Pavia e provincia: Pavese, Oltrepò Pavese, Lomellina, eventi, spettacoli e manifestazioni di Pavia e provincia
sabato, 20 gennaio 2018 (484) Qual Buon Vento, navigante! » Entra


 
Articoli della stessa rubrica
» Armonia della memoria
» Pomeriggio ludico
» 2 passi nei boschi dell’Occhio
» Un socialista dai banchi di scuola a quelli del Parlamento
» Testastorta
» Vivi Bene Vigevano
» Prestigi
» Il Demone della velocità
» Sogni in scatola
» 4^ Scarpadoro di Babbo Natale
» Siamo sulla stessa barca
» Racconto – Il contadino e il maslé
» Pavia, crossroads of Europe
» Hacker, archivi e simulatori: la riscoperta della prima CEP
» La Prima della Scala a Pavia
» Pasternak, Feltrinelli e la pubblicazione de Il dottor Živago
» I "giardini" nel Vicino Oriente antico
» Silvia canta il Musical
» Winter dreams
» So Kind così gentile Dracula

Vedi archivio

 
Altri articoli attinenti
» Cena a sostegno della Mongolfiera
» Birre Vive sotto la torre Christmas edition
» Tradizioni e tracce di cucina ebraica in Lomellina e Monferrato
» Oltrepò WineMi Week
» ChocoDucale
» Sapori di Birra
» A tutta zucca... Berettina!
» Sagra del peperone di Voghera
» Autunno Pavese DOC
» OltreGusto
» Pane in Piazza
» Festa dell’Uva di Broni
» Autunno Longobardo... anticipazioni
» Vetrina MEC per il ritorno in città!
» Salami d’Autore
 
Pagina inziale » Tavola » Articolo n. 14990 del 12 dicembre 2017 (185) Condividi su Facebook Stampa Salva in formato PDF
Sinfonia Gastronomica
Sinfonia Gastronomica

Il Castello Malaspina di Varzi apre le porte alle arti per una serata capace di solleticare tutti i sensi: l’arte della musica e quella della cucina si fonderanno, sabato 16 dicembre, in una Sinfonia Gastronomica, evento che, tra una portata e l’altra della cena imbandita per l’occasione, vedrà il tenore Giorgio Trucco, Andrea Albertini al pianoforte e Livia Hagiu al violino esibirsi in brani musicali di grandi compositori.

E a questi ultimi sarà dedicato lo speciale menu della serata: «Dall’idea dell’amico Trucco di creare un itinerario tra note e sapori – commenta il padrone di casa Enrico Odettiabbiamo condotto una ricerca nella storia della cucina per proporre, in chiave tradizionale, le ricette dei grandi compositori, molti dei quali passati alla storia anche come chef e amanti della buona cucina».

Questo seducente percorso si aprirà con “Cocktail Puccini” come calice di benvenuto. Sulle note di Le Villi (Preludio) e E Lucevan Le Stelle di Giacomo Puccini, sarà servito questo elegantissimo aperitivo, che barman Renato Hausmann inventò nel 1948, spesso definito “Bellini invernale”, perché la sua preparazione impiega il mandarino al posto della pesca.

Si prosegue con una“Composizione di salumeria in omaggio a Toscanini”. Toscanini, parmigiano DOC, aveva una predilezione per gli insaccati… Prima di servire Salame di Varzi e mandorle tostate, Crostino di pancetta nostrana, Coppa stagionata e Prosciutto di Parma con acini d’uva e trancio di focaccia di riso, gli ospiti potranno ascoltare il Preludio del Nabucco e l’aria De miei bollenti spiriti dalla “Traviata” di Giuseppe Verdi. Anche di lui si sa che fosse un ottimo gourmand e che amasse regalare agli amici “la Spalletta” (Spalla di maiale di San Secondo), dando loro preziosi consigli sulla sua preparazione.

Sarà poi la volta dell’Intermezzo Amico Fritz e Viva il vino spumeggiante entrambi di Pietro Mascagni. A lui sono dedicati Malfattini, poiché, per il suo stretto esofago, l’Artusi in persona propose questo piatto: quelli per il compositore erano di sfoglia, quelli serviti al Castello, legati alla tradizione, saranno di ricotta e spinaci.

Cantabile di Niccolò Paganini e Se le donne vo baciar da “Paganini” di Lehar anticiperanno i Ravioli della tradizione con sugo alla Paganini. In un’epoca durante la quale il pomodoro stava iniziando ad imporsi come alimento, questo compositore fu un vero e proprio cultore e promotore dell’uso del rosso ortaggio in cucina… Per questo ideò la ricetta del sugo di manzo per condire i ravioli alla genovese (sua città natale).

La danza di Gioachino Rossini sarà il melodioso intrattenimento tra primi e secondi: cibo per l’anima prima dell’arrivo del “Tacchino alla Rossini”. Un aneddoto riporta di una scommessa fatta dal compositore che lo portò alla vincita di tacchino ripieno di tartufi. Il perdente, però, per molto tempo, finse di dimenticarsene, finché un giorno Rossini decise di riscuotere il piatto conquistato di diritto, si avvicinò al suo debitore e gli disse: «Ebbene? Questo famoso tacchino quando si mangia?». - «Vi dirò, Maestro: non è ancora propizia la stagione per i tartufi di prima qualità». - «Niente, niente! Cotesta è una falsa notizia, che, per non farsi riempire, mettono apposta in giro i tacchini».

Una Fantasia sulla Cenerentola, sempre di Gioachino Rossini, condurrà gli ospiti verso il dolce… Famoso anche come chef e fine buongustaio, del compositore pesarese si ricordano le sue sette (come le note) ricette, dal celebre filetto alla "Torta alla Guglielmo Tell", una torta di mele (per questa occasione proposta con Pomi della Valle Staffora) creata dal grande pasticcere francese Antonin Careme in onore del suo capolavoro.

Infine, la Musica Proibita di Stanislao Gastaldon allieterà la chiusura del convivio con“Caffe con tartufino”. Strizzando l’occhio alle Palle di Mozart verranno proposti dei tartufi di cioccolato il cui ripieno sarà molto simile alle originali Mozartkugeln, create a Salisburgo nel 1890 dal pasticciere austriaco Paul Fürst in onore del compositore Wolfgang Amadeus Mozart, a quasi un secolo dalla sua scomparsa.

«Sarà un itinerario che collega nel tempo l’arte della cucina con quella dei suoni, perché il cibo – conclude il tenore vogherese Giorgio Truccoanche il più semplice, è sempre arte, musicale e letteraria… Un cantante lirico, un pianoforte e un violino guideranno gli ospiti in questo suggestivo viaggio di scoperta, che siamo certi potrà conquistate melomani e gourmand, ma anche soddisfare buone forchette e incantare gli amanti della buona musica».

Nello stesso fine settimana, il Castello aperto alle visite guidate, ospita la 3^ edizione della mostra mercato di artigianato artistico “L’Arte delle Mani” e la mostra organizzata dal Circolo di Pittura Vogherese “Emozioni in Armonia”, che propone le opere di Giulia Abatangelo, Maurizia Assanelli e Marita Dusio.

 
 Informazioni 
Dove: Varzi - Castello Malaspina
Indirizzo: Piazza Umberto I – via Carlo Odetti 2
Quando: sabato 16 dicembre 2017
Orario: 20.30
Note: Partecipazione: 35,00 euro a persona, acqua e vini (un calice a portata) inclusi
Per informazioni e prenotazioni: tel. 346 9588786, e-mail: info@castellodivarzi.com

 
 
Pavia, 12/12/2017 (14990)




MiaPavia è una testata giornalistica registrata, © 2000- 2018 Buon Vento S.r.l. - P.I. IT01858930181
Tutti i diritti sono riservati - Chi siamo - Contatti - Mining pool