Pavia e provincia: Pavese, Oltrepò Pavese, Lomellina, eventi, spettacoli e manifestazioni di Pavia e provincia
mercoledì, 23 settembre 2020 (923) Qual Buon Vento, navigante! » Entra


 
Articoli della stessa rubrica
» Squali, predatori perfetti"
» Pretesti per una mostra. Sergio Ruzzier a Pavia
» Lady Be Mosaici Contemporanei
» Oltre lo sguardo
» Looking for Monna Lisa
» Attraverso i nostri occhi
» Un patrimonio ritrovato
» Spazio sospeso
» Hokusai, Hiroshige, Utamaro. Capolavori dell'arte giapponese
» EXIT hotel fantasma in provincia di Pavia
» Colore e tempo
» Il paesaggio geometrico italiano di origine Romana
» Per un capriccio. 12 opere per Paolo Della Grazia
» "I colori della speranza"
» Sopra il vestito l'arte:dialogo d'artista
» Prima che le foglie cadano
» La bellezza della scienza
» Mostra "Natura ed artificio in biblioteca"
» Schiavocampo - Soddu
» De Chirico, De Pisis, Carrà. La vita nascosta delle cose

Vedi archivio

 
Altri articoli attinenti
» Vacchi e Bossini agli Incontri Musicali del Collegio Borromeo
» Carnevale al Museo della Storia
» Leonardo e Vitruvio. Oltre il cerchio e il quadrato
» Vittorio Sgarbi e Leonardo
» Narrare l'Antico: Sole Rosso di Grazia Maria Francese
» Squali, predatori perfetti"
» Visual Storytelling. Quando il racconto si fa immagine
» I linguaggi della storia: Il formaggio e i vermi
» Giornata della memoria. Il cielo cade
» Pretesti per una mostra. Sergio Ruzzier a Pavia
» La Storia organaria di Pavia
» Postazione 23
» Il "Duchetto" di Pavia
» Libri al Fraccaro
» La cospirazione dei tarli
 
Pagina inziale » Cultura » Articolo n. 15119 del 26 marzo 2018 (1135) Condividi su Facebook Stampa Salva in formato PDF
Dal mare i segni – da Albissola alla corte di Ludovico
Dal mare i segni – da Albissola alla corte di Ludovico

Art on Stage è lieta di presentare la mostra del maestro Giacomo Lusso, “Dal mare i segni – da Albissola alla corte di Ludovico” curata da Gaia Rotango, dal 31 marzo al 15 aprile 2018 presso la Strada Sotterranea del Castello di Vigevano.

Il titolo indica che l'oggetto non è la collocazione statica di opere ma un percorso che vuole essere azione concettuale. I segni, centro della poetica dell'artista, sono una costante iconica proposti in diverse sfumature e gestualità, dal senso spirituale e catartico. Hanno una funzione dinamica, giungono muti dal mare della costa ligure, da Albissola Marina, noto paese di artisti dove Lusso vive e lavora, al Castello di Ludovico il Moro, come se fosse stato scelto quale mecenate.

Giacomo Lusso è originario di Malles Venosta BZ ma trova nella piccola città ligure un contesto storico fertile e fervente dal punto di vista artistico, infatti negli anni '60 tra i carruggi di Albissola si incontrano diversi maestri delle avanguardie da Fontana a Manzoni, fino a Jorn e Lam, si sviluppa un centro artistico di richiamo internazionale e una forte tradizione di ceramisti ancora oggi di grande rilievo.
Il suo innato rapporto con la terra e le tradizioni, insieme alla continua ricerca e ispirazione dei maestri ceramisti lo portano a sviluppare uno stile in cui si ritrovano elementi figurativi, espressivi derivanti dalle avanguardie storiche e dal realismo italiano.  
La musica per Lusso è fonte di ispirazione, presente in molti quadri è lo spartito dei segni, come nella serie “Sinfonie” che richiamano l'appellativo che Toscanini diede alla meravigliosa Piazza Ducale.
Dalle prime opere figurative che tanto devono all'influenza di Modigliani, si giunge al segno-alfabetico, dove la realtà si scompone nei tre segni. Come nell'opera di Capogrossi c'è un passaggio dal figurativo al segno materiale, così nelle ultime opere di Lusso il segno diventa ora materico, illuminato e prepotente ora evanescente, fragile e disegnato, si impone come unico elemento della rappresentazione.
Negli anni '80 giunge alla consapevolezza artistica con tre simboli, a cui attribuisce i significati di Madre - terra, Vita come ciclo vitale, continuità e Conoscenza, sapere.

Per le ceramiche utilizza la terra rossa tipica di Albissola e attraverso il fuoco avviene la trasformazione di forme libere, le Ipersfere mostrano in tutta la loro bellezza le stratificazioni di materia e di colore.

La mostra ha ottenuto i patrocini dell'Amministrazione Comunale di Vigevano e di Albissola Marina, dell'associazione Rete Cultura di Vigevano, della Fondazione Cento Fiori di Savona e del Circolo degli Artisti di Albisola. Si ringrazia il contributo della Fondazione Piacenza e Vigevano, Ristorante Pignatta Rossa di Albissola Marina.

 
 Informazioni 
Dove: Vigevano - Strada Sotterranea, Castello Sforzesco
Quando: da sabato 31 marzo 2018 a domenica 15 aprile 2018
Orario: sabato, domenica e lunedì 2 aprile 11-13 e 15-19,30; mercoledì, giovedì e venerdì 16,30-19,30
 
 
Pavia, 26/03/2018 (15119)




MiaPavia è una testata giornalistica registrata, © 2000- 2020 Buon Vento S.r.l. - P.I. IT01858930181
Tutti i diritti sono riservati - Chi siamo - Contatti - Mining pool