Pavia e provincia: Pavese, Oltrepò Pavese, Lomellina, eventi, spettacoli e manifestazioni di Pavia e provincia
martedì, 30 novembre 2021 (243) Qual Buon Vento, navigante! » Entra


 
Articoli della stessa rubrica
» Festa dell'Albero 2019
» Gioca d'anticipo!
» Scienziati in prova
» Lavanda e farfalle...
» Filippo Solibello, Stop plastica a mare
» Alla Ricerca della Carta Perduta
» Caccia al tesoro in Gipsoteca
» Pint of Science
» Pavia Plastic Free... liberiamo la città dalla plastica
» Festival della Filantropia
» CineMamme: al cinema con il bebè
» #quandocaddelatorrecivica
» M'illumino di meno"-Edizione 2019
» Laboratorio di calligrafia
» Natale al Broletto
» Vallone Social Crew
» Scienziati in Prova
» Villa Necchi: “Luoghi del Cuore"
» Settimana del giovane naturalista
» Scienziati in Prova - L'impatto della Scienza sullo Società

Vedi archivio

 
Altri articoli attinenti
» Vacchi e Bossini agli Incontri Musicali del Collegio Borromeo
» Carnevale al Museo della Storia
» Leonardo e Vitruvio. Oltre il cerchio e il quadrato
» Vittorio Sgarbi e Leonardo
» Narrare l'Antico: Sole Rosso di Grazia Maria Francese
» Squali, predatori perfetti"
» Visual Storytelling. Quando il racconto si fa immagine
» I linguaggi della storia: Il formaggio e i vermi
» Giornata della memoria. Il cielo cade
» Pretesti per una mostra. Sergio Ruzzier a Pavia
» La Storia organaria di Pavia
» Postazione 23
» Libri al Fraccaro
» Il "Duchetto" di Pavia
» La cospirazione dei tarli
 
Pagina inziale » Cultura » Articolo n. 12415 del 21 maggio 2014 (2947) Condividi su Facebook Stampa Salva in formato PDF
A tu per tu con La casta Susanna
A tu per tu con La casta Susanna

Un’opera d’arte al mese, per un anno ricco di cultura. Si intitola Uno:Uno. A tu per tu con l’opera, l’iniziativa organizzata dai Musei Civici del Castello Visconteo, Settore Cultura del Comune di Pavia, in collaborazione con l’Associazione Amici dei Musei Pavesi, che fino a novembre, ogni quarta domenica del mese, proporrà all’interno dei Musei civici una visita guidata ad hoc, alla scoperta dei capolavori delle collezioni pavesi. Un capolavoro alla volta.

L’appuntamento è fissato per domenica 25 maggio 2014, ore 16.30, con Pompeo Batoni e La casta Susanna. Il dipinto verrà presentato dalla dott.ssa Silvia Salvaneschi.
La preziosa opera di Pompeo Batoni sarà esposta fino al 20 giugno 2014 in una sala pensata appositamente per ospitare un capolavoro alla volta, in modo da privilegiare il contatto diretto con l'opera e una fruizione "slow".
Un video focus e alcuni documenti scelti accompagneranno l'esposizione e consentiranno di approfondire la storia del dipinto, l'iconografia e la sua collocazione della produzione dell'artista.

Il dipinto raffigurante la casta Susanna è opera di Pompeo Batoni, nato a Lucca nel 1708 e attivo a Roma già dal 1727. “Egli sotto quel corpo aveva un’anima fatta per la pittura. In una parola egli era nato pittore” scriveva il biografo Onofrio Boni nel 1787 parlando del pittore, morto a Roma proprio quell'anno.
Famoso soprattutto come ritrattista, oltre che per i soggetti sacri, interpretati secondo un particolare gusto per il classicismo maturato grazie allo studio delle opere di Correggio, Raffaello e Guido Reni, la sua bottega divenne una tappa fondamentale dei viaggi degli aristocratici anglosassoni che si recavano a Roma in occasione del Grand Tour.

Il soggetto della tela pavese è ispirato al tredicesimo capitolo del libro del profeta Daniele, nell’Antico Testamento. La storia narra che Susanna, una bellissima donna, fu notata da due anziani giudici del popolo ebraico che frequentavano il palazzo del marito Gioachim. Ammaliati da tale bellezza, un giorno la sorpresero mentre era intenta a fare un bagno nel giardino di casa. I due anziani persero il lume della ragione … colpiti tutt e due dalla passione per lei e per convincerla a cedere alle loro volontà sottoposero la donna ad un ricatto: se si fosse opposta alle loro lusinghe, avrebbero affermato di averla sorpresa con un giovane uomo accusandola di adulterio. Susanna preferì comunque rischiare la lapidazione piuttosto che concedersi al peccato. Inizialmente condannata a morte, si salvò infine grazie all’intervento del futuro profeta Daniele.
Nell’opera pavese, Pompeo Batoni scelse di rappresentare la storia di Susanna cogliendo il momento di più alta tensione drammatica: la giovane è raffigurata seduta con eleganza al bordo di una fontana in cui immerge i piedi dopo aver riposto i sandali, con le vesti che lasciano scoperto il petto.

Di particolare interesse è anche la provenienza del dipinto, che faceva parte della collezione di Giovanni Alessandro Brambilla (1728-1800), noto medico pavese che divenne chirurgo personale dell’imperatore Giuseppe II, a Vienna. Della collezione di Brambilla sono pervenuti ai Musei Civici di Pavia dodici dipinti: oltre alla Casta Susanna di Pompeo Batoni, anche i due dipinti di soggetto omerico di Giuseppe Bottani, due paesaggi di Philipp Peter Roos esposti nella Pinacoteca del '600 e '700, e altri dipinti custoditi nei depositi del Castello, tra cui una copia da Correggio e una copia da Parmigianino i cui originali sono conservati al Kunsthistorisches Museum di Vienna, e una bellissima Madonna Annunciata della maniera del Maratta.
 
 
 Informazioni 
Quando: domenica 25 maggio 2014, ore 16.30
Dove: Musei civici del Castello Visconteo, Pavia 
Ingresso: libero

 
 
Pavia, 21/05/2014 (12415)




MiaPavia è una testata giornalistica registrata, © 2000- 2021 Buon Vento S.r.l. - P.I. IT01858930181
Tutti i diritti sono riservati - Chi siamo - Contatti - Mining pool