Pavia e provincia: Pavese, Oltrepò Pavese, Lomellina, eventi, spettacoli e manifestazioni di Pavia e provincia
domenica, 18 febbraio 2018 (713) Qual Buon Vento, navigante! » Entra


 
Articoli della stessa rubrica
» 200 anni di archeologia...
» Futbol – Storie di calcio
» Activators breakfast
» La leggenda del pianista sull'Oceano
» Verdi legge Verdi
» Gioco di squadra
» Immagina Coraggio
» Microrganismi effettivi
» Reading: grandi testi grandi traduttori
» La Bottega di Stranivari
» Tornano i Lunatici
» IMPROnte Digitali SHOW
» I vicini di Tutankhamon
» La “Risalita della Merla”
» Armonia della memoria
» 2 passi nei boschi dell’Occhio
» Pomeriggio ludico
» Testastorta
» Vivi Bene Vigevano
» Un socialista dai banchi di scuola a quelli del Parlamento

Vedi archivio

 
Altri articoli attinenti
» Pavia ricorda Johann Peter e Joseph Frank
» Matteo Bussola: A Contemporary Storyteller
» Incontro con Raffaele Cantone
» Il cellulare ci spia…
» Ad AstroSamantha la laurea honoris causa
» Dolomiti: un patrimonio da tutelare, una scogliera fossile da scoprire"
» La fortuna aiuta gli audaci
» Scienziati in Prova
» Porte Aperte all'Università di Pavia
» La lezione di Giovanni Falcone
» Cooperazione internazionale - Il nostro futuro nel mondo
» Pitch Night
» Rosolino prof per un giorno
» Giornata Goldoniana
» Il Giudice di Canicattì. Rosario Livatino,il coraggio e la tenacia
 
Pagina inziale » Università » Articolo n. 14929 del 13 novembre 2017 (162) Condividi su Facebook Stampa Salva in formato PDF
La molecola delle emozioni
La molecola delle emozioni

Palazzo Botta è un luogo speciale, dove la creatività scientifica si è manifestata con grande intensità. Residenza nobiliare, diventò a fine ‘800 proprietà dell’Università, e vi furono trasferiti alcuni istituti biologici, tra i quali la Patologia Generale diretta da Camillo Golgi che avrebbe vinto di lì a poco il premio Nobel per la Medicina. 

Qui venne scoperto da Golgi, nel 1898, uno dei mattoni fondamentali di cui è costituita la cellula (l’apparato di Golgi).
Palazzo Botta diventò tra Otto e Novecento un centro scientifico di straordinario rilievo internazionale per le scienze medico biologiche, un’eccellenza che continuò negli anni seguenti.

A metà degli anni Trenta, nel laboratorio di anatomia comparata ubicato nell’edificio, Vittorio Erspamer e Maffo Vialli identificarono una nuova sostanza, l’enteramina, poi indicata come serotonina. La sostanza dalle straordinarie proprietà biochimiche, venne poi individuata anche nell’encefalo come neurotrasmettitore e si dimostrò il suo rapporto con la fenomenologia della depressione, delle allucinazioni, del disturbo ossessivo-compulsivo oltre che la sua importanza nella regolazione di alcune funzioni fisiologiche quali il controllo del ritmo sonno-veglia, il comportamento alimentare, la percezione del dolore. La scoperta, effettuata nei laboratori di Palazzo Botta, avrebbe profondamente influito sullo sviluppo della psiconeurofarmacologia contemporanea contribuendo grandemente allo sviluppo delle neuroscienze.

Mercoledì verrà ricordato questo fondamentale balzo della conoscenza medico-biologica, probabilmente la più importante scoperta realizzata a Pavia nell’ambito delle scienze della vita durante tutto il secolo scorso.
Parteciperanno il Magnifico Rettore, Fabio Rugge, il prof. Andrea Moro, neurolinguista e il prof. Paolo Mazzarello, storico della medicina.

Ha assicurato la sua presenza, con un intervento sul recupero di Palazzo Botta, il Presidente della Regione Lombardia, onorevole Roberto Maroni.

 

 
 Informazioni 
Dove: Pavia - aula del Museo Camillo Golgi
Indirizzo: Piazza Botta 9
Quando: mercoledì 15 novembre 2017
Orario: 10.00
 
 
Pavia, 13/11/2017 (14929)




MiaPavia è una testata giornalistica registrata, © 2000- 2018 Buon Vento S.r.l. - P.I. IT01858930181
Tutti i diritti sono riservati - Chi siamo - Contatti - Mining pool