Pavia e provincia: Pavese, Oltrepò Pavese, Lomellina, eventi, spettacoli e manifestazioni di Pavia e provincia
sabato, 24 agosto 2019 (283) Qual Buon Vento, navigante! » Entra


 
Articoli della stessa rubrica
» "I colori della speranza"
» Sopra il vestito l'arte:dialogo d'artista
» Prima che le foglie cadano
» La bellezza della scienza
» Mostra "Natura ed artificio in biblioteca"
» Schiavocampo - Soddu
» De Chirico, De Pisis, Carrà. La vita nascosta delle cose
» La Brigata Ebraica in Italia e la Liberazione (1943-1945)
» Nuove generazioni - I volti giovani dell'Italia multietnica
» Fabio Aguzzi. Il poeta della luce
» Pavia Jinan - Tale of two cities
» L'energia dei segni e dei sogni
» Disegnetti ∆
» La Cina di Zeng Yi. Immagini di un recente passato
» Il tempo di uno scatto.Visite illustri all'Università di Pavia
» Vivian Maier. Street photography.
» Mostra illustrazioni e fumetti di LUCIOP
» Voice of the voiceless Racconti forografici di Andy Rocchelli
» Diamo i numeri
» Raoul Iacometti. Alcuni di noi

Vedi archivio

 
Altri articoli attinenti
» Genius Loci. Arte Luoghi Sinfonie
» Appuntamento con l'autore
» "I colori della speranza"
» La sirena: da Omero ad Andersen passando per San Michele
» Il romanzo di Baslot
» Sopra il vestito l'arte:dialogo d'artista
» Di amore, di avventura e di archivisti
» Drollerie, una mostra di Tommaso Filighera
» Prima che le foglie cadano
» Il Collegio Borromeo festeggia Emanuele Severino
» La bellezza della scienza
» Presentazione inutile
» Maria Corti: una vita per la parola. Un viaggio editoriale
» Walking the Line
» Pillole di... fake news
 
Pagina inziale » Cultura » Articolo n. 15565 del 27 marzo 2019 (338) Condividi su Facebook Stampa Salva in formato PDF
Il mio nome è... Gioconda
Il mio nome è... Gioconda

Nell’anno di Leonardo da Vinci l’icona che più rappresenta il personaggio poliedrico ed emblematico del genio Vinciano è certamente la Gioconda. Il suo sorriso enigmatico, i molteplici significati impliciti in questa opera misteriosa, il tributo che la storia dell’arte ha riservato in questi secoli a Lisa Gherardini, in arte Monna Lisa, è oggi sinonimo di capolavoro, modello da imitare e studiare continuando a ricercare verità ancora da scoprire. 

La Donna e la sua evoluzione nel lungo il percorso storico che ci separa dal Rinascimento ai giorni nostri, sono al centro delle opere esposte e del dibattito attorno a questa mostra presentata a Vigevano nei locali Spazio b, a partire da sabato 30 marzo 2019.
I punti di vista originali e i livelli diversi di interpretazione proposti dalle artiste chiamate ad esibirsi in questa mostra, aprono orizzonti esplorativi alla contemporaneità femminile e alla ricerca di territori formali e culturali che la condizione della Donna nel terzo millennio pone oggi come prioritari.

Performance, installazioni, opere, conferenze accompagneranno il pubblico durante tutto il periodo espositivo, per animare, attraverso l’arte, l’universo degli interessi e delle conoscenze sulla realtà della Donna contemporanea e del suo “sentire” femminile.

La mostra, curata da Fortunato D’Amico, vede la partecipazione delle artiste: Silvia Capiluppi, Montserrat Gomez Maya, Raluca Andreea Hartea, Elisa Marchesani, Daniela Pellegrini, Paola Rizzi, Maria Francesca Rodi, Collettivo il Nodo – La Chicca e le Sciure

 
 Informazioni 
Dove: Vigevano - Spaziob
Indirizzo: Corso della Repubblica 19
Quando: da sabato 30 marzo 2019 a domenica 14 aprile 2019
Orario: sabato e domenica ore 17 ‐19,30; lunedi – venerdì su appuntamento
 
 
Pavia, 27/03/2019 (15565)




MiaPavia è una testata giornalistica registrata, © 2000- 2019 Buon Vento S.r.l. - P.I. IT01858930181
Tutti i diritti sono riservati - Chi siamo - Contatti - Mining pool