Pavia e provincia: Pavese, Oltrepò Pavese, Lomellina, eventi, spettacoli e manifestazioni di Pavia e provincia
giovedì, 28 maggio 2020 (992) Qual Buon Vento, navigante! » Entra


 
Articoli della stessa rubrica
» Macadam: Latitudine incrociate
» Fabrizio Poggi & Chicken Mambo: Spaghetti Juke Joint
» Nat Soul Band: Not so bad
» Far Out
» Ho sbagliato secolo
» Blues, Blues e ancora Blues
» Shag’s Airport
» Accordiamoci
» Il leone nell’Arena
» Francesco Garolfi: Un posto nel mondo
» Alberto Tava: il nuovo disco Mediterraneo
» Il matrimonio che vorrei: da oggi a Pavia
» Reality: ma quando ANCHE a Pavia?
» Magic Mike: quando è lui a spogliarsi...
» Il rosso e il blu: scuola italiana...
» Giorgia, che sorpresa!
» I Beach Boys in Italia: c’ero anch’io!
» Il ritorno dell'uomo armonica
» Wanna Be Startin’ Somethin’. Thriller rivisitato
» Un disco tutto pavese per Woody Guthrie

Vedi archivio

 
Altri articoli attinenti
» Francesca Dego in concerto
» Al Borromeo l'omaggio a Beethoven
» Christian Meyer Show
» Concerto di Natale - Merry Christmas in Jazz & Gospel
» Festival di Natale - ¡Cantemos!
» Festival di Natale - El Jubilate
» Festival di Natale - Hor piango, hor canto
» Concerto di Natale
» Festival di Natale - O prima alba del mondo
» Up-to-Penice omaggia De Andrè
» Duo violino e violoncello
» Cori per il Togo
» Open-day al Vittadini. Laboratori musicali per l'infanzia
» Stayin' alive LVGP sings 70s
» Omaggio a Offenbach e Lirica del cuore
 
Pagina inziale » Musica » Articolo n. 1305 del 10 settembre 2003 (1789) Condividi su Facebook Stampa Salva in formato PDF
Warren Zevon - The wind
Warren Zevon - The wind

Dunque è uscito! L'atteso e chiacchierato album postumo di un musicista ancora in vita, (anche se dato per spacciato dai medici un anno fa),''The Wind'', l'album-testamento che Warren Zevon ha voluto a tutti i costi è pronto e, una volta pubblicato l'album, sembra quasi che la spinta che l'aveva tenuto in vita si sia esaurita. Warren Zevon è morto nel sonno, domenica, a soli 56 anni.

Condannato dal cancro, Warren Zevon aveva chiesto al suo produttore (George Calderon) di registrare ''Knocking on heaven's door'' di Bob Dylan dicendogli: ''Cantare è l'unica cosa che so fare e la sola che riesce a distogliermi dai guai della vita''; ed è proprio sentendogli cantare con voce rotta dalla malattia ''bussando alle porte del Paradiso....apritele per me (le risposte che lui dà al famoso verso)'' che più ci si rende conto che anche la sua ironia si incrina un po' davanti alla disperazione.

Con lui cantano e suonano una serie di grandi nomi da far paura: da Springsteen a Ry Cooder, da Jackson Browne a Tom Petty, da Billy Bob Thornton agli Eagles.

Warren Zevon

E' passato poco più di un anno da quando Zevon ha saputo dai medici di avere un cancro incurabile ai polmoni e, secondo i medici, tre mesi di vita. Invece Zevon ha scritto e registrato l'album tenendo un ritmo di lavoro furibondo ed ha aperto la sala d'incisione e la sua vita alle telecamere di un'emittente televisiva Usa per la realizzazione di un filmato che documentasse tutto il lavoro. Il documentario, completato da interviste e spezzoni di filmati storici, è andato in onda domenica 24 agosto e verrà trasmesso in Italia il 16 settembre su Mtv.

Warren Zevon dimostra da sempre una sensibilità musicale particolare. Il suo stile ha avuto costantemente a che fare con la morte, trattandola tuttavia scherzosamente, in termini confidenziali, affascinanti, al limite del lecito.

La carriera di Zevon iniziò nel 1969, quando incise ''Wanted - Dead or alive'', ma la notorietà arrivo come autore di canzoni portate al successo da Linda Ronstandt, come ''Poor, poor pitiful me'' e ''Hasten down the wind''.

Nel 1976 esce ''Warren Zevon'', seguito nel 1978 da ''Excitable boy'', poi, con fasi alterne, la sua produzione si è diradata ed è rientrata nell'ombra sino a questo annuncio shock.

Testate giornalistiche e telegiornali, che sino ad oggi l'avevano snobbato, gli hanno concesso spazi impensabili, attirati più dalla vicenda personale dell'artista ma anche (o soprattutto) dalla pletora di artisti accorsi al suo capezzale per la realizzazione del disco d'addio.

Warren Zevon

Le sue nuove canzoni sono toccanti e intense ed i riferimenti alla sua condizione sono inevitabili. In ''The Wind'' l'idea della morte è presente ma sdrammatizzata, resa meno pesante dall'ironia e dallo humour che Zevon ha sempre utilizzato nei suoi testi. ''Questo disco era il modo migliore che io avessi a disposizione per salutare i miei amici'', ha dichiarato l'artista in un'intervista.

The Wind, si apre con Dirty Life And Times Dirty Life & Times (Dwight Yoakam, Ry Cooder, Billy Bob Thornton, Don Henley); seguono Disorder in the House (Bruce Spingsteen), Knocking on Heaven's Door (Billy Bob Thornton e John Waite), Numb as a Statue (David Lindley e Jim Keltner), She's too good for me (splendida ballata con Timothy B.Schmit e Don Henley), Prison Grove (Ry Cooder, Billy Bob Thornton, Jackson Browne, T-Bone Burnet, Bruce Spingsteen), El Amor de mi Vida, The Rest of the Night (Tom Petty, Mike Campbell), Please Stay (Emmylou Harris), Rub me Raw (Joe Walsh e Jim Keltner), e la conclusiva Keep me in your Heart.

Non è facile dare un giudizio senza rimanere influenzati dalle vicende umane di questo cantautore o dalla ridda di nomi importanti che partecipano a questo album, ma quand'anche ci si riuscisse...non si potrebbe fare a meno di giudicarlo un ottimo album.

Forse non un capolavoro, come ormai gridano da molte parti, ma sicuramente un disco che contiene e provoca forti emozioni.

 
 Informazioni 
 

Furio Sollazzi

Pavia, 10/09/2003 (1305)

RIPRODUZIONE VIETATA
www.miapavia.com è testata giornalistica, il contenuto di queste pagine è protetto dai diritti d'autore.
In caso di citazione o utilizzo, si prega di evidenziare adeguatamente la fonte.



MiaPavia è una testata giornalistica registrata, © 2000- 2020 Buon Vento S.r.l. - P.I. IT01858930181
Tutti i diritti sono riservati - Chi siamo - Contatti - Mining pool