Pavia e provincia: Pavese, Oltrepò Pavese, Lomellina, eventi, spettacoli e manifestazioni di Pavia e provincia
mercoledì, 3 giugno 2020 (999) Qual Buon Vento, navigante! » Entra


 
Articoli della stessa rubrica
» Macadam: Latitudine incrociate
» Fabrizio Poggi & Chicken Mambo: Spaghetti Juke Joint
» Nat Soul Band: Not so bad
» Ho sbagliato secolo
» Far Out
» Blues, Blues e ancora Blues
» Shag’s Airport
» Accordiamoci
» Il leone nell’Arena
» Francesco Garolfi: Un posto nel mondo
» Alberto Tava: il nuovo disco Mediterraneo
» Il matrimonio che vorrei: da oggi a Pavia
» Reality: ma quando ANCHE a Pavia?
» Il rosso e il blu: scuola italiana...
» Magic Mike: quando è lui a spogliarsi...
» Giorgia, che sorpresa!
» I Beach Boys in Italia: c’ero anch’io!
» Wanna Be Startin’ Somethin’. Thriller rivisitato
» Il ritorno dell'uomo armonica
» Un disco tutto pavese per Woody Guthrie

Vedi archivio

 
Altri articoli attinenti
» Francesca Dego in concerto
» Al Borromeo l'omaggio a Beethoven
» Christian Meyer Show
» Concerto di Natale - Merry Christmas in Jazz & Gospel
» Festival di Natale - ¡Cantemos!
» Festival di Natale - El Jubilate
» Festival di Natale - Hor piango, hor canto
» Concerto di Natale
» Festival di Natale - O prima alba del mondo
» Up-to-Penice omaggia De Andrè
» Duo violino e violoncello
» Cori per il Togo
» Open-day al Vittadini. Laboratori musicali per l'infanzia
» Stayin' alive LVGP sings 70s
» Omaggio a Offenbach e Lirica del cuore
 
Pagina inziale » Musica » Articolo n. 1406 del 17 ottobre 2003 (2924) Condividi su Facebook Stampa Salva in formato PDF
Il 'Mostro' è tornato!
Il 'Mostro' è tornato!

Il ''Mostro'' (nel senso di mostro di bravura) ha colpito di nuovo con un concerto sconvolgente.
Mercoledì 15 Ottobre, al Thunder Road di Codevilla (PV) un mito degli anni '60 ha dimostrato di essere, ancora oggi, il Migliore.

Con questa è la 4^ volta che Brian Auger, tastierista il cui nome è legato indissolubilmente all'organo Hammond B3, si esibisce da queste parti.
La prima volta fù alla fine degli anni '60 quando tenne un concerto alle Rotonde di Garlasco insieme a Julie Driscoll e ai Trinity.

Dieci anni fa capitò al Boschetto di Torre d'Isola, in compagnia di Julius Farmer e di una combriccola di musicisti italiani. Poi, quattro anni fa, andò al Fillmore di Cortemaggiore ed ora al Thunder Road.

Tranne che per la prima volta, io ho assisstito a tutti gli altri suoi concerti…ma come questa volta non l'ho mai sentito suonare.

Sarà stato per la mancanza del chitarrista, che gli imponeva di ricoprire il ruolo sia d'accompagnatore che di solista, o per un momento di particolare verve espressiva, ma il risultato è stato un concerto assolutamente incredibile (e imperdibile, aggiungo a beneficio di tutti quelli che invece se lo sono lasciato sfuggire).

Jubiabà

Ad introdurre il concerto è stato Roberto Re (tra i principali promotori del concerto) con i suoi Jubiabà (gruppo di cui vi parlerò in modo più esteso la settimana prossima, con la recensione del loro primo CD) che, per una mezz'ora, hanno dimostrato di essere in grado d'offrire un ben eseguito acid-jazz nostrano; poi Brian è salito sul palco e, sin dalle prime note, ha stregato il pubblico: quello degli appassionati del genere e dei fans (quanti tastieristi c'erano in sala; e quanti musicisti che non incontravo più da tempo) ma anche quello occasionale, che non sapeva bene cosa andava ad ascoltare.

Un'ora e mezzo di musica tiratisima, trascinante, affascinante, coinvolgente. Gusto e tecnica si sprecavano; Brian, a sessantaquattro anni, suonava con l'entusiasmo di un ragazzino divertendosi anche, nelle presentazioni, a creare momenti ilari giocando con il suo inglese italianizzato.

Savannah

Bella e brava la figlia Savannah e il nuovo bassista Chris Golden, mentre sono rimasto stupito dall'enorme miglioramento che ho riscontrato nello stile del batterista Karma Auger.

Il repertorio ha spaziato dai primi successi (Boppin'on Sunset, Isola Natale) a brani tratti da uno dei suoi capolavori (l'album Streetnoise, da cui ha tratto Season of the Witch, Light My Fire ecc), sino agli ultimi album.

E' innegabile che Brian Auger è stato per l'organo Hammond quello che Jimi Hendrix ha rappresentato per la chitarra: un assoluto innovatore.

Che Mostro!

 
 Informazioni 
 

Furio Sollazzi

Pavia, 17/10/2003 (1406)

RIPRODUZIONE VIETATA
www.miapavia.com è testata giornalistica, il contenuto di queste pagine è protetto dai diritti d'autore.
In caso di citazione o utilizzo, si prega di evidenziare adeguatamente la fonte.



MiaPavia è una testata giornalistica registrata, © 2000- 2020 Buon Vento S.r.l. - P.I. IT01858930181
Tutti i diritti sono riservati - Chi siamo - Contatti - Mining pool