Pavia e provincia: Pavese, Oltrepò Pavese, Lomellina, eventi, spettacoli e manifestazioni di Pavia e provincia
giovedì, 26 novembre 2020 (587) Qual Buon Vento, navigante! » Entra


 
Articoli della stessa rubrica
» Balconi fioriti
» Irrigazione senza segreti
» Balconi fioriti in primavera
» Mele Kalikimaka
» Le piante di Natale
» Rosa di Natale
» Stella di Natale
» Come stanno le piante al rientro?
» Quando la pianta è in vacanza

Vedi archivio

 
Altri articoli attinenti
» Il Carnevale degli Animali... al Museo!
» Il Sentiero dei Piccoli - Open Day
» Biodiversità degli animali
» Riabitare l'Italia & Appennino atto d'amore
» Festa dell'Albero 2019
» Lotte biologica, l'importanza dell'impollinazione da parte delle api
» Come moltiplicare le piante in casa: tecniche e consigli
» Corso sulla biodiversità urbana
» Passeggiata naturalistica
» Corso base di acquarello naturalistico
» La Margherita di Adele
» Pavia per gli animali
» Mostra mercato “Antiche varietà agricole locali e piante spontanee mangerecce”
» BiodiverCittà - passeggiata al Parco della Sora
» Biodivercittà - passeggiata al Parco della Vernavola
 
Pagina inziale » Ambiente » Articolo n. 163 del 21 dicembre 2001 (6187) Condividi su Facebook Stampa Salva in formato PDF
L'albero di Natale
L'albero di Natale

La tradizione di addobbare un albero per le festività natalizie, ha origini recenti. Dal Nord America e dal Nord Europa è infatti arrivata nel nostro paese solo nel dopoguerra.

Tipicamente acquistiamo un abete - anche se spesso lo chiamiamo pino - o addobbiamo un sempreverde di altra specie che coltiviamo in giardino.

Il più diffuso è l'abete rosso (Picea abies) che offre i rami elastici, ravvicinati e ben distribuiti sul tronco e, soprattutto, fitti di aghi disposti tutt'intorno ai rami, contrariamente al suo collega "bianco" (Abies alba) che ha aghi allineati in due file opposte, disposti in pratica come un doppio pettine.

Alberi fatti crescere in vivaio che a Natale vengono invasati e inviati ai rivenditori. I più "fortunati" conservano le radici con un pane di terra ad avvolgerle, i meno fortunati invece vengono tagliati alla base. Lo stress subito dalla pianta per l'estirpazione dal terreno o il taglio, il trasporto e le variazioni climatiche cui viene sottoposto rendono difficoltosa la sua sopravvivenza fino al Natale successivo.

Ecco quindi qualche suggerimento affinché il vostro albero possa avere qualche chances di sopravvivenza in più.

Gli alberi senza radici vanno conservati in un luogo fresco, meglio se all'esterno o, se in casa, comunque lontano da fonti di calore.

L'ideale sarebbe sistemare l'albero in un recipiente che contenga acqua calda, nonostante siano abituati a climi rigidi, poiché la temperatura elevata incrementa molto la capacità assorbente dell'apparato radicale.

Gli alberi con radici invece gradiranno un sottovaso molto capiente da cui poter attingere acqua "a sazietà". Va posto anch'esso lontano dai caloriferi e comunque annaffiato con regolarità.

Mettere qualche cubetto di ghiaccio sulla terra e intorno al tronco potrebbe rivelarsi un utile accorgimento per non fargli sentire troppo la differenza di temperatura rispetto ai luoghi d'origine.

Finite le feste potete metterlo a dimora in giardino o fornirgli un grosso vaso e uno spazio in terrazza... avrà bisogno di molta terra!

Se invece non potete tenerlo, rivolgetevi al Corpo Forestale regionale affinché possa essere ritirato e trapiantato in zone destinate al rimboschimento.

Concludo con un'alternativa ecologica: un bell'alberello finto (magari in plastica riciclata) soffrirà senz'altro meno in casa vostra. Per dargli un aspetto e un "profumo" più naturale lo si potrà addobbare con pigne, frutta secca o fettine di agrumi (che non ammuffiranno nemmeno se avrete l'accortezza di passare il filo per appenderli nella parte centrale, dove la polpa è assente)...

Non è forse questo il significato dell'albero di Natale? Ringraziare la terra per i frutti che dà all'uomo.

 
 Informazioni 
 

Sara Pezzati

Pavia, 21/12/2001 (163)

RIPRODUZIONE VIETATA
www.miapavia.com è testata giornalistica, il contenuto di queste pagine è protetto dai diritti d'autore.
In caso di citazione o utilizzo, si prega di evidenziare adeguatamente la fonte.



MiaPavia è una testata giornalistica registrata, © 2000- 2020 Buon Vento S.r.l. - P.I. IT01858930181
Tutti i diritti sono riservati - Chi siamo - Contatti - Mining pool