Pavia e provincia: Pavese, Oltrepò Pavese, Lomellina, eventi, spettacoli e manifestazioni di Pavia e provincia
mercoledì, 27 ottobre 2021 (151) Qual Buon Vento, navigante! » Entra


 
Articoli della stessa rubrica
» L'altro Leonardo
» Oltrepò Pavese. L'Appennino Lombardo
» Marco Bianchi e "La cucina delle mie emozioni"
» Napoleone anche a Pavia
» Semplicemente Sacher
» Oltrepò infinitamente grande, infinitamente piccolo, infinitamente complesso
» Un nodo al fazzoletto
» Vigevano tra cronache e memorie
» Il Futuro dell’Immagine
» L' Eredità di Corrado Stajano
» "Sorella Morte. La dignità del vivere e del morire”
» Il pentagramma relazionale
» Ghislieri 450. Un laboratorio d’ Intelligenze
» Progettare gli spazi del sapere: il caso Ghislieri
» La Viola dei venti
» Solo noi. Storia sentimentale e partigiana della Juventus
» L'estate non perdona
» Il manoscritto di Dante
» Per una guida letteraria della provincia di Pavia
» Il naso della Sfinge

Vedi archivio

 
Altri articoli attinenti
» Vacchi e Bossini agli Incontri Musicali del Collegio Borromeo
» Carnevale al Museo della Storia
» Leonardo e Vitruvio. Oltre il cerchio e il quadrato
» Vittorio Sgarbi e Leonardo
» Narrare l'Antico: Sole Rosso di Grazia Maria Francese
» Squali, predatori perfetti"
» Visual Storytelling. Quando il racconto si fa immagine
» I linguaggi della storia: Il formaggio e i vermi
» Giornata della memoria. Il cielo cade
» Pretesti per una mostra. Sergio Ruzzier a Pavia
» La Storia organaria di Pavia
» Postazione 23
» Libri al Fraccaro
» Il "Duchetto" di Pavia
» La cospirazione dei tarli
 
Pagina inziale » Cultura » Articolo n. 1467 del 11 novembre 2003 (3977) Condividi su Facebook Stampa Salva in formato PDF
Il Tesoro dell'Antipapa
Particolare di copertina

Per esteso: "Il Tesoro dell'Antipapa nei sotterranei segreti della Certosa di Pavia", ovvero l'ultima opera dell'architetto pavese Alberto Arecchi, da anni impegnato, non solo come insegnante di Storia dell'Arte e di Disegno in istituti superiori locali, ma anche, e soprattutto, come scrittore in una fitta ed affascinante produzione letteraria (non a caso è reduce dal premio letterario internazionale "Il Prione", vinto alla Spezia con il racconto "Noi che siamo stati a Ngazobil").

Si tratta di "una specie di romanzo" - così l'ha definito l'autore - "il terzo, dopo "Anonimo Ticinese e l'ultimo Templare" e "La maledizione di San Siro". Un romanzo 'meticcio', con tanta storia, tanta documentazione e tante note".

Franco, il protagonista principale del libro, è un personaggio reale e le vicende narrate in queste pagine prendono spunto da fatti realmente accaduti una cinquantina d'anni fa, quando Franco, allora 18enne, s'introdusse con altri amici in una cascina di Borgarello, in cerca del passaggio segreto dei Visconti, che doveva custodire un incredibile tesoro sotterraneo.

Il fatto occupò la prima pagina della Provincia Pavese per una settimana. Poco dopo, Franco partì per la Legione Straniera... Una storia troppo "gustosa" per non incuriosire Arecchi, che non ha saputo resistere alla tentazione di narrare del Franco legionario, in posti che egli stesso (l'autore), conosce bene, per i lunghi anni trascorsi nell'Africa ex-francese.

Partendo dal presupposto che tale passaggio segreto - quello che doveva unire Pavia con la sua Certosa - sia una realtà "possibile e probabile", l'autore ha condotto una vera e propria indagine di tipo poliziesco, accompagnata da qualche evocazione di mistero. Aiutato da altri personaggi che vissero, insieme a Franco, i fatti di quell'epoca (1956), ha dato il via alla ricerca di un misterioso Papa (un Antipapa, per essere precisi) che dovrebbe essere sepolto lì sotto, con un tesoro che nel 1956 doveva valere venti miliardi di lire...

Un viaggio a ritroso nel tempo, in cui s'incontrano anche la "mitica" Valentina Visconti, conosciuta alla corte di Francia come La Strega Lombarda, che nacque e visse sino a 18 anni nel Castello di Pavia, gli anni d'oro suoi e del Castello stesso; nonché il famoso Monsieur de La Palisse.

Il tutto reso ancor più interessante, "perché non escludo - commenta lo scrittore - che durante i lavori della tangenziale di Pavia siano state distrutte ancora alcune tracce del passaggio segreto, e perché stranamente una serie di polemiche urbanistiche di attualità (a Città Giardino e a Borgarello) hanno fatto da cornice alla stesura stessa del libro, così come l'evento astronomico dello straordinario avvicinamento di Marte".

 
 Informazioni 
Il Tesoro dell'Antipapa nei sotterranei segreti della Certosa di Pavia
di Alberto Arecchi
Ed. Liutprand, Pavia - 2003
128 pagine - 10,00 euro

 

La Redazione

Pavia, 11/11/2003 (1467)

RIPRODUZIONE VIETATA
www.miapavia.com è testata giornalistica, il contenuto di queste pagine è protetto dai diritti d'autore.
In caso di citazione o utilizzo, si prega di evidenziare adeguatamente la fonte.



MiaPavia è una testata giornalistica registrata, © 2000- 2021 Buon Vento S.r.l. - P.I. IT01858930181
Tutti i diritti sono riservati - Chi siamo - Contatti - Mining pool