Pavia e provincia: Pavese, Oltrepò Pavese, Lomellina, eventi, spettacoli e manifestazioni di Pavia e provincia
giovedì, 26 novembre 2020 (564) Qual Buon Vento, navigante! » Entra


 
Articoli della stessa rubrica
» Taraxacum officinale
» Matricaria chamomilla
» Ocimum basilicum
» Mentha piperita
» Primula veris
» Hedera helix
» Punica granatum
» Malva Sylvestris
» Urtica dioica
» Rubus fruticosus
» Lavandula officinalis
» Salvia officinalis

Vedi archivio

 
Altri articoli attinenti
» Il Carnevale degli Animali... al Museo!
» Il Sentiero dei Piccoli - Open Day
» Biodiversità degli animali
» Riabitare l'Italia & Appennino atto d'amore
» Festa dell'Albero 2019
» Lotte biologica, l'importanza dell'impollinazione da parte delle api
» Come moltiplicare le piante in casa: tecniche e consigli
» Corso sulla biodiversità urbana
» Passeggiata naturalistica
» Corso base di acquarello naturalistico
» La Margherita di Adele
» Pavia per gli animali
» Mostra mercato “Antiche varietà agricole locali e piante spontanee mangerecce”
» BiodiverCittà - passeggiata al Parco della Sora
» Biodivercittà - passeggiata al Parco della Vernavola
 
Pagina inziale » Ambiente » Articolo n. 140 del 5 ottobre 2001 (4312) Condividi su Facebook Stampa Salva in formato PDF
Castanea sativa
Castanea sativa

Albero maestoso, appartenente alla famiglia delle Fagacee, il castagno presenta fusto eretto e chioma ampia, tondeggiante e fittamente ramificata. Grazie anche alla notevole longevità, raggiunge grandi dimensioni: alto mediamente 10-20 metri, può arrivare a 30-35 metri di altezza e 6-8 metri di circonferenza.

Diffusissima nell'Europa mediterranea sin dai tempi antichi, questa pianta occupa di preferenza le zone collinari e montane temperate di altitudine compresa tra i 300 e i 1000-1200 metri di quota.

Nei primi anni di vita la corteccia è liscia, brillante, di colore bruno-rossastro, tendente al grigio-verde; successivamente si scurisce e si fessura longitudinalmente.

Le foglie, caduche e alternamente disposte, hanno forma lanceolata e margine visibilmente seghettato. Lunghe fino a 25 centimetri, hanno consistenza quasi coriacea, pagina superiore di colore verde brillante e inferiore più chiara.

I fiori sono a sessi separati e presenti sullo stesso albero (pianta monoica): quelli maschili, bianco-giallastri, sono i primi a fiorire, e sono disposti in evidenti infiorescenze ad amento (spiga pendente); quelli femminili, più piccoli e meno numerosi, sono invece generalmente solitari o riuniti in gruppi di 3... ma più graditi dalle api, che ne ricavano un miele dall'aroma caratteristico. Localizzati alla base delle infiorescenze maschili, sono protetti da un involucro verde, che - a maturità - si evolverà nello spinoso riccio, mentre i fiori si trasformeranno nelle ben note in castagne.

All'epoca della maturazione, variabile tra la metà di settembre e la prima decade di novembre, il castagno produce quindi i suoi frutti - botanicamente definiti "acheni" - che, in numero di 2-3 per riccio, cadono generalmente al suolo in seguito alla sua apertura spontanea.

In generale, i frutti - ricchi di zuccheri, grassi, sostanze proteiche e vitamine (B1,B2, C) - , non sono molto dolci, fatta eccezione per quelli delle cultivar (le varietà coltivate), tra cui si annoverano i più pregiati "marroni" che, più grossi delle castagne, presentano anche "buccia" più chiara e striata di bruno.

Le forme coltivate includono centinaia di varietà selezionate proprio in base alle caratteristiche organolettiche del frutto, consumato poi fresco, arrostito, bollito, essiccato o utilizzato per la produzione di farine (in uso negli allevamenti di bestiame) e nell'industria dolciaria.

Foglie e corteccia (da raccogliersi in primavera), anche se trascurabili per valore economico, presentano comunque, così come le castagne, interessanti proprietà curative: espettoranti, astringenti, demineralizzanti, toniche e sedative.

 
 Informazioni 
 

Sara Pezzati

Pavia, 05/10/2001 (140)

RIPRODUZIONE VIETATA
www.miapavia.com è testata giornalistica, il contenuto di queste pagine è protetto dai diritti d'autore.
In caso di citazione o utilizzo, si prega di evidenziare adeguatamente la fonte.



MiaPavia è una testata giornalistica registrata, © 2000- 2020 Buon Vento S.r.l. - P.I. IT01858930181
Tutti i diritti sono riservati - Chi siamo - Contatti - Mining pool