Pavia e provincia: Pavese, Oltrepò Pavese, Lomellina, eventi, spettacoli e manifestazioni di Pavia e provincia
mercoledì, 27 ottobre 2021 (146) Qual Buon Vento, navigante! » Entra


 
Articoli della stessa rubrica
» L'altro Leonardo
» Oltrepò Pavese. L'Appennino Lombardo
» Marco Bianchi e "La cucina delle mie emozioni"
» Napoleone anche a Pavia
» Semplicemente Sacher
» Oltrepò infinitamente grande, infinitamente piccolo, infinitamente complesso
» Un nodo al fazzoletto
» Vigevano tra cronache e memorie
» Il Futuro dell’Immagine
» "Sorella Morte. La dignità del vivere e del morire”
» L' Eredità di Corrado Stajano
» Il pentagramma relazionale
» Ghislieri 450. Un laboratorio d’ Intelligenze
» Progettare gli spazi del sapere: il caso Ghislieri
» La Viola dei venti
» Solo noi. Storia sentimentale e partigiana della Juventus
» L'estate non perdona
» Il manoscritto di Dante
» Per una guida letteraria della provincia di Pavia
» Il naso della Sfinge

Vedi archivio

 
Altri articoli attinenti
» Vacchi e Bossini agli Incontri Musicali del Collegio Borromeo
» Carnevale al Museo della Storia
» Leonardo e Vitruvio. Oltre il cerchio e il quadrato
» Vittorio Sgarbi e Leonardo
» Narrare l'Antico: Sole Rosso di Grazia Maria Francese
» Squali, predatori perfetti"
» Visual Storytelling. Quando il racconto si fa immagine
» I linguaggi della storia: Il formaggio e i vermi
» Giornata della memoria. Il cielo cade
» Pretesti per una mostra. Sergio Ruzzier a Pavia
» La Storia organaria di Pavia
» Postazione 23
» Il "Duchetto" di Pavia
» Libri al Fraccaro
» La cospirazione dei tarli
 
Pagina inziale » Cultura » Articolo n. 13933 del 4 maggio 2016 (2636) Condividi su Facebook Stampa Salva in formato PDF
In navigazione con Ilde Porcu...
In navigazione con Ilde Porcu...

Primo appuntamento della rassegna Biblioteca a bordo  con le atmosfere pavesi nel romanzo Una sola stagione di Ilde Porcu.

Il tempo storico che vivono i protagonisti si dipana dall'estate 1966 in un giro di mesi che comprenderà anche i primi due giorni del gennaio 1968. La cornice benché si collochi prevalentemente a Milano, luogo di residenza dei protagonisti, varia in continuazione. Al suo interno all'improvviso, veloci e suggestive, appaiono vedute passeggere di paesaggi o di città, fra queste come un prezioso cammeo antico spicca Pavia.
Dietro una parvenza di leggerezza il romanzo descrive tutto un tracciato storico dell'epoca: il triangolo industriale Genova, Torino, Milano; il continuo flusso migratorio dei giovani che si sposta come un'onda d'urto generando nuove culture; le persone già ambientate nelle metropoli, le metropoli destinate a diventare sempre più come alveari nelle loro unità abitative tirate su col risparmio di spazi. Ma una parte privilegiata la riserva soprattutto alle palazzine d'epoca, eleganti nelle loro facciate dai colori smorzati. Alla poesia delle città con tracce ancora evidenti della campagna in contrasto con la corsa sfrenata del cosiddetto boom economico.

Racconta la stessa autrice:
E' tempo che parli di Pavia. E come questa città sia venuta a far parte del mio romanzo. Apparentemente la copertina porta subito a Milano. Infatti sullo sfondo bianco perla si delinea un'immagine del Castello Sforzesco, ma basta sfogliare le pagine e fin dall'inizio parlo di Pavia. Ho incastonato Pavia come un prezioso cammeo dentro questo mio romanzo. Pavia sta sempre in sottofondo dal principio alla fine come una musica in filodiffusione. Ogni tanto si affaccia con pennellate di colore: il fiume Ticino dove Lorenzo ama andare in canoa, i boschi dove sempre Lorenzo, ma poi anche Emilia, (i protagonisti del romanzo) percorreranno a cavallo, e come una sinfonia, Pavia compare nell'aria dolce e molle della sera, nel giardino con le rose dei genitori di Lorenzo, negli interni della casa, nell'antica università. Lorenzo è nato a Pavia, e vive a Milano. Ma manterrà sempre, come d'altronde anche Emilia, un filo conduttore fra le due città, un rapporto speciale che non si spezzerà mai. Emilia e Lorenzo frequenteranno entrambi l'università pavese. E ad ogni occasione sfrecceranno sulla loro Moto Guzzi lungo il Naviglio che conduce a Pavia.

 
 Informazioni 
Dove: Pavia - Sede Galleggiante Club Vogatori
Indirizzo: Via Milazzo (via Trinchera - Borgo Basso)
Quando: sabato 7 maggio 2016
Orario: 17.15
 
 
Pavia, 04/05/2016 (13933)




MiaPavia è una testata giornalistica registrata, © 2000- 2021 Buon Vento S.r.l. - P.I. IT01858930181
Tutti i diritti sono riservati - Chi siamo - Contatti - Mining pool