Pavia e provincia: Pavese, Oltrepò Pavese, Lomellina, eventi, spettacoli e manifestazioni di Pavia e provincia
lunedì, 16 settembre 2019 (261) Qual Buon Vento, navigante! » Entra


 
Articoli della stessa rubrica
» Stayin' alive LVGP sings 70s
» Musica e archeologia
» MathsJam
» EX|ART Film Festival
» Camminare
» Cafè Sensoriàl
» Biodivercittà - passeggiata al Parco della Vernavola
» Omaggio a Offenbach e Lirica del cuore
» 7 wonders di Davide Bussoleni.
» Genius Loci. Arte Luoghi Sinfonie
» Festival di Gypsy
» Birrifici in Borgo
» Up-to-Penice
» Swing and Jazz
» Note d'acqua
» River Love Festival
» Concerto di pianoforte
» Festival delle Farfalle
» Il romanzo di Baslot
» Sacher Quartet, In viaggio con i Cetra

Vedi archivio

 
Altri articoli attinenti
» Pavia per gli animali
» Biodivercittà - passeggiata al Parco della Vernavola
» Festival delle Farfalle
» Passeggiate di Quartiere
» Lavanda e farfalle...
» Filippo Solibello, Stop plastica a mare
» Giochi d'acqua... dolce o salata?
» Luca Mercalli e la crisi climatica
» Pavia Plastic Free... liberiamo la città dalla plastica
» SEMI
» Mostra "Natura ed artificio in biblioteca"
» Festa del Roseto
» RisvegliAmo la Relazione: Io e l'Ambiente – II edizione
» Scuola per cuccioli e le loro famiglie
» Festa di Primavera: Mostra dei Pelargoni
 
Pagina inziale » Ambiente » Articolo n. 15627 del 15 maggio 2019 (189) Condividi su Facebook Stampa Salva in formato PDF
L'Aquila, 6 aprile 2009: una svolta nella comprensione e percezione dei terremoti italiani
L'Aquila, 6 aprile 2009: una svolta nella comprensione e percezione dei terremoti italiani

Dieci anni fa, alle 3.32 del mattino del 6 aprile 2009 una scossa di terremoto di magnitudo 6.3 colpì L'Aquila e i centri abitati vicini cogliendo nel sonno migliaia di persone e radendo al suolo case, monumenti, edifici storici, ospedali, università. 309 furono le vittime, 55 delle quali studenti universitari, oltre 1.600 feriti, decine di migliaia gli sfollati e almeno 10 miliardi di Euro i danni stimati.

Il terremoto era stato preceduto, per oltre tre mesi, da una intensa sequenza sismica e, pur tuttavia, colse tutti, scienziati, protezione civile e popolazione, sostanzialmente impreparati. Come fu possibile? Le conoscenze scientifiche non erano state sufficienti? La politica aveva altre priorità?
Sette anni dopo, quando il terremoto del 24 Agosto 2016 di magnitudo 6.2 distrusse la città di Amatrice e causò 300 vittime, la società e la scienza hanno reagito diversamente? Le conoscenze scientifiche avevano fatto un passo in avanti anche "grazie" all'esperienza ed ai dati scientifici del terremoto aquilano?

La Professoressa Giusy Lavecchia ci illustrerà come è cambiata la comprensione e la percezione dei terremoti in Italia dopo questi terribili eventi. Introduce Silvio Seno, Ordinario di Geologia strutturale all'Università di Pavia e già membro della Commissione Grandi Rischi.

La Professoressa Giusy Lavecchia si occupa di Geologia strutturale e, in particolare, di pericolosità sismica e sismotettonica. È Direttore del Centro InteRUniversitario per l'analisi SismoTettonica tridimensionale (CRUST) che vede la partecipazione di 12 Atenei italiani. Tra gli organismi di cui ha fatto parte va ricordata la Commissione Grandi Rischi del Dipartimento della Protezione Civile. 

 
 Informazioni 
Dove: Pavia - Dipartimento di Scienze della Terra e dell'Ambiente - Università di Pavia
Indirizzo: Via Ferrata, 6
Quando: giovedì 23 maggio 2019
Orario: 16.00
 
 
Pavia, 15/05/2019 (15627)




MiaPavia è una testata giornalistica registrata, © 2000- 2019 Buon Vento S.r.l. - P.I. IT01858930181
Tutti i diritti sono riservati - Chi siamo - Contatti - Mining pool