Pavia e provincia: Pavese, Oltrepò Pavese, Lomellina, eventi, spettacoli e manifestazioni di Pavia e provincia
giovedì, 16 luglio 2020 (827) Qual Buon Vento, navigante! » Entra


 
Articoli della stessa rubrica
» Squali, predatori perfetti"
» Pretesti per una mostra. Sergio Ruzzier a Pavia
» Lady Be Mosaici Contemporanei
» Oltre lo sguardo
» Looking for Monna Lisa
» Attraverso i nostri occhi
» Un patrimonio ritrovato
» Spazio sospeso
» Hokusai, Hiroshige, Utamaro. Capolavori dell'arte giapponese
» EXIT hotel fantasma in provincia di Pavia
» Colore e tempo
» Il paesaggio geometrico italiano di origine Romana
» Per un capriccio. 12 opere per Paolo Della Grazia
» "I colori della speranza"
» Sopra il vestito l'arte:dialogo d'artista
» Prima che le foglie cadano
» La bellezza della scienza
» Mostra "Natura ed artificio in biblioteca"
» Schiavocampo - Soddu
» De Chirico, De Pisis, Carrà. La vita nascosta delle cose

Vedi archivio

 
Altri articoli attinenti
» Vacchi e Bossini agli Incontri Musicali del Collegio Borromeo
» Carnevale al Museo della Storia
» Leonardo e Vitruvio. Oltre il cerchio e il quadrato
» Vittorio Sgarbi e Leonardo
» Narrare l'Antico: Sole Rosso di Grazia Maria Francese
» Squali, predatori perfetti"
» Visual Storytelling. Quando il racconto si fa immagine
» I linguaggi della storia: Il formaggio e i vermi
» Giornata della memoria. Il cielo cade
» Pretesti per una mostra. Sergio Ruzzier a Pavia
» La Storia organaria di Pavia
» Postazione 23
» Libri al Fraccaro
» Il "Duchetto" di Pavia
» La cospirazione dei tarli
 
Pagina inziale » Cultura » Articolo n. 14341 del 21 novembre 2016 (2515) Condividi su Facebook Stampa Salva in formato PDF
Personale di Gil Ferraro "Cordo cavalon"
Personale di Gil Ferraro

Cordo cevalon, che significa "cuor di destriero"è il titolo della nuova mostra che ospiterà l’osteria Sottovento dal prossimo 27 novembre e che vedrà esposti  nuovi e vecchi lavori di Gil Ferraro, eseguiti tra il 2015 e 2016, passando eterogeneamente dal digitale alla pittura ad olio.

La punta di diamante di questa esposizione sarà il Trittico degli Alicorni, tre dipinti di grandi dimensioni che vanno a formare l'architettura del sogno. Tre creature, incrocio tra il celeberrimo Pegaso, ed il tanto agognato Unicorno, si muoveranno all'interno di altrettante stanze dall'atmosfera quasi claustrofobica.
In una città di forte gusto medievale, come Pavia, la mia città natale, non potevo far altro che sviluppare quel sentimento visionario tipico dell'epoca, contaminandolo con il gusto moderno e con una lieve influenza surrealista. La location d'altronde è perfetta, il Sottovento, che unisce mondano ad intellettuale, proprio come la Surrealtà tanto cara a Breton: unione della realtà diurna e dell'incoscio.
Si tratterà insomma di un bestiario personale, un indice di creature mostruose e proibite. Un riassunto dei miei viaggi nel Mondo Infero, prima di affrontare il viaggio seguente, come Dante all'Inferno, o come Astolfo sulla Luna.

Nato nel 1990 a Pavia, Riccardo Gil Ferraro, frequenta ed è laureando all'Accademia di Belle Arti di Brera, indirizzo pittura. Nel corso degli anni scopre il collage, una tecnica che lo affascinerà enormemente, permettendogli di unire elementi di eterogenea provenienza all'interno di un singolo dipinto, in linea col processo della condensazione, un processo onirico che ci permette di creare unità dalle diverse suggestioni della vita quotidiana, non disdegnando però anche le tecniche tradizionali, come ad esempio l'olio.
 Il tema principale della sua ricerca è la Chimera, intesa come creatura "mostruosa" frutto di condensazione psicologica. Spesso infatti capita di dimenticare i sogni una volta tornati nel Mondo Supero, il mondo dell'esperienza che viene considerata reale. L'artista, onironauta per eccellenza, ha il compito sacrale di riportare alla vita ed alla memoria le suggestioni del Mondo Infero, chiamato da alcuni mondo dei sogni, da cui nel corso dei millenni, l'umanità ha tratto innumerevoli mitologie e cosmogonie. Ricordando che non solo il direttamente esperibile è reale, egli si fa demiurgo delle chimere dei sogni, richiamandole dai più profondi recessi della fantasia. Attualmente vive ed opera a Pavia.

 
 Informazioni 
Dove: Pavia - Osteria Sottovento
Indirizzo: Via Siro Comi 8
Quando: da domenica 27 novembre 2016 a sabato 24 dicembre 2016
Note: Inaugurazione  domenica 27 Novembre ore 19.00 alla presenza dell'artista

 
 
Pavia, 21/11/2016 (14341)




MiaPavia è una testata giornalistica registrata, © 2000- 2020 Buon Vento S.r.l. - P.I. IT01858930181
Tutti i diritti sono riservati - Chi siamo - Contatti - Mining pool