Pavia e provincia: Pavese, Oltrepò Pavese, Lomellina, eventi, spettacoli e manifestazioni di Pavia e provincia
lunedì, 23 ottobre 2017 (461) Qual Buon Vento, navigante! » Entra


 
Articoli della stessa rubrica
» Un pomeriggio in Kurdistan
» Andà e gnì con Rosanna à l’è tut un rùsì
» 2 passi nella Grande Foresta
» Sbulloniamo
» Libri in Libertà
» Dolomiti: un patrimonio da tutelare, una scogliera fossile da scoprire"
» I manoscritti restaurati
» Giornata della castagna
» E pensare che c'erano Gaber e Jannacci...
» Letture dell'Adelchi di Alessandro Manzoni
» Il Pianoforte vuoto: provando Beethoven
» Mostra dei Funghi
» Domenica di carta
» Echi longobardi a Pavia e oltre
» Visita con delitto
» A tu per tu con Laocoonte
» Antiche cultivar ortive e agronomiche locali (landrace)
» Chiare fresche dolci acque del Ticino
» Aspettando le antiche varietà
» Pane in Piazza

Vedi archivio

 
Altri articoli attinenti
» Tracce. Percorsi Longobardi
» Un pomeriggio in Kurdistan
» Emilio Cavallini. Oltre la tela – Evoluzione di fibre filate di calze
» Seminari Ghslieriani di Psicoanalisi
» Libri in Libertà
» Un Taramelli che parla di Taramelli
» Barbari? Qualche idea sui Longobardi
» Progettare gli spazi del sapere: il caso Ghislieri
» I manoscritti restaurati
» Mercatino dei Piccoli
» Contempora Langobardorum
» Letture dell'Adelchi di Alessandro Manzoni
» Robert Doisneau: Pescatore d’immagini
» Nextvintage d'autunno
» Domenica di carta
 
Pagina inziale » Cultura » Articolo n. 14843 del 19 settembre 2017 (91) Condividi su Facebook Stampa Salva in formato PDF
Biblioteca Universitaria: apertura straordinaria
Biblioteca Universitaria: apertura straordinaria

In occasione delle Giornate europee del patrimonio, promosse dal 1991 dal Consiglio d'Europa e dalla Commissione Europea e sostenute dal Ministero dei beni, delle attività culturali e del turismo, la Biblioteca Universitaria di Pavia sarà aperta anche il sabato pomeriggio.

Sarà possibile visitare la Mostra Regine e Re longobardi, inaugurata il 14 settembre, e, alle ore 16, assistere alla conferenza di Itala Cenci Malpeli dal titolo Tracce longobarde nella Repubblica di San Marino.

Fra IV e XIII secolo, San Marino va costruendo una sua dimensione politica, in mezzo alle difficoltà determinate nel VI secolo dalla paura della guerra greco-gotica e, nei tre secoli successivi, alle dinamiche di assorbimento di presenze straniere con le quali dover convivere. Il monte Titano, noto dall'antichità come punto di riferimento per marinai e viaggiatori, era anche un luogo strategico di difesa. Forse gli abitanti originari, per lo più contadini e pastori, lasciarono che i nuovi venuti, esperti di armi e avidi di conquista, vi si arroccassero anche a difesa della loro libertà. Uno dei segni dell'avvenuta integrazione si ritrova nella lingua volgare, con abbondanti etimi e toponimi di origine longobarda.

Nella formulazione degli Statuti, redatti alla fine del XIII sec. (1285), l'organizzazione del Comune sammarinese appare subito nella sua unicità; riflette in molti punti la legislazione longobarda, e gli ampliamenti territoriali sono strutturati in Gualdarie. Dal punto di vista della religione, si prendono in considerazione luoghi e probabili percorsi segnati dal culto di San Michele Arcangelo, il "santo nazionale" dei Longobardi, analizzando quindi i reperti materiali, come una croce di pietra e alcuni cippi altomedievali riutilizzati come basi d'altare in chiese successive.

 
 Informazioni 
Dove: Pavia - Salone Teresiano - Biblioteca Universitaria
Indirizzo: Strada Nuova,65
Quando: sabato 23 settembre 2017
Orario: 14.30-18.30
 
 
Pavia, 19/09/2017 (14843)




MiaPavia è una testata giornalistica registrata, © 2000- 2017 Buon Vento S.r.l. - P.I. IT01858930181
Tutti i diritti sono riservati - Chi siamo - Contatti