Pavia e provincia: Pavese, Oltrepò Pavese, Lomellina, eventi, spettacoli e manifestazioni di Pavia e provincia
giovedì, 26 novembre 2020 (573) Qual Buon Vento, navigante! » Entra


 
Articoli della stessa rubrica
» Taraxacum officinale
» Matricaria chamomilla
» Ocimum basilicum
» Mentha piperita
» Primula veris
» Hedera helix
» Punica granatum
» Malva Sylvestris
» Urtica dioica
» Castanea sativa
» Lavandula officinalis
» Salvia officinalis

Vedi archivio

 
Altri articoli attinenti
» Il Carnevale degli Animali... al Museo!
» Il Sentiero dei Piccoli - Open Day
» Biodiversità degli animali
» Riabitare l'Italia & Appennino atto d'amore
» Festa dell'Albero 2019
» Lotte biologica, l'importanza dell'impollinazione da parte delle api
» Come moltiplicare le piante in casa: tecniche e consigli
» Corso sulla biodiversità urbana
» Passeggiata naturalistica
» Corso base di acquarello naturalistico
» La Margherita di Adele
» Pavia per gli animali
» Mostra mercato “Antiche varietà agricole locali e piante spontanee mangerecce”
» BiodiverCittà - passeggiata al Parco della Sora
» Biodivercittà - passeggiata al Parco della Vernavola
 
Pagina inziale » Ambiente » Articolo n. 145 del 2 agosto 2001 (3862) Condividi su Facebook Stampa Salva in formato PDF
Rubus fruticosus
Rubus fruticosus

Il rovo è una rosacea ubiquitaria, cresce infatti a diverse altitudini, dall'aperta campagna ai margini dei boschi montani, invadendo spesso le zone ruderali.

In Italia ne esistono oltre 40 specie ma qui considereremo la R. fruticosus , quella i cui frutti, dal sapore dolce-acidulo, sono conosciute come more.

Pianta perenne, il rovo ha portamento arbustivo. Presenta lunghi rami spinosi, vigorosi che, sviluppandosi dapprima in modo eretto, finiscono poi per crescere aggrovigliati fra loro costituendo un intricato cespuglio impenetrabile.

Le foglie, caduche, sono verdi superiormente e bianche nella pagina inferiore. Sono composte, ovvero costituite da 3, 5, o 7 foglioline di forma ovata e dal margine dentato, che si inseriscono su di un lungo picciolo percorso, come le nervature, da sottili spine.

I fiori, disposti in pannocchia, presentano cinque petali di color rosa chiaro o bianco e numerosi scuri.

I frutti sono bacche globose dapprima rosse, che poi si scuriscono durante la maturazione, caratterizzata da un colore nero-blu lucido. Si tratta di "falsi frutti", o meglio le infruttescenze, poiché la vera e propria mora è in realtà costituita da tante drupe, carnose e succose, raccolte in un unico ricettacolo. La maturazione dei frutti va da agosto fino alla fine di settembre.

Di questa pianta, avente tra i suoi principi attivi la vitamina C, il potassio, l'acido malico, gli antociani e i tannini, si utilizzano principalmente foglie e frutti, ma godono di proprietà terapeutiche anche le radici e i giovani germogli.

 
 Informazioni 
 

Sara Pezzati

Pavia, 02/08/2001 (145)

RIPRODUZIONE VIETATA
www.miapavia.com è testata giornalistica, il contenuto di queste pagine è protetto dai diritti d'autore.
In caso di citazione o utilizzo, si prega di evidenziare adeguatamente la fonte.



MiaPavia è una testata giornalistica registrata, © 2000- 2020 Buon Vento S.r.l. - P.I. IT01858930181
Tutti i diritti sono riservati - Chi siamo - Contatti - Mining pool