Pavia e provincia: Pavese, Oltrepò Pavese, Lomellina, eventi, spettacoli e manifestazioni di Pavia e provincia
sabato, 18 agosto 2018 (536) Qual Buon Vento, navigante! » Entra


 
Articoli della stessa rubrica
» Roberto Kusterle: Cronache da un altro mondo
» Vox Animae
» Incatenarsi all'oro e al vento
» Italiani, al voto!
» La Fratelli Toso: i vetri storici dal 1930 al 1980
» Incontri d’Arte: Tomoko Nagao
» Francesca Moscheni: I segni di Dio
» In questa perennità di giovani
» Exist
» Una Storia Militante
» Incontri d’Arte
» Mostra d'arte leggera e inconsapevole
» Cantami o diva - donne del mito greco
» Rinnovare l’antico
» Urbex Pavia Rewind
» Dal mare i segni – da Albissola alla corte di Ludovico
» Goya. Follia e ragione all’alba della modernità
» I volti che hanno cambiato la storia
» Filippo Cristini. Né gli alberi si scorgono tra loro
» Pavia ricorda Johann Peter e Joseph Frank

Vedi archivio

 
Altri articoli attinenti
» Copia dal vero e fotografia
» Roberto Kusterle: Cronache da un altro mondo
» Concorso fotografico "Ci siamo!"
» Incontri d’Arte: Stefano Zacconi
» Vox Animae
» Nicola Attadio racconta Nellie Bly
» Bloomsday
» Siro Comics
» Incatenarsi all'oro e al vento
» Italiani, al voto!
» La Fratelli Toso: i vetri storici dal 1930 al 1980
» Incontri d’Arte: Tomoko Nagao
» Nel segno di Olivetti
» Moro. L'inchiesta senza finale
» Il mito della Nazione
 
Pagina inziale » Cultura » Articolo n. 12373 del 6 maggio 2014 (3306) Condividi su Facebook Stampa Salva in formato PDF
Pellizza da Volpedo ai Musei Civici
Pellizza da Volpedo ai Musei Civici

Inizialmente intitolato “Il cammino dei lavoratori”, Il Quarto Stato è il celebre dipinto, realizzato nel 1901, che ha reso noto al mondo il pittore Giuseppe Pellizza da Volpedo.

Figlio di agricoltori, grazie alle conoscenze ottenute con la commercializzazione dei loro prodotti, Pellizza entrò in contatto con i fratelli Grubicy che ne promossero l'iscrizione all'Accademia di Belle Arti di Brera dove fu allievo di Francesco Hayez e di Giuseppe Bertini… da qui i primi passi che lo resero famoso esponente dapprima della corrente divisionista, poi di quella sociale.

Ora, un'accurata selezione di opere raramente esposte al pubblico e provenienti dalla collezione di Severino Bellotti, pittore e critico d'arte, cui si deve il volume dedicato a Giuseppe Pellizza da Volpedo pubblicato nella collana I Maestri del Colore, arriva ai Musei Civici di Pavia.

‎"Giuseppe Pellizza da Volpedo. Studi e bozzetti dalla collezione Bellotti ai Musei Civici di Pavia”, questo il titolo della mostra, che verrà inaugurata sabato ai Musei Civici di Pavia e rimarrà aperta fino al 2 giugno.

Il piccolo “tesoro” di lavori giovanili dell’artista - disegni, schizzi, bozzetti e qualche impressione di paesaggio tratteggiata ad olio - si rivela importantissimo per comprendere la maniera in cui Pellizza si approcciava al dato reale, fin dal periodo della formazione e poi oltre, con uno studio sistematico degli elementi di figura, delle pieghe dei tessuti, degli effetti di controluce.

 
 Informazioni 
Dove: Musei Civici del Castello Visconteo - Pavia
Quando: dal 10 maggio (inaugurazione alle 18.00) al 2 giugno 2014, orari: da martedì a domenica 10.00 – 18.00
Biglietto: Mostra + Quadreria dell’800 e Collezione Morone - 4 €
Per informazioni: tel. 0382/399770

 

La Redazione

Pavia, 06/05/2014 (12373)

RIPRODUZIONE VIETATA
www.miapavia.com è testata giornalistica, il contenuto di queste pagine è protetto dai diritti d'autore.
In caso di citazione o utilizzo, si prega di evidenziare adeguatamente la fonte.



MiaPavia è una testata giornalistica registrata, © 2000- 2018 Buon Vento S.r.l. - P.I. IT01858930181
Tutti i diritti sono riservati - Chi siamo - Contatti - Mining pool