Pavia e provincia: Pavese, Oltrepò Pavese, Lomellina, eventi, spettacoli e manifestazioni di Pavia e provincia
lunedì, 21 settembre 2020 (893) Qual Buon Vento, navigante! » Entra


 
Articoli della stessa rubrica
» Squali, predatori perfetti"
» Pretesti per una mostra. Sergio Ruzzier a Pavia
» Lady Be Mosaici Contemporanei
» Oltre lo sguardo
» Looking for Monna Lisa
» Attraverso i nostri occhi
» Un patrimonio ritrovato
» Spazio sospeso
» Hokusai, Hiroshige, Utamaro. Capolavori dell'arte giapponese
» EXIT hotel fantasma in provincia di Pavia
» Colore e tempo
» Il paesaggio geometrico italiano di origine Romana
» Per un capriccio. 12 opere per Paolo Della Grazia
» "I colori della speranza"
» Sopra il vestito l'arte:dialogo d'artista
» Prima che le foglie cadano
» La bellezza della scienza
» Mostra "Natura ed artificio in biblioteca"
» Schiavocampo - Soddu
» De Chirico, De Pisis, Carrà. La vita nascosta delle cose

Vedi archivio

 
Altri articoli attinenti
» Vacchi e Bossini agli Incontri Musicali del Collegio Borromeo
» Carnevale al Museo della Storia
» Leonardo e Vitruvio. Oltre il cerchio e il quadrato
» Vittorio Sgarbi e Leonardo
» Narrare l'Antico: Sole Rosso di Grazia Maria Francese
» Squali, predatori perfetti"
» Visual Storytelling. Quando il racconto si fa immagine
» I linguaggi della storia: Il formaggio e i vermi
» Giornata della memoria. Il cielo cade
» Pretesti per una mostra. Sergio Ruzzier a Pavia
» La Storia organaria di Pavia
» Postazione 23
» Libri al Fraccaro
» Il "Duchetto" di Pavia
» La cospirazione dei tarli
 
Pagina inziale » Cultura » Articolo n. 13900 del 21 aprile 2016 (3361) Condividi su Facebook Stampa Salva in formato PDF
Sense of Light: I Pollice tra Pavia e Milano (1908-2016)
Sense of Light: I Pollice tra Pavia e Milano (1908-2016)

È una retrospettiva dedicata a uno dei brand più illustri della produzione illuminotecnica italiana e mondiale del XX secolo, ancora oggi legata ai suoi partners e in continua attività nei territori di Pavia e di Milano. 

Le città di Pavia e di Certosa sono "musei a cielo aperto" degli apparecchi di illuminazione stradale Pollice installati nel corso del Novecento. Sono perfettamente funzionanti come allora e inseriti nell'arredo urbano di queste città così come di molte in Italia e nel mondo.
Il Museo della Tecnica Elettrica di Pavia, in concomitanza della mostra accenderà l'insegna progettata in esclusiva da Marco Pollice, light designer di fama internazionale, vincitore di numerosi premi e riconoscimenti nel settore della luce.  Questo progetto, voluto fortemente dalla direttrice Michela Magliacani, ha ottenuto la prestigiosa sponsorizzazione della società di consulenza PriceWaterhouseCoopers.

La storia della famiglia Pollice inizia nel 1908 e si snoda nel corso del XX secolo, seguendo di pari passo lo sviluppo economico e produttivo dell'Italia, dall'autarchia al Dopoguerra al Boom Economico degli anni '60, che vide la nascita della rete autostradale italiana e dell'Autostrada del Sole illuminata da apparecchi Pollice. L'ing. Ugo Pollice ha progettato apparecchi di illuminazione per ogni ambito, dal piccolo lume per scrivania alle armature stradali: assieme ai figli Cesare e Marco ha illuminato strade, scuole, stadi e in particolare ospedali negli anni '70. Negli anni '80 la generazione successiva dei Pollice, guidata da Cesare e dai figli Marco, Alfredo e Gioia, ha innovato la progettazione illuminotecnica estendendo i suoi studi a settori del tutto nuovi come l'arte e la cromoterapia. Di questi anni sono i progetti illuminotecnici per lo Stadio delle Alpi di Torino, il Duomo di Milano, il Cenacolo di Milano, Palazzo Grassi a Venezia, collabora con nomi prestigiosi, progettisti come Marco Zanuso, Lazzaro Raboni, Stevan Tesic, Florencia Costa, Nathalie e Virginie Droulers, Lucilla Malara, Mario Bellini, Zaha Hadid, Antonio Citterio e Aldo Cibic. Impegnato nella ricerca dell'innovazione della luce, sta oggi portando avanti un importante discorso sulla relazione tra luce e salute, in collaborazione con psicologi, medici, architetti, filosofi e artisti, per un dialogo attivo e una condivisione di saperi.

La mostra allestita al Museo della Tecnica Elettrica di Pavia presenta 100 pezzi di cui 80 apparecchi di illuminazione prodotti a cavallo dei due secoli che sono stati acquistati in tutto il mondo e raccolti con pazienza da Marco Pollice per il suo futuro museo d'impresa. Una ricca collezione di lampade, di cui 35 prodotte fra il 1936 e il 1986 e 30 prodotte a cavallo del secondo e terzo Millennio. Sono presenti anche grandi apparecchi illuminanti stradali, lampadari, piantane, specchi luminosi, cataloghi, immagini, fotografie e cimeli, pubblicità Pollice del XX secolo e persino la tesi di Laurea in fisica conseguita all'Università di Pavia da Cesare Pollice.

Marco Pollice interverrà all'inaugurazione della mostra e alla presentazione del catalogo pubblicato dal Museo della Tecnica Elettrica con il sostegno di PriceWaterhouseCoopers, alla presenza delle autorità cittadine di Pavia e Certosa di Pavia.

 
 Informazioni 
Dove: Pavia - Museo della Tecnica elettrica
Indirizzo: Via Ferrata 6
Quando: da mercoledì 27 aprile 2016 a giovedì 26 maggio 2016
Orario: giorni feriali (9-12 e 14-16), sabato 7 maggio (15-18)
 
 
Pavia, 21/04/2016 (13900)




MiaPavia è una testata giornalistica registrata, © 2000- 2020 Buon Vento S.r.l. - P.I. IT01858930181
Tutti i diritti sono riservati - Chi siamo - Contatti - Mining pool