Pavia e provincia: Pavese, Oltrepò Pavese, Lomellina, eventi, spettacoli e manifestazioni di Pavia e provincia
mercoledì, 25 novembre 2020 (340) Qual Buon Vento, navigante! » Entra


 
Articoli della stessa rubrica
» Energiadi a Pavia
» Bike the Greenway
» Anche Pavia s'illumina di meno
» M’illumino di meno
» Conosci Voghera
» Un libro in regalo per la biodiversità
» A piedi al Bosco Negri
» Una domenica ecologica con il Verde Pulito
» Puliamo il Mondo 2009
» Riciclare a Natale
» Pedalate in provincia
» Giornata del Verde pulito ‘07
» Per il risparmio energetico
» Giornata ecologica dei Navigli
» Il successo dell'ambiente
» Un messaggio per l'ambiente
» M'illumino di meno
» Occhi Verdi su Pavia
» Pasqua al naturale
» Lo Stato dell'Ambiente in provincia di Pavia

Vedi archivio

 
Altri articoli attinenti
» Il Carnevale degli Animali... al Museo!
» Il Sentiero dei Piccoli - Open Day
» Biodiversità degli animali
» Riabitare l'Italia & Appennino atto d'amore
» Festa dell'Albero 2019
» Lotte biologica, l'importanza dell'impollinazione da parte delle api
» Come moltiplicare le piante in casa: tecniche e consigli
» Corso sulla biodiversità urbana
» Passeggiata naturalistica
» Corso base di acquarello naturalistico
» La Margherita di Adele
» Pavia per gli animali
» Mostra mercato “Antiche varietà agricole locali e piante spontanee mangerecce”
» BiodiverCittà - passeggiata al Parco della Sora
» Biodivercittà - passeggiata al Parco della Vernavola
 
Pagina inziale » Ambiente » Articolo n. 154 del 5 aprile 2001 (4648) Condividi su Facebook Stampa Salva in formato PDF
La biodiversità in città
La biodiversità in città

Biodiversità, ovvero la varietà delle forme di vita presenti in un territorio, quindi anche di specie di un dato ambiente: sotto questo punto di vista Pavia è tra le città più studiate d'Europa. Il nostro capoluogo è infatti stato protagonista di un progetto, coordinato dal prof. Giuseppe Bogliani del dipartimento di Biologia Animale dell'Università di Pavia, incentrato proprio sullo studio della biodiversità in ambiente urbano.

Il progetto, che l'Università ha potuto portare a termine grazie ai finanziamenti della FLA (Fondazione Lombardia per l'Ambiente) e del Comune di Pavia, ha previsto un accurato monitoraggio, della durata di due anni, su 31 aree verdi cittadine, dal piccolo giardino del collegio al Parco della Vernavola.

Giuseppe Bogliani

"Esaminare il valore di biodiversità in un'area verde urbana - spiega Bogliani, ricercatore e docente di Etologia del nostro ateneo - è importante perché la gente possa prendere contatto con la realtà che la circonda; divulgare i risultati equivale a consentire una presa di coscienza, serve per far comprendere la ricchezza in specie che anche l'ambiente cittadino può offrire".

Sono stati presi in esame sia gli indicatori di biodiversità, intesi come animali in grado di fornire un quadro sulle condizioni di un dato ambiente (uccelli, coleotteri, lepidotteri e aracnidi), sia le caratteristiche ambientali stesse... ed i risultati sono stati decisamente interessanti. Ecco le aree più "ricche" in termini di biodiversità:

  • Parco della Vernavola - 205 specie di cui ben 62 specie di coleotteri (tra Stafilinidi e Carabidi), 34 specie nel '99 e 24 nel '00 per quanto riguarda gli uccelli e 17 di lepidotteri (farfalle per intenderci).
  • Ticinello - 121 specie
  • Ex Istituto Geofisico - 101 specie

...L'avreste mai sospettato? E non è tutto: durante i campionamenti è stata scoperta una nuova specie di aracnide (nome scientifico della famiglia dei ragni), battezzata Harpactea longobarda, rinvenuta - scherzo del destino - proprio nel giardino di Palazzo Botta (sede del dipartimento di Biologia Animale) in cui lavorò per anni Pietro Pavesi, il più grande aracnologo italiano.

"Colpo di scena" anche l'aver constatato la presenza in città della Lycaena dispar, una farfalla ormai estinta nel resto d'Europa!

I fattori che influenzano la presenza delle specie sono la posizione geografica dell'area verde, tanto più "popolata" quanto più vicina a zone agricole da cui possono "migrare" diverse specie, l'estensione, il più ampia possibile per garantire varietà di habitat e di risorse, e la struttura della vegetazione che deve essere articolata e complessa. Si è riscontrato inoltre che tutte le aree studiate si estendono, almeno in parte, lungo un corso d'acqua che, di fatto, funge da "corridoio biologico" che favorisce la dispersione di piante ed animali.

Risultati questi che potrebbero suggerire alcune indicazioni gestionali da tenere in considerazione nella progettazione e nella manutenzione del verde urbano; nella valorizzazione di questi ambienti e nella conseguente conservazione della biodiversità. Un primo passo è già stato fatto: il Comune ha predisposto la realizzazione di due sentieri natura, di cui uno proprio lungo la Vernavola, che favoriranno la presa di contatto con le varie specie animali, ed è stata fatta richiesta di finanziamenti per la costruzione di un centro visite. Fondi che potrebbero arrivare dall'Unione Europea qualora partisse il progetto Inter Reg (progetto tra regioni di stati confinanti) di cui Pavia fa parte.

 
 Informazioni 
 

Sara Pezzati

Pavia, 05/04/2001 (154)

RIPRODUZIONE VIETATA
www.miapavia.com è testata giornalistica, il contenuto di queste pagine è protetto dai diritti d'autore.
In caso di citazione o utilizzo, si prega di evidenziare adeguatamente la fonte.



MiaPavia è una testata giornalistica registrata, © 2000- 2020 Buon Vento S.r.l. - P.I. IT01858930181
Tutti i diritti sono riservati - Chi siamo - Contatti - Mining pool