Pavia e provincia: Pavese, Oltrepò Pavese, Lomellina, eventi, spettacoli e manifestazioni di Pavia e provincia
lunedì, 6 luglio 2020 (918) Qual Buon Vento, navigante! » Entra


 
Articoli della stessa rubrica
» Squali, predatori perfetti"
» Pretesti per una mostra. Sergio Ruzzier a Pavia
» Lady Be Mosaici Contemporanei
» Oltre lo sguardo
» Looking for Monna Lisa
» Attraverso i nostri occhi
» Un patrimonio ritrovato
» Spazio sospeso
» Hokusai, Hiroshige, Utamaro. Capolavori dell'arte giapponese
» EXIT hotel fantasma in provincia di Pavia
» Colore e tempo
» Il paesaggio geometrico italiano di origine Romana
» Per un capriccio. 12 opere per Paolo Della Grazia
» "I colori della speranza"
» Sopra il vestito l'arte:dialogo d'artista
» Prima che le foglie cadano
» La bellezza della scienza
» Mostra "Natura ed artificio in biblioteca"
» Schiavocampo - Soddu
» De Chirico, De Pisis, Carrà. La vita nascosta delle cose

Vedi archivio

 
Altri articoli attinenti
» Vacchi e Bossini agli Incontri Musicali del Collegio Borromeo
» Carnevale al Museo della Storia
» Leonardo e Vitruvio. Oltre il cerchio e il quadrato
» Vittorio Sgarbi e Leonardo
» Narrare l'Antico: Sole Rosso di Grazia Maria Francese
» Squali, predatori perfetti"
» Visual Storytelling. Quando il racconto si fa immagine
» I linguaggi della storia: Il formaggio e i vermi
» Giornata della memoria. Il cielo cade
» Pretesti per una mostra. Sergio Ruzzier a Pavia
» La Storia organaria di Pavia
» Postazione 23
» Il "Duchetto" di Pavia
» Libri al Fraccaro
» La cospirazione dei tarli
 
Pagina inziale » Cultura » Articolo n. 12971 del 12 marzo 2015 (3769) Condividi su Facebook Stampa Salva in formato PDF
Le scarpe della Belle Epoque!
Le scarpe della Belle Epoque!

Fino al 3 maggio il Museo della Calzatura “Pietro Bertolini” ospita una mostra che farà tuffare il visitatore nelle atmosfere di inizio Novecento, si tratta “Dalla Belle Epoque alla Grande Guerra. Le scarpe raccontano un’epoca

La Belle Epoque è un periodo storico, culturale e artistico europeo che va dalla fine dell’Ottocento all’inizio della prima guerra mondiale. Si configura come un momento di transizione tra un tempo florido e ricco di scoperte volte a migliorare la qualità della vita umana – illuminazione elettrica, radio, automobile, il vaccino contro la tubercolosi – e gli anni tragici della Grande Guerra.
E’ durante questo periodo spensierato che nasce la società dei consumi, che si rivolge per la prima volta anche al mondo femminile, allora in grande fermento visto che iniziavano a reclamare una maggiore partecipazione alla vita sociale e politica.

L’esposizione si articola in  teche contenenti calzature, che vanno da fine Ottocento al 1918. Sei vetrine sono dedicate alla Belle époque e sei alla Grande Guerra permettendo di confrontare questi due momenti storici, tanto vicini quanto drammaticamente differenti.
Tutto è reso ancor più suggestivo grazie agli accessori d’epoca come i complementi di costume gentilmente concessi da “La Camelia Collezioni” per la sezione espositiva della Belle époque e cimeli storici, provenienti dalle Civiche raccolte, per la sezione bellica.

Percorrendo il corridoio del Museo sarà possibile rivivere i fasti spensierati di un’epoca felice, ammirando eleganti scarpe femminili, dagli stivaletti con i bottoncini di Lina Cavalieri alle austere calzature delle Suffragette, da cui si intuisce il vento progressista dell’emancipazione femminile, fino ad arrivare al rigore degli scarponi militari usati dai nostri soldati in trincea, che sono veri racconti di sacrificio e dolore dei famosi “Ragazzi del ‘99”.

 
 Informazioni 
Dove: Museo della Calzatura “P. Bertolini”, Castello Sforzesco, primo piano delle Scuderie Ducali, Vigevano
Quando: fino al 3 maggio 2015
Orari: mar-ven 14.00-17.00 (17.30 ora legale); sab, dom e festivi 10.00-17.00 (18.00 ora legale)
Ingresso: libero

 

La Redazione

Pavia, 12/03/2015 (12971)




MiaPavia è una testata giornalistica registrata, © 2000- 2020 Buon Vento S.r.l. - P.I. IT01858930181
Tutti i diritti sono riservati - Chi siamo - Contatti - Mining pool