Pavia e provincia: Pavese, Oltrepò Pavese, Lomellina, eventi, spettacoli e manifestazioni di Pavia e provincia
lunedì, 28 maggio 2018 (736) Qual Buon Vento, navigante! » Entra


 
Articoli della stessa rubrica
» Moro. L'inchiesta senza finale
» Incontro con Elda Lanza
» In viaggio con Mino Milani
» Letizia Moratti ospite al Nuovo
» Io e il mostro. Frankenstein, quasi una autobiografia.
» Tutta colpa del '68?
» Festa mobile. Un giro d'Italia a tappe di letture ad alta voce
» La passione della letteratura
» 4 amici al bar
» L'Africa di Andrea De Giorgio
» Alessia Gazzola al Nuovo
» Come adottare uno stile di vita alcalino
» Una donna che scrisse il suo destino: Adelaide di Borgogna
» Raccontare il territorio pavese fra banche e imprese locali
» Costantino Nigra. L'agente segreto del Risorgimento
» Dal reportage al sogno
» Ti dico la verità
» Spettri, miei compagni. Charlotte Delbo, Auschwitz e il senso della memoria
» Laviamole un pò la faccia
» Come la politica entra nelle nostre case

Vedi archivio

 
Altri articoli attinenti
» La Fratelli Toso: i vetri storici dal 1930 al 1980
» Incontri d’Arte: Tomoko Nagao
» Nel segno di Olivetti
» Moro. L'inchiesta senza finale
» Il mito della Nazione
» Bruno Maida, L'infanzia nelle guerre del Novecento
» Nulla è più importante delle piccolezze. Tecniche d'indagine letteraria
» PaviArt
» Incontro con Elda Lanza
» Francesca Moscheni: I segni di Dio
» In questa perennità di giovani
» In viaggio con Mino Milani
» Exist
» Una Storia Militante
» Incontri d’Arte
 
Pagina inziale » Cultura » Articolo n. 14304 del 4 novembre 2016 (1364) Condividi su Facebook Stampa Salva in formato PDF
Sotto i nostri piedi
Sotto i nostri piedi

Dopo ogni terremoto c’è sempre qualcuno che lo aveva previsto: i Maya, la zia Santuzza, il cane del vicino. I previsori non si fidano della scienza, ma credono che i rospi scappino prima dei terremoti, che la Nato e le trivelle possano scatenarli, che gli scienziati sappiano prevederli ma non lo dicano perché odiano vincere i premi Nobel.

Lunedì 14 novembre, Alessandro Amato, presenterà il suo libro “Sotto i nostri piedi. Storie di terremoti, scienziati e ciarlatani“, edito da Codice. Un viaggio attraverso la storia dei terremoti, delle teorie (scientifiche e non) per spiegarli e dei tentativi per prevederli. Interverranno l’autore, Alessandro Amato, sismologo INGV e Gian Michele Calvi, professore ordinario IUSS Pavia.

Il libro racconta di storie di scienziati e filosofi (da Aristotele a Kant), di terremoti e terremotati (dalla Cina alla Russia, dalla California all’Aquila), di bizzarre teorie e personaggi pittoreschi. Fino ai più recenti passi avanti compiuti dalla ricerca sismologica, che se non consentono ancora la previsione dei terremoti ci offrono però la conoscenza e gli strumenti per una fondamentale riduzione del rischio.

Alessandro Amato, sismologo, è dirigente di ricerca dell'Istituto Nazionale di Geofisica e Vulcanologia (INGV). È stato direttore del Centro Nazionale Terremoti e membro della Commissione Grandi Rischi. Ha coordinato e partecipato a numerosi progetti di ricerca nazionali e internazionali.

 
 Informazioni 
Dove: Pavia - Sala del Camino della Scuola Universitaria Superiore IUSS
Quando: lunedì 14 novembre 2016
Orario: 18.00
 
 
Pavia, 04/11/2016 (14304)




MiaPavia è una testata giornalistica registrata, © 2000- 2018 Buon Vento S.r.l. - P.I. IT01858930181
Tutti i diritti sono riservati - Chi siamo - Contatti - Mining pool