Pavia e provincia: Pavese, Oltrepò Pavese, Lomellina, eventi, spettacoli e manifestazioni di Pavia e provincia
giovedì, 2 dicembre 2021 (122) Qual Buon Vento, navigante! » Entra


 
Articoli della stessa rubrica
» Festa dell'Albero 2019
» Gioca d'anticipo!
» Scienziati in prova
» Lavanda e farfalle...
» Filippo Solibello, Stop plastica a mare
» Alla Ricerca della Carta Perduta
» Caccia al tesoro in Gipsoteca
» Pint of Science
» Pavia Plastic Free... liberiamo la città dalla plastica
» Festival della Filantropia
» CineMamme: al cinema con il bebè
» #quandocaddelatorrecivica
» M'illumino di meno"-Edizione 2019
» Laboratorio di calligrafia
» Natale al Broletto
» Vallone Social Crew
» Scienziati in Prova
» Villa Necchi: “Luoghi del Cuore"
» Settimana del giovane naturalista
» Scienziati in Prova - L'impatto della Scienza sullo Società

Vedi archivio

 
Altri articoli attinenti
» Vacchi e Bossini agli Incontri Musicali del Collegio Borromeo
» Carnevale al Museo della Storia
» Leonardo e Vitruvio. Oltre il cerchio e il quadrato
» Vittorio Sgarbi e Leonardo
» Narrare l'Antico: Sole Rosso di Grazia Maria Francese
» Squali, predatori perfetti"
» Visual Storytelling. Quando il racconto si fa immagine
» I linguaggi della storia: Il formaggio e i vermi
» Giornata della memoria. Il cielo cade
» Pretesti per una mostra. Sergio Ruzzier a Pavia
» La Storia organaria di Pavia
» Postazione 23
» Il "Duchetto" di Pavia
» Libri al Fraccaro
» La cospirazione dei tarli
 
Pagina inziale » Cultura » Articolo n. 12696 del 21 ottobre 2014 (2969) Condividi su Facebook Stampa Salva in formato PDF
A tu per tu con con il "Muto"
A tu per tu con con il

Nuovo appuntamento con Uno:Uno. A tu per tu con l’opera, che da domenica punterà i suoi riuflettori su Muto dall’accia al collo, la statua antica più famosa di Pavia, tanto celebre da aver alimentato leggende popolari che narrano di personaggi pietrificati.
L’opera, una statua iconica di età romana, sarà presentata al pubblico da Rosanina Invernizzi, Soprintendente ai beni archeologici della Lombrardia.

I nostri Musei sono ricchi di arte, di storia e di opere di straordinario valore, a volte non sufficientemente conosciute anche nella nostra stessa città – dichiara l’Assessore alla Cultura Giacomo Galazzo –. Questa bella iniziativa apre le porte dei musei e lo fa in un modo nuovo e originale, tentando di invogliare il visitatore a tornare periodicamente a visitarli proprio perché luogo di esperienze artistiche sempre nuove e stimolanti.
La statua del Muto dall’accia al collo sarà esposta fino al 21 novembre 2014 in una sala pensata appositamente per ospitare un capolavoro alla volta, in modo da privilegiare il contatto diretto con l'opera e una fruizione "slow".
Un video focus e alcuni documenti scelti accompagneranno l'esposizione e consentiranno di approfondirne la storia.
 
Si tratta di una statua iconica di età romana con una testa non pertinente. Un tipo di statua cioè in cui il corpo era raffigurato secondo schemi/modelli standardizzati, sulla quale veniva inserito (in un incavo predisposto) il ritratto del personaggio rappresentato, che era invece aderente alla realtà.

In questo caso abbiamo un togato, vestito della toga exigua (corta), un tipo di abito che ha diffusione in età repubblicana fino agli inizi del I secolo d. C. La toga è caratterizzata dal sinus, il ripiegamento a matassa della stoffa che ha determinato la popolare denominazione di “accia” al collo (dal latino tardo acia = matassa). Ai piedi è posto uno scrinium, una sorta di cesto, che contiene i volumina: possiamo dunque pensare che si tratti di un personaggio politico, un magistrato forse, comunque un personaggio importante con una carica pubblica. È quindi possibile che questa in origine fosse una statua onoraria posta in un luogo pubblico (anche se la statua togata si trova spesso in ambito funerario, quindi in una dimensione più privata, ma sempre per una persona di una certa importanza e ricchezza).
Non sappiamo chi fosse il personaggio raffigurato, perché non c’è un’iscrizione che permetta di identificarla e perché la testa ritratto non è quella originaria. Alcune caratteristiche, infatti, come la presenza della barba, il trattamento dei capelli, gli occhi infossati indicano una datazione al II secolo d. C. La statua dunque è stata riutilizzata per “sostenere” un’alta testa, più recente di un secolo. Si trattava comunque, anche in questo caso, del ritratto di un personaggio ufficiale, perché porta la corona sul capo.

Il viso è completamente consunto, perché ha avuto (come il corpo) una lunga esposizione all’aperto: l’abrasione della bocca ha generato la denominazione di “Muto”. Infatti, la statua era reimpiegata sulla Porta Marica o Marenga, la porta occidentale della cinta muraria, e dopo la demolizione della porta nell’Ottocento venne murata all’angolo della via che ne porta ancor oggi il nome.
Un’altra leggenda sulla statua è riportata da Opicino de Canistris, il quale dice che la città di Pavia si fonda sulle 4 virtù cardinali, le cui immagini sono poste in punti significativi: l’“ymago Iustitiae” si trovava sulla porta occidentale ed è descritta come un uomo che ha al collo un’“acia”. Non è altro che la nostra statua, che quindi già nel XIV secolo aveva questa denominazione popolare.

 
 
 Informazioni 
Quando: dal 26 ottobre al 21 novembre 2014, ore 16,30
Dove: Musei Civici del Castello Visconteo, Pavia
Ingresso: libero

 

 
 
Pavia, 21/10/2014 (12696)




MiaPavia è una testata giornalistica registrata, © 2000- 2021 Buon Vento S.r.l. - P.I. IT01858930181
Tutti i diritti sono riservati - Chi siamo - Contatti - Mining pool