-performativa, la storia dell’arte moderna e contemporanea ed il relativo rapporto fra arte e società, particolarmente importante per la crescita personale e sociale dell’individuo; ciò a riprova del fatto che oltre il 70% del patrimonio culturale mondiale è afferibile all’Italia e che anche il suddetto incipit genetico novecentista e contemporaneo necessita, direi obbligatoriamente, di un’adeguata veicolazione e conseguente presa di coscienza nazionale. Lo scopo è, in sintesi, quello di fornire un contributo alla futura società della conoscenza, attraverso la valorizzazione di quell’inestimabile patrimonio conoscitivo e valoriale correlato al nostro Paese, giungendo così a creare un capitale sociale condiviso da tutti, in quanto la cultura è patrimonio di tutti e da tutti deve essere amata e rispettata.
Il dispositivo artistico-didattico utilizzato per agevolare la comprensione del percorso espositivo è, come vedremo in seguito, il “Diagramma di Barr” che riconduce i vari movimenti/correnti dei primi 35 anni del Novecento (le cosiddette avanguardie storiche) in una sorta di mappa topografica dell’arte improntata secondo due linee tendenziali: la “Non Geometrical Abstract Art” (o Arte Astratta Non Geometrica) e la “Geometrical Abstract Art” (o Arte Astratta Geometrica). Il suddetto metodo di interpretazione artistica novecentista è stato poi ulteriormente perfezionato ed integrato, nel corso degli anni, dal sottoscritto inserendo i movimenti assenti nello schema originario di Barr (quali, ad esempio, la Metafisica, l’Astrattismo ed il Concretismo) ed andando quindi ad estendere lo stesso dal 1935 ai giorni nostri addivenendo così all’ormai consolidato schema denominato “Diagramma di Barr-Allegrini”.

[…]

Volendo effettuare un parallelismo con la storia dell’arte del primo Novecento, di cui il Futurismo e la Metafisica rappresentano i due grandi apporti italiani, a livello mondiale, possiamo asserire che è ormai alle porte una nuova fase storica, una fase di veicolazione di uno spirito rinnovatore pari a quello a suo tempo professato dalle avanguardie del primo quarto del XX secolo, perché il Futurismo e la Metafisica, al pari di quanto echeggiato culturalmente da Marinetti, Carrà, e Boccioni, da De Chirico, de Pisis e Savinio, devono essere intesi alla stregua di una nuova dimensione mentale, un rinnovato approdo sociale, etico e culturale, un modo propositivo di porsi nei confronti del prossimo e del mondo, una coerente e consapevole visione di libertà, di progresso e di senso del dovere.
Come del resto asseriva Eugene Delacroix, pittore francese tra i maggiori esponenti del Romanticismo: “la prima virtù di un dipinto è di essere una festa per gli occhi” ed aggiungerei “un medicamento per lo spirito ed un vettore di conoscenza per la mente”.
 
 Informazioni 
Dove: Castello Visconteo, Viale XI Febbraio, 35 – Pavia
Quando: prorogata  fino al 10 febbraio 2013, da mar. a ven.: 9.00-13.30, sab. e dom.: 9.00-13.30 / 15.00-17.30. Chiuso lunedì, 25 e 26 dicembre, 1 e 6 gennaio.
Per informazioni: tel. 0382/33853 – 304816, e-mail: info@colorideltempo.it
Prenotazioni (obbligatorie per gruppi e scolaresche): prenotazionimc@comune.pv.it
Ingresso: biglietto unico mostra: euro 5.00, gratuito giovani fino ai 19 anni.
 
 
Pavia, 07/12/2012 (11396)

RIPRODUZIONE VIETATA
www.miapavia.com è testata giornalistica, il contenuto di queste pagine è protetto dai diritti d'autore.
In caso di citazione o utilizzo, si prega di evidenziare adeguatamente la fonte.



MiaPavia è una testata giornalistica registrata, © 2000- 2020 Buon Vento S.r.l. - P.I. IT01858930181
Tutti i diritti sono riservati - Chi siamo - Contatti - Mining pool