Pavia e provincia: Pavese, Oltrepò Pavese, Lomellina, eventi, spettacoli e manifestazioni di Pavia e provincia
martedì, 20 ottobre 2020 (947) Qual Buon Vento, navigante! » Entra


 
Articoli della stessa rubrica
» Vacchi e Bossini agli Incontri Musicali del Collegio Borromeo
» Il Mio Film. III edizione
» Il Carnevale degli Animali... al Museo!
» Carnevale al Museo della Storia
» Nel nome del Dio Web
» Incontro al Caffè Teatro
» Leonardo e Vitruvio. Oltre il cerchio e il quadrato
» Vittorio Sgarbi e Leonardo
» La Principessa Capriccio
» Narrare l'Antico: Sole Rosso di Grazia Maria Francese
» Visual Storytelling. Quando il racconto si fa immagine
» Francesca Dego in concerto
» Fra moglie e marito… Drammi del linguaggio
» I linguaggi della storia: Il formaggio e i vermi
» Al Borromeo l'omaggio a Beethoven
» Giornata della memoria. Il cielo cade
» Il Sentiero dei Piccoli - Open Day
» Gran Consiglio (Mussolini)
» Christian Meyer Show
» Corpi in gioco

Vedi archivio

 
Altri articoli attinenti
» Francesca Dego in concerto
» Al Borromeo l'omaggio a Beethoven
» Christian Meyer Show
» Concerto di Natale - Merry Christmas in Jazz & Gospel
» Festival di Natale - ¡Cantemos!
» Festival di Natale - El Jubilate
» Festival di Natale - Hor piango, hor canto
» Concerto di Natale
» Festival di Natale - O prima alba del mondo
» Up-to-Penice omaggia De Andrè
» Duo violino e violoncello
» Cori per il Togo
» Open-day al Vittadini. Laboratori musicali per l'infanzia
» Stayin' alive LVGP sings 70s
» Omaggio a Offenbach e Lirica del cuore
 
Pagina inziale » Musica » Articolo n. 11752 del 6 giugno 2013 (3596) Condividi su Facebook Stampa Salva in formato PDF
Lowlands: c'è sempre una prima volta!
Lowlands: c'è sempre una prima volta!
E la prima volta, per i Lowlands, è un concerto in Piazza della Vittoria a Pavia.
Sebbene abbiano già partecipato alla Festa Del Ticino (giugno 2010), al Rione Scala, sembra incredibile ma non si sono mai esibiti sul palco della principale piazza della nostra città, pur essendo il gruppo pavese più conosciuto oltre i nostri confini (ed intendo quelli nazionali, non certo solo quelli provinciali).
I Lowlands sono la più bella e interessante realtà musicale che Pavia abbia prodotto in questi anni, ma come al solito pochi pavesi se ne sono accorti.
 
Più attenti ed entusiasti gli Inglesi, gli Irlandesi, gli Svedesi e persino i romani e i fiorentini che li hanno apprezzati e chiamati ad esibirsi.
I Lowlands (alla faccia della poco attenta ed accorta discografia nazionale, sono riusciti
a firmare un contratto con l'etichetta londinese Stovepony, che distribuisce in tutto il Regno Unito il loro ultimo lavoro: Beyond. Un mix di folk e rock, che ha convinto la rivista Britannica R2 a definirli una delle migliori roots rock bands d'Europa.
Certo, il fatto che Edward Abbiati sia bilingue e quindi, essendo l’autore di tutti i brani del gruppo, li scriva nella sua co-madrelingua, l’inglese, rende il loro prodotto più esportabile sul mercato internazionale, li ha in un certo qual modo aiutati; ma questo non basta.
È il prodotto nella sua completezza, freschezza e originale convinzione che li porta ad essere uno dei migliori gruppi italiani.
 
L’occasione di un concerto in Piazza della Vittoria, suona un po’ come un riconoscimento ufficiale, da parte della città, del loro ruolo e della loro importanza.
E’ anche il modo per portare la loro musica fuori dal circuito dei clubs e dei piccoli locali, per offrirla ad un pubblico più vasto.
 
Nati a Pavia nel 2007, su iniziativa di Edward Abbiati, cantautore di padre pavese e madre inglese, ritornato in Italia dopo una permanenza a Londra di dieci anni. Il nome del gruppo proviene da un brano dei texani The Gourds e il loro sound è stato spesso paragonato a quello di gruppi come i Wilco, Whiskeytown, Soul Asylum e Green On Red.
 
Nel 2008 pubblicano il primo disco The Last Call (con vari ospiti tra i quali Chris Cacavas, Mike Brenner, James Cruickshank, Richard Hunter) che entra nella TOP 10 dei CD più venduti del portale USA "Miles of Music".
Nel settembre del 2010 viene pubblicato il secondo album Gypsy Child, che vede la collaborazione dei musicisti statunitensi Mike Brenner (Marah, Magnolia Electric Co.), Joey Huffman (Soul Asylum), Tim Rogers (You Am I) e Chris Cacavas (Green on Red). 
 
Nel 2011 il gruppo, in una formazione rinnovata, intraprende un tour che lo porta in Inghilterra, Galles e Irlanda (al Whelans di Dublino e al Roisin Dubh), oltre che date in Italia, con concerti anche nelle carceri.
Nel luglio 2012 registrano, a detta della stampa britannica un piccolo gioiello, un tributo a Woody Guthrie, intitolato Better World Coming, con il contributo di artisti della scena musicale pavese come i Mandolin Brothers, Gnola, Alex Cambise, Paolo Terlingo, Sergio Tamburelli, Furio Sollazzi (ebbene, sono anche qui) e molti altri. Better World Coming ha ricevuto recensioni entusiaste dalle principali riviste di settore ed è stato trasmesso su numerose radio europee tra cui la BBC e l'irlandese RTE.
 
A ottobre 2012 hanno pubblicato il loro terzo album di inediti Beyond, prodotto da Joey Huffman, registrato in pochi giorni con una sezione ritmica speciale, Rigo Righetti e Robby Pellati (Rocking Chairs e Ligabue). Beyond è il primo disco dei Lowlands distribuito in tutto il Regno Unito.
 

 

 
 Informazioni 
Dove: Piazza della Vittoria - Pavia
Quando: sabato 8 giugno 2013, ore 21.30
 

Furio Sollazzi

Pavia, 06/06/2013 (11752)

RIPRODUZIONE VIETATA
www.miapavia.com è testata giornalistica, il contenuto di queste pagine è protetto dai diritti d'autore.
In caso di citazione o utilizzo, si prega di evidenziare adeguatamente la fonte.



MiaPavia è una testata giornalistica registrata, © 2000- 2020 Buon Vento S.r.l. - P.I. IT01858930181
Tutti i diritti sono riservati - Chi siamo - Contatti - Mining pool