Pavia e provincia: Pavese, Oltrepò Pavese, Lomellina, eventi, spettacoli e manifestazioni di Pavia e provincia
giovedì, 29 ottobre 2020 (241) Qual Buon Vento, navigante! » Entra


 
Articoli della stessa rubrica
» Vacchi e Bossini agli Incontri Musicali del Collegio Borromeo
» Il Mio Film. III edizione
» Il Carnevale degli Animali... al Museo!
» Incontro al Caffè Teatro
» Nel nome del Dio Web
» Carnevale al Museo della Storia
» Leonardo e Vitruvio. Oltre il cerchio e il quadrato
» Vittorio Sgarbi e Leonardo
» La Principessa Capriccio
» Narrare l'Antico: Sole Rosso di Grazia Maria Francese
» Visual Storytelling. Quando il racconto si fa immagine
» Francesca Dego in concerto
» Fra moglie e marito… Drammi del linguaggio
» I linguaggi della storia: Il formaggio e i vermi
» Al Borromeo l'omaggio a Beethoven
» Giornata della memoria. Il cielo cade
» Il Sentiero dei Piccoli - Open Day
» Gran Consiglio (Mussolini)
» Christian Meyer Show
» La Storia organaria di Pavia

Vedi archivio

 
Altri articoli attinenti
» Francesca Dego in concerto
» Al Borromeo l'omaggio a Beethoven
» Christian Meyer Show
» Concerto di Natale - Merry Christmas in Jazz & Gospel
» Festival di Natale - ¡Cantemos!
» Festival di Natale - El Jubilate
» Festival di Natale - Hor piango, hor canto
» Concerto di Natale
» Festival di Natale - O prima alba del mondo
» Up-to-Penice omaggia De Andrè
» Duo violino e violoncello
» Cori per il Togo
» Open-day al Vittadini. Laboratori musicali per l'infanzia
» Stayin' alive LVGP sings 70s
» Omaggio a Offenbach e Lirica del cuore
 
Pagina inziale » Musica » Articolo n. 12210 del 24 febbraio 2014 (2474) Condividi su Facebook Stampa Salva in formato PDF
Concerto per musica e colori
Concerto per musica e colori
Sinestesia, si chiama. E' la capacità che qualcuno ha di sentire una musica e contemporaneamente vedere un colore o sentire un profumo. E proprio al rapporto fra musica e colore è dedicato il nuovo appuntamento organizzato da PaviaMusica 2000.

In scena ci sarà uno dei migliori contrabbassisti italiani, Attilio Zanchi e con lui l'armonicista Max De Aloe. La loro musica sarà "interpretata" dal vivo anche da un'artista pavese, la pittrice Giovanna Fra, non nuova a questo tipo di esperienze.
L’idea di accostare jazz e pittura astratta come linguaggi differenti ma complementari non è inedita, certo, ma è sicuramente poco affrontata nelle performance dal vivo, men che meno nella nostra città.

Giovanna Fra, nata a Pavia nel 1967, dove vive e lavora, si è laureata a Brera proprio con una tesi sul rapporto suoni/colori in John Cage. Su tela o su carta, l'artista pavese usa i colori con alternanza di timbri, di spazi e, come il ritmo sincopato e le dissonanze del jazz, spezza le linee, le mischia, le scandisce, le fraziona, concentrandole o dilatandole, con gesti veloci e imprevedibili, dando loro forza e senso dinamico. Il risultato è sempre tanto imprevedibile quanto irripetibile e sempre “aperto”, proprio come l’improvvisazione jazz.
 
Giovanna Fra quindi replicherà in piccolo il lavoro che svolge nel suo laboratorio, ispirata, nella composizione dei suoi “paesaggi sonori” (titolo di una sua collezione di qualche anno fa), dalla musica di due jazzisti d’eccellenza: Attilio Zanchi al contrabbasso, colonna portante del quintetto di Paolo Fresu e docente a Milano nei corsi di specializzazione jazz, e Max De Aloe all’armonica cromatica, uno dei pochi in Italia a dedicarsi all’uso di questo strumento nel jazz, collaboratore in tantissimi progetti musicali con diversi artisti internazionali.
 
 
 Informazioni 
Quando: mercoledì 26 febbraio alle 21.15
Dove: presso la libreria Cardano di Pavia
 
 
Pavia, 24/02/2014 (12210)




MiaPavia è una testata giornalistica registrata, © 2000- 2020 Buon Vento S.r.l. - P.I. IT01858930181
Tutti i diritti sono riservati - Chi siamo - Contatti - Mining pool