Pavia e provincia: Pavese, Oltrepò Pavese, Lomellina, eventi, spettacoli e manifestazioni di Pavia e provincia
domenica, 29 novembre 2020 (394) Qual Buon Vento, navigante! » Entra


 
Articoli della stessa rubrica
» Solstizio d'inverno, il ritorno della luce
» C’è vita la fuori?
» Appuntamento con l’eclissi parziale di Luna
» L’autunno arriva sul “cavallo alato”
» Ammassi globulari e costellazioni
» Miti e costellazioni del cielo estivo
» I colori della luce: lo spettroscopio
» Incantati dalla Luna
» Tra le Erbe di San Giovanni
» Marte e... il Lupo
» Alla scoperta del Guardamonte
» Dalla nascita dell'universo alla scoperta di Marte
» La ricerca di una nuova terra: gli esopianeti
» Guarda che luna…
» Le pietre del cielo. L’uso delle meteoriti nella storia dell’uomo
» Poker d’… Astri
» Da Yuri Gagarin a Samantha Cristoforetti
» Camminando tra cielo e terra
» Archeologia e stelle all’equinozio di primavera
» News dallo spazio

Vedi archivio

 
Altri articoli attinenti
» Il Carnevale degli Animali... al Museo!
» Il Sentiero dei Piccoli - Open Day
» Biodiversità degli animali
» Riabitare l'Italia & Appennino atto d'amore
» Festa dell'Albero 2019
» Lotte biologica, l'importanza dell'impollinazione da parte delle api
» Come moltiplicare le piante in casa: tecniche e consigli
» Corso sulla biodiversità urbana
» Passeggiata naturalistica
» Corso base di acquarello naturalistico
» La Margherita di Adele
» Pavia per gli animali
» Mostra mercato “Antiche varietà agricole locali e piante spontanee mangerecce”
» BiodiverCittà - passeggiata al Parco della Sora
» Biodivercittà - passeggiata al Parco della Vernavola
 
Pagina inziale » Ambiente » Articolo n. 12595 del 2 settembre 2014 (2517) Condividi su Facebook Stampa Salva in formato PDF
Tra costellazioni e pianeti
Tra costellazioni e pianeti

Vi siete mai chiesti come si vedono il cielo e le stelle nell’emisfero Sud del mondo? Il cielo è popolato da molte più stelle rispetto a quello a cui siamo abituati, anche in virtù del minore inquinamento atmosferico e luminoso.

Spostandosi verso Sud, si vedono le costellazioni che conosciamo sempre più basse sull’orizzonte, finché non spariranno. Al loro posto ne appariranno di nuove ma anche alcune che ci sono familiari: per esempio Orione, che però apparirà capovolto a testa in giù!

Passato l’equatore, si nota che tutte le stelle sembrano ruotare attorno a un centro di rotazione, come avviene nei nostri cieli, ma che questo non è più il polo Nord celeste, bensì il polo Sud. Non solo: anche il verso della rotazione si è invertito. Infatti le stelle nell’emisfero Sud si muovono da Est a Ovest, culminando a Nord anziché a Sud, mentre nell’emisfero Nord si spostano da Est a Ovest culminando a Sud.

Nel cielo australe si vedono per quasi tutta la notte la Croce del Sud, vicina alle due stelle brillanti Alfa e Beta del Centauro, insieme alla Grande e alla Piccola Nube di Magellano, due piccole galassie irregolari satelliti della nostra che ad occhio nudo appaiono come due batuffoli luminosi. Se uniamo idealmente il braccio più lungo della croce del Sud con la Piccola Nube di Magellano, a metà strada, in una zona senza stelle visibili, c’è situato il Polo Sud Celeste.

Questo il tema della conferenza di venerdì sera all’osservatorio e planetario di Cà del Monte, Il cielo che non c'e': viaggio nelle costellazioni dell'emisfero, cui seguirà una sessione di osservazione astronomica guidata notturna.

Stesso copione per la serata di sabato, che proporrà un incontro sul tema A spasso per il nostro Sistema Solare.

Il Sole è la stella madre del sistema solare attorno alla quale orbitano gli otto pianeti principali, i pianeti nani, i loro satelliti, innumerevoli altri corpi minori e la polvere diffusa per lo spazio che forma il mezzo interplanetario.
Collocato all'interno del Braccio di Orione, il Sole orbita attorno al centro della Via Lattea ad una distanza media di circa 26.000 anni luce e completa la propria rivoluzione in 225-250 milioni di anni.

L'origine del Sole e del Sistema Solare è legata alla condensazione di una nube primordiale di gas e polveri. Gli scienziati hanno avanzato l'ipotesi che possa essersi trattato dell'esplosione di una supernova vicina, cioè di una stella di grande massa che, arrivata alla fine della sua vita, esplode espellendo tutta la sua atmosfera nello spazio.

E gli asteroidi costituiscono i residui più antichi...

Anche in caso di maltempo o di cielo nuvoloso, l'attività dell'Osservatorio avrà comunque luogo. L'osservazione notturna del cielo verrà sostituita con la proiezione di filmati astronomici, immagini di oggetti del profondo cielo e simulazioni della volta celeste direttamente sotto la grande cupola centrale del Planetario.

 
 Informazioni 
Dove: Planetario e Osservatorio Astronomico di Cà del Monte - Cecima
Quando: venerdì 5 e sabtao 6 settembre 2014, ore 21.30
Partecipazione: adulti: 8 euro, bambini dai 3 ai 10 anni: 5 euro, bambini fino a 3 anni: gratuito
Per informazioni e prenotare: tel. 347/7672984 – 327/2507821 (orario ufficio: 10.00-13.00 e 17.00-18.30), e-mail: osservatorio@osservatoriocadelmonte.it 

 
 
Pavia, 02/09/2014 (12595)

RIPRODUZIONE VIETATA
www.miapavia.com è testata giornalistica, il contenuto di queste pagine è protetto dai diritti d'autore.
In caso di citazione o utilizzo, si prega di evidenziare adeguatamente la fonte.



MiaPavia è una testata giornalistica registrata, © 2000- 2020 Buon Vento S.r.l. - P.I. IT01858930181
Tutti i diritti sono riservati - Chi siamo - Contatti - Mining pool