Pavia e provincia: Pavese, Oltrepò Pavese, Lomellina, eventi, spettacoli e manifestazioni di Pavia e provincia
martedì, 22 settembre 2020 (879) Qual Buon Vento, navigante! » Entra


 
Articoli della stessa rubrica
» Squali, predatori perfetti"
» Pretesti per una mostra. Sergio Ruzzier a Pavia
» Lady Be Mosaici Contemporanei
» Oltre lo sguardo
» Looking for Monna Lisa
» Attraverso i nostri occhi
» Un patrimonio ritrovato
» Spazio sospeso
» Hokusai, Hiroshige, Utamaro. Capolavori dell'arte giapponese
» EXIT hotel fantasma in provincia di Pavia
» Colore e tempo
» Il paesaggio geometrico italiano di origine Romana
» Per un capriccio. 12 opere per Paolo Della Grazia
» "I colori della speranza"
» Sopra il vestito l'arte:dialogo d'artista
» Prima che le foglie cadano
» La bellezza della scienza
» Mostra "Natura ed artificio in biblioteca"
» Schiavocampo - Soddu
» De Chirico, De Pisis, Carrà. La vita nascosta delle cose

Vedi archivio

 
Altri articoli attinenti
» Vacchi e Bossini agli Incontri Musicali del Collegio Borromeo
» Carnevale al Museo della Storia
» Leonardo e Vitruvio. Oltre il cerchio e il quadrato
» Vittorio Sgarbi e Leonardo
» Narrare l'Antico: Sole Rosso di Grazia Maria Francese
» Squali, predatori perfetti"
» Visual Storytelling. Quando il racconto si fa immagine
» I linguaggi della storia: Il formaggio e i vermi
» Giornata della memoria. Il cielo cade
» Pretesti per una mostra. Sergio Ruzzier a Pavia
» La Storia organaria di Pavia
» Postazione 23
» Il "Duchetto" di Pavia
» Libri al Fraccaro
» La cospirazione dei tarli
 
Pagina inziale » Cultura » Articolo n. 13637 del 18 gennaio 2016 (2458) Condividi su Facebook Stampa Salva in formato PDF
Un muro per un olocausto
Un muro per un olocausto

Nell’ambito dell’iniziativa culturale “Il rumore della memoria - Shoah: parole e visioni per ricordare, la Pinacoteca Civica “C. Ottone” partecipa agli eventi con l’ostensione dell’opera di Dino Zampogna “Un muro per un olocausto. Bambole mutilate del 1945”, un olio su lino, di 141x200,5 centimetri.

Dino Zampogna (Napoli 11 marzo 1929) diventa una figura di rilievo nel complesso mondo della pittura contemporanea per la sua sensibilità e creatività, e per l’accurato studio delle tecniche usate dai grandi pittori impressionisti francesi come Manet e Cezanne.

Ciò che spinge Zampogna a dipingere è una “Impressione”, una visione sensibile della natura o di un volto. La pennellata larga e morbida coglie del soggetto i tratti più importanti, più caldi. Grazie a questa tecnica l’artista può renderci partecipi delle emozioni che prova nel dipingere.

Nell’opera esposta Dino Zampogna catapulta l’osservatore nella sensazione di sgomento e raccapriccio davanti alla scoperta di una tragedia come l’Olocausto. Quelle bambole mutilate rapprendano “la mutilazione interiore” dell’uomo davanti ad un’atrocità come quella della deportazione.

I visitatori potranno ammirare la tela, presso la Pinacoteca Civica, dal 17 al 31 gennaio dal martedì al venerdì dalle 14.00 alle 17.00, sabato, domenica e festivi dalle 10.00 alle 17.30. 

 
 Informazioni 
Dove: Vigevano - Pinacoteca Civica del Castello
Indirizzo: Piazza Ducale
Quando: da domenica 17 gennaio 2016 a domenica 31 gennaio 2016
Orario: dal martedì al venerdì, dalle 14.00 alle 17.00, sabato, domenica e festivi dalle 10.00 alle 17.30.
 
 
Pavia, 18/01/2016 (13637)

RIPRODUZIONE VIETATA
www.miapavia.com è testata giornalistica, il contenuto di queste pagine è protetto dai diritti d'autore.
In caso di citazione o utilizzo, si prega di evidenziare adeguatamente la fonte.



MiaPavia è una testata giornalistica registrata, © 2000- 2020 Buon Vento S.r.l. - P.I. IT01858930181
Tutti i diritti sono riservati - Chi siamo - Contatti - Mining pool