Pavia e provincia: Pavese, Oltrepò Pavese, Lomellina, eventi, spettacoli e manifestazioni di Pavia e provincia
mercoledì, 3 giugno 2020 (1008) Qual Buon Vento, navigante! » Entra


 
Articoli della stessa rubrica
» Fabrizio Poggi & Chicken Mambo: Spaghetti Juke Joint
» Macadam: Latitudine incrociate
» Nat Soul Band: Not so bad
» Ho sbagliato secolo
» Far Out
» Blues, Blues e ancora Blues
» Shag’s Airport
» Accordiamoci
» Il leone nell’Arena
» Francesco Garolfi: Un posto nel mondo
» Alberto Tava: il nuovo disco Mediterraneo
» Il matrimonio che vorrei: da oggi a Pavia
» Reality: ma quando ANCHE a Pavia?
» Il rosso e il blu: scuola italiana...
» Magic Mike: quando è lui a spogliarsi...
» I Beach Boys in Italia: c’ero anch’io!
» Giorgia, che sorpresa!
» Il ritorno dell'uomo armonica
» Wanna Be Startin’ Somethin’. Thriller rivisitato
» Un disco tutto pavese per Woody Guthrie

Vedi archivio

 
Altri articoli attinenti
» Francesca Dego in concerto
» Al Borromeo l'omaggio a Beethoven
» Christian Meyer Show
» Concerto di Natale - Merry Christmas in Jazz & Gospel
» Festival di Natale - ¡Cantemos!
» Festival di Natale - El Jubilate
» Festival di Natale - Hor piango, hor canto
» Concerto di Natale
» Festival di Natale - O prima alba del mondo
» Up-to-Penice omaggia De Andrè
» Duo violino e violoncello
» Cori per il Togo
» Open-day al Vittadini. Laboratori musicali per l'infanzia
» Stayin' alive LVGP sings 70s
» Omaggio a Offenbach e Lirica del cuore
 
Pagina inziale » Musica » Articolo n. 1584 del 12 gennaio 2004 (1650) Condividi su Facebook Stampa Salva in formato PDF
Il Primo e l'Ultimo
Il Primo e l'Ultimo

In Dicembre vi avevo raccontato del mio "incontro ravvicinato" con Roberto Sironi e vi avevo promesso che vi avrei recensito i due CD che, in quell'occasione, Sironi mi aveva gentilmente donato. Si tratta dell'ultimo album pubblicato e della ristampa in CD del primo album da lui inciso alla fine degli anni '80.

Nel 1988 Sironi registra il suo primo Album "IO SONO UN ARTISTA" (Lira Records - Milano) con la partecipazione di musicisti come Danilo Minotti, Riccardo Fioravanti, Claudio Allifranchini e Giancarlo Porro.

Io sono un artista

Disco più "ruspante" di quelli a cui poi ci ha abituato, questo suo primo lavoro è più vicino ad atmosfere Jannacciane o Rinogaetaniane (o, al limite, Vecchioniane). Scusate l'uso improprio e personalizzato della lingua italiana, ma sto cercando di rendere gradevoli e giocosi dei paragoni che non mi piace fare, ma che mi servono per essere subito compreso. Ci sono canzoni funkeggianti come Un uomo a metà e La Trottola, ma anche swinghettini vivaci come Ribot,Ribot o Cabaret che riconducono direttamente al suo stile futuro. E se Io sono un artista rappresenta l'essenzialità del cantastorie L'Attore è la sintesi del futuro chanconnier.

Dopo alcuni anni trascorsi conciliando le due passioni, Canzone e Teatro e dopo il "PREMIO TENCO" del 1991, registra il suo secondo Album "PERFORMANCE" .

Sironi arriva in Francia nel 1995 e crea insieme a suo figlio Alessandro (pianista, compositore ed arrangiatore) una piccola orchestra che nello stesso anno si produrrà in una cinquantina di concerti a Parigi.

Nel 1996, autoprodotto, registra in Francia il suo terzo album "BELLO" ; questo disco, che riceverà un importante consenso di critica e di pubblico, sarà il debutto di una nuova carriera artistica ed Internazionale che porterà Sironi ad esibirsi in tutta la Francia, in Inghilterra,Germania, Svizzera e Belgio.

Nel 1999 registra il suo quarto album "ROBERTO SIRONI" e, da questo album in avanti, le canzoni saranno firmate in coppia con il figlio.

E..così

Nel Marzo 2001, Sironi partecipa con Ennio Morricone al Festival "ONLY CONNECT" al BARBICAN CENTER di LONDRA. Nel 2002, registra in Francia (Tournus) il suo quinto Album "E' Così…" che vede la luce nel 2003.

Essendo ormai più noto sul mercato internazionale che in quello italiano, Sironi si cimenta in canzoni in lingua Francese (Gentilhomme Italien) o inglese (Toujours); Crazy, l'altro brano cantato in lingua inglese presente nel Demo che mi aveva mandato tempo fa, è stato tolto dalla scaletta definitiva del disco. Peccato!

Rifacendosi alla tradizione dello chanconnier francese e del nostro cantautorato più "colto" Sironi accosta testi che raccontano piccole storie di piccoli uomini (e donne) sullo sfondo di tempi e avvenimenti che possono essere "grandi" o non esistere per niente. Un'eleganza musicale un po' decadente o una sobria linea melodica insaporiscono questi testi donando, anche ai più corrosivi, la lievità dell'ironia.

Lo stile si mantiene quasi inalterato eccetto per una leggera tendenza ad un'orchestrazione più articolata che, in alcuni casi (Fantomas), si accosta alla musica da film (questo va inteso come un fatto positivo). Ci sono anche sporadici episodi che riconducono all'essenzialità rarefatta della prima scrittura (Canzone d'Autore) che sfociano poi in un lirismo quasi Classico.

Un artista tutto da scoprire e valorizzare. Molte delle persone a cui io faccio ascoltare questi dischi mi guardano con aria meravigliata o alzano gli occhi al cielo sussurrando "…come sempre in Italia non capiamo niente" oppure "E già, noi arriviamo sempre dopo, quando ormai sono famosi", come per sottolineare una storia che si ripete.

 
 Informazioni 
 

Furio Sollazzi

Pavia, 12/01/2004 (1584)

RIPRODUZIONE VIETATA
www.miapavia.com è testata giornalistica, il contenuto di queste pagine è protetto dai diritti d'autore.
In caso di citazione o utilizzo, si prega di evidenziare adeguatamente la fonte.



MiaPavia è una testata giornalistica registrata, © 2000- 2020 Buon Vento S.r.l. - P.I. IT01858930181
Tutti i diritti sono riservati - Chi siamo - Contatti - Mining pool