Pavia e provincia: Pavese, Oltrepò Pavese, Lomellina, eventi, spettacoli e manifestazioni di Pavia e provincia
giovedì, 9 luglio 2020 (907) Qual Buon Vento, navigante! » Entra


 
Articoli della stessa rubrica
» Festa dell'Albero 2019
» Gioca d'anticipo!
» Scienziati in prova
» Lavanda e farfalle...
» Filippo Solibello, Stop plastica a mare
» Alla Ricerca della Carta Perduta
» Caccia al tesoro in Gipsoteca
» Pint of Science
» Pavia Plastic Free... liberiamo la città dalla plastica
» Festival della Filantropia
» CineMamme: al cinema con il bebè
» #quandocaddelatorrecivica
» M'illumino di meno"-Edizione 2019
» Laboratorio di calligrafia
» Natale al Broletto
» Vallone Social Crew
» Scienziati in Prova
» Villa Necchi: “Luoghi del Cuore"
» Settimana del giovane naturalista
» Scienziati in Prova - L'impatto della Scienza sullo Società

Vedi archivio

 
Altri articoli attinenti
» Torna a Pavia il Mercatino del Ri-Uso
» Dame e Cavalieri di oggi e di ieri
» Visita gratuita ai luoghi di San Riccardo Pampuri
» Un sabato al Museo per la Storia dell'Università
» Uno:Uno. A tu per tu con l'opera - Sull'onda dello Ukiyo-e
» Natale in museo per bambini
» Leonardo e l'antico Ospedale San Matteo di Pavia
» Torre in Festa
» Museo per la Storia - apertura sabato
» Mortara e Primo Levi
» Pavia in posa, da Hayez a Chiolini
» Al Passo con il Naviglio Pavese
» Lo sguardo di Maria
» A tu per tu con l'opera: Pietro Michis
» Uno:Uno. A tu per tu con l'opera kids
 
Pagina inziale » Turismo » Articolo n. 12419 del 22 maggio 2014 (3106) Condividi su Facebook Stampa Salva in formato PDF
Scoprire le meridiane e non solo!
Scoprire le meridiane e non solo!

Dal famoso motto dantesco " Il perder tempo a chi più sa più piace" che sovrasta la meridiana del Cortile di Alessandro Volta prende il titolo l’iniziativa organizzata dal Museo per la Storia dell’Università per sabato pomeriggio.

Perché non impiegare in modo proficuo le calde ore di un pomeriggio primaverile? Un grande esperto pavese di gnomonica, l’ing. Luciano Agnes, si presta a illustrare ai visitatori la storia, le caratteristiche e il funzionamento del complesso di strumenti astronomici conservato nei palazzi centrale dell’Ateneo.
Complesso unico e irripetibile che copre praticamente tutta la gamma più rappresentativa della gnomonica applicata: si va dal quadrante solare più antico ad ore italiche – nel cortile di Scienze Politiche, ex cortile delle monache - alla settecentesca meridiana che marca il mezzogiorno vero locale – nel cortile di Volta - all’ottocentesco imponente quadrante ad ore francesi – nel cortile del Rettorato, ex cortile del Leano.
 
In Italia sono molto rari i complessi monumentali che possono vantare un campionario di strumenti astronomici al pari dell’Università di Pavia, strumenti che, grazie a un accurato restauro effettuato nei primi anni ’90 del Novecento, hanno ripreso a segnare silenziosamente le ore come nei secoli passati.
 
Le meridiane, spesso non percepite dall’occhio ormai disattento dei passanti, hanno rappresentato per secoli uno dei pochi strumenti segnatempo. Ricordiamo infatti che solo nel medioevo compaiono i primi orologi meccanici, di grandi dimensioni spesso costruiti sui campanili o nelle torri di Palazzi nobiliari. Ma anche per questi le meridiane intervenivano a regolare il tempo quotidianamente. Per non parlare degli orologi portatili e da tasca, che hanno visto la loro diffusione tra il XVIII e il XIX secolo.
 
La visita, prevista per le ore 15,45 durerà circa un’ora e sarà seguita da un percorso all’interno del Museo per la Storia alla ricerca degli strumenti di misura del tempo. E per i più piccoli ci sarà la possibilità di costruire una vera meridiana.
 
 Informazioni 
Quando: sabato 24 maggio dalle 15,30 alle 18,30
Dove:  Museo per la Storia dell’Università, Palazzo Centrale, Strada Nuova, 65, Pavia
Iniziativa gratuita

 
 
 
Pavia, 22/05/2014 (12419)




MiaPavia è una testata giornalistica registrata, © 2000- 2020 Buon Vento S.r.l. - P.I. IT01858930181
Tutti i diritti sono riservati - Chi siamo - Contatti - Mining pool