Pavia e provincia: Pavese, Oltrepò Pavese, Lomellina, eventi, spettacoli e manifestazioni di Pavia e provincia
lunedì, 25 maggio 2020 (956) Qual Buon Vento, navigante! » Entra


 
Articoli della stessa rubrica
» Macadam: Latitudine incrociate
» Fabrizio Poggi & Chicken Mambo: Spaghetti Juke Joint
» Nat Soul Band: Not so bad
» Ho sbagliato secolo
» Far Out
» Shag’s Airport
» Blues, Blues e ancora Blues
» Accordiamoci
» Il leone nell’Arena
» Francesco Garolfi: Un posto nel mondo
» Alberto Tava: il nuovo disco Mediterraneo
» Il matrimonio che vorrei: da oggi a Pavia
» Reality: ma quando ANCHE a Pavia?
» Magic Mike: quando è lui a spogliarsi...
» Il rosso e il blu: scuola italiana...
» I Beach Boys in Italia: c’ero anch’io!
» Giorgia, che sorpresa!
» Il ritorno dell'uomo armonica
» Wanna Be Startin’ Somethin’. Thriller rivisitato
» Un disco tutto pavese per Woody Guthrie

Vedi archivio

 
Altri articoli attinenti
» Francesca Dego in concerto
» Al Borromeo l'omaggio a Beethoven
» Christian Meyer Show
» Concerto di Natale - Merry Christmas in Jazz & Gospel
» Festival di Natale - ¡Cantemos!
» Festival di Natale - El Jubilate
» Festival di Natale - Hor piango, hor canto
» Concerto di Natale
» Festival di Natale - O prima alba del mondo
» Up-to-Penice omaggia De Andrè
» Duo violino e violoncello
» Cori per il Togo
» Open-day al Vittadini. Laboratori musicali per l'infanzia
» Stayin' alive LVGP sings 70s
» Omaggio a Offenbach e Lirica del cuore
 
Pagina inziale » Musica » Articolo n. 1204 del 4 luglio 2003 (1961) Condividi su Facebook Stampa Salva in formato PDF
Al Kooper & Mike Bloomfield
Al Kooper & Mike Bloomfield

Forse ai più i nomi di Al Kooper e Mike Bloomfield non diranno molto, ma sono stati due alfieri del Blues Bianco alla fine degli anni '60 quando incisero due album fondamentali: Super Sessions e The Live Adventures of Mike Bloomfield and Al Kooper.

Al Kooper, tastierista di New York, aveva suonato prima con i Blues Project e nelle famose sessions di Dylan del 1965-66 e poi aveva fondato il gruppo dei Blood Sweat & Tears, abbandonandoli quasi subito per seguire una propria carriera solista.

Mike Bloomfield fu uno dei musicisti bianchi che cambiarono la scena blues di Chicago militando, giovanissimo, nella Butterfield Blues Band e arrivando ad accompagnare Bob Dylan nel famoso disco Highway 61 Revisited. Spostatosi a San Francisco, Bloomfield formo` gli Electric Flag con l'organista Barry Goldberg, il batterista Buddy Miles e il cantante Nick Gravenites. Dopo l'esperienza con Al Kooper seguì una carriera solistica con alti e bassi che si concluse nel 1981 con una morte per overdose. Questa la storia (a grandi linee).

Super Session

Quest'anno è stato rimasterizzato e ristampato l'album Super Sessions. Mike Bloomfield, Al Kooper e Steve Stills, costruirono un capolavoro in grado di divenire una pietra miliare; la ristampa contiene quattro tracce in più rispetto all'originale: due outtakes (brani rimissati) e due inediti. Il restyling riguarda l'iniziale Albert's Shuffle e Season Of The Witch, entrambe scremate dai fiati; i due inediti sono Blues For Nothing di Al Kooper, con Mike Bloomfield alla chitarra, e Fat Gray Cloud registrata dal vivo al Fillmore West nel 1968.

Live Adventure

E qui veniamo al dunque: Live Adventure venne registrato al Fillmore West di Bill Graham a San Francisco, nel Settembre del 1968. Nel Dicembre dello stesso anno, nell'altro locale di Graham il Fillmore East, si tennero altre Jam Sessions Live che rimasero negli archivi della Columbia Records sino ad ora.

Quest'anno vengono finalmente pubblicate, dalla Sony, queste registrazioni rimaste sino ad ora inedite.

Rispetto ai brani pubblicati nel Live Ufficiale ci sono alcune sostituzioni e compaiono così Season of the Witch, One Way Out, Tell Me Partner e It's My Own Fault in cui compare come ospite uno scatenato Johnny Winter.

Diversi anche gli accompagnatori e soprattutto il batterista Johnny Cresci (che aveva suonato nell'album solo di Kooper) che si rivela una pessima scelta. Sono quasi sicuro che uno dei motivi per cui l'album non venne pubblicato all'epoca fu anche l'imbarazzante performance di questo batterista che, più volte, finisce col frenare gli slanci bluesistici dei protagonisti.

Il livello, comunque, delle registrazioni e delle esibizioni dei nostri due eroi rimane altissimo e rende il disco un evento da non perdere.

 
 Informazioni 
 

Furio Sollazzi

Pavia, 04/07/2003 (1204)

RIPRODUZIONE VIETATA
www.miapavia.com è testata giornalistica, il contenuto di queste pagine è protetto dai diritti d'autore.
In caso di citazione o utilizzo, si prega di evidenziare adeguatamente la fonte.



MiaPavia è una testata giornalistica registrata, © 2000- 2020 Buon Vento S.r.l. - P.I. IT01858930181
Tutti i diritti sono riservati - Chi siamo - Contatti - Mining pool