Pavia e provincia: Pavese, Oltrepò Pavese, Lomellina, eventi, spettacoli e manifestazioni di Pavia e provincia
giovedì, 28 maggio 2020 (973) Qual Buon Vento, navigante! » Entra


 
Articoli della stessa rubrica
» XXVI edizione del Festival Borghi&Valli
» Vittadini Jazz Festival 2019
» l'EX|ART Film Festival
» Maggio in musica
» Da settembre la nuova stagione del Cirro
» Da Mozart a Glenn Miller
» Nkem Favour Blues Band
» Altissima Luce
» Ultrapadum 2016
» Serenata Kv 375
» 4 Cortili in Musica
» Maggio in musica
» Con Affetto
» Mirra-Mitelli chiudono Dialoghi
» La Risonanza a Pavia Barocca
» Dialoghi: Guidi-Maniscalco
» Sguardi Puri
» Le piratesse della Jugar aprono Piccoli Argini
» Il cinema è servito!
» Ultrapadum agostano

Vedi archivio

 
Altri articoli attinenti
» Francesca Dego in concerto
» Al Borromeo l'omaggio a Beethoven
» Christian Meyer Show
» Concerto di Natale - Merry Christmas in Jazz & Gospel
» Festival di Natale - ¡Cantemos!
» Festival di Natale - El Jubilate
» Festival di Natale - Hor piango, hor canto
» Concerto di Natale
» Festival di Natale - O prima alba del mondo
» Up-to-Penice omaggia De Andrè
» Duo violino e violoncello
» Cori per il Togo
» Open-day al Vittadini. Laboratori musicali per l'infanzia
» Stayin' alive LVGP sings 70s
» Omaggio a Offenbach e Lirica del cuore
 
Pagina inziale » Musica » Articolo n. 1915 del 14 maggio 2004 (2198) Condividi su Facebook Stampa Salva in formato PDF
New Conversations Jazz 2004
New Conversations Jazz 2004

Se aveste voglia di fare una gita, oltre che di ascoltare dell'ottimo jazz, questa potrebbe essere anche l'occasione per visitare Vicenza (che è una splendida città d'Arte).

Da Martedì 11 Maggio (sino a Sabato 22) è infatti in pieno svolgimento la nona edizione di "New Conversations - Vicenza Jazz", festival da tempo riconosciuto come uno degli appuntamenti jazzistici europei di maggior prestigio, coinvolgendo la città di Vicenza in un autentico, straordinario caleidoscopio sonoro. A contraddistinguere il programma sarà come consuetudine un filo conduttore, ben evidenziato dal sottotitolo "Writing Music For Improvising": uno sguardo approfondito alle dinamiche fra composizione e improvvisazione che da sempre sottendono il variegato mondo del jazz. Ampio rilievo sarà inoltre dato ai contatti fra il jazz e altre culture musicali, dalla musica latina e del bacino del Mediterraneo alla musica classica, e ad incontri con la canzone d'autore e il teatro, in uno stimolante abbraccio fra arte delle sette note e arte della parola.

Il festival è stato significativamente aperto, martedì 11 al Teatro Olimpico, da un recital di Gianmaria Testa, cantautore dalla elegante vena poetica che negli ultimi tempi ha stretto forti legami con il jazz .

Altre serate dai molteplici contenuti artistici saranno quelle di venerdì 14 - con, al Teatro Astra, un omaggio ad Astor Piazzolla offerto dal gruppo Tristango - e di domenica 16. Quest'ultima sarà contrassegnata da un duplice appuntamento: alle 20, al Teatro Olimpico, si potrà ascoltare uno dei pianisti più versatili oggi sulle scene, Uri Caine (abbiamo auto, da poco, l'occasione di ascoltarlo a Pavia durante uno straordinario concerto con Paolo Fresu), impegnato in una solo performance che ingloberà un'improvvisazione su temi mozartiani, mentre alle 21,30, in Piazza dei Signori (ingresso gratuito), l'attenzione sarà per la spettacolare Latin Big Band di David Murray, sassofonista fra i più incisivi del jazz contemporaneo che si produrrà alla guida di un'orchestra formata da eccellenti solisti provenienti da Cuba.

Lunedì 17, al Teatro Olimpico, sarà la volta di due tra i massimi specialisti della chitarra: Bill Frisell - coinvolto nella circostanza in un trio appositamente costituito assieme al grande sassofonista Lee Konitz e al contrabbassista Marc Johnson - e John Abercrombie, che insieme ai componenti del suo rodato quartetto (Mark Feldman al violino, Marc Johnson al contrabbasso e Joey Baron alla batteria) presenterà i brani del suo nuovissimo album Class Trip, inciso per la ECM.

Art Ensemble of Chicago

Martedì 18, ma al Teatro Astra, si esibiranno il pregevole 29th Street Saxophone Quartet (Bobby Watson e Ed Jackson al sax contralto, Willie Williams al tenore e Jim Hartog al baritono) e lo storico Art Ensemble of Chicago: il concerto dei paladini della Great Black Music sarà in ricordo dei due membri fondatori del gruppo scomparsi, Malachi Favors e Lester Bowie, e vedrà in campo, oltre ai sassofonisti Roscoe Mitchell e Joseph Jarman e al batterista Don Moye, il trombettista Corey Wilkes, il contrabbassista Jaribu Shahid e il percussionista africano Baba Sissoko.

Antonello Salis

Mercoledì 19, di nuovo al Teatro Olimpico, i riflettori saranno invece tutti per pianisti del calibro dell'americano Kenny Werner, uno dei più quotati eredi della scuola di Bill Evans, e dei nostri Stefano Bollani e Antonello Salis, due artisti dalla contagiosa carica comunicativa.

Nel segno della trasversalità saranno quindi le serate di giovedì 20 e di venerdì 21, ambedue ospitate sempre al Teatro Olimpico. La prima verrà aperta da un nuovissimo quartetto formato dal sassofonista Pietro Tonolo, dal pianista e fisarmonicista Gil Goldstein, dal contrabbassista Essiet Essiet e dal batterista Joe Chambers; a seguire i suoni "di confine" del tunisino Anouar Brahem, sensibile poeta dell'oud (il liuto arabo).insieme ai transalpini François Couturier (pianoforte) e Jean-Louis Matinier (fisarmonica). La seconda avrà come principali protagoniste due fra le più rappresentative attrici italiane: Ottavia Piccolo, ospite del Roberto Bonati Chamber Ensemble (forte della brava vocalist Cristina Zavalloni) e impegnata nell'occasione nella lettura di testi di trovatori dell'area mediterranea, e Angela Finocchiaro, che insieme al trio del contrabbassista Paolo Damiani presenterà lo spettacolo "Benneide", imperniato su testi dello scrittore Stefano Benni.

"New Conversations - Vicenza Jazz 2004" si concluderà sabato 22 al Teatro Astra con l'eccellente gruppo Bump The Renassaince del batterista Bobby Previte (oltre al leader, Marty Ehrlich ai sassofoni, Curtis Fowlkes al trombone, Wayne Horvitz al pianoforte e Steve Swallow al basso elettrico), e con il quintetto del pianista cubano Omar Sosa, rivelazione delle ultime stagioni e artefice di un coinvolgente mix sonoro e ritmico che affonda le sue radici nella tradizione africana come in quella dell'isola più musicale del mondo.

Ma le intense giornate di "New Conversations - Vicenza Jazz" saranno scandite anche da numerosi altri appuntamenti: da concerti di talenti emergenti del jazz italiano, ospitati come da consolidata tradizione in piazze e vie del centro storico e in numerosi locali della città, a laboratori e concerti che sabato 15, sotto l'insegna di "Imparare il jazz", vedranno impegnati docenti e allievi dei conservatori di Vicenza e Castelfranco Veneto, della Scuola Thelonious di Vicenza e dei Civici Corsi di Jazz di Milano. Infine, non trascurabili saranno alcuni di momenti di incontro fra jazz e musica classica, con: il Coro e l'Orchestra di Vicenza (la mattina di domenica 11 al Tempio di S. Corona), l'ensemble I Musicali Affetti (venerdì 21 a Palazzo Chiericati, ore 18) e l'Orchestra Sinfonica di Sanremo, ospite il pianista russo Andrej Gavrilov (sabato 22 maggio al Teatro Olimpico, ore 18).

 
 Informazioni 
Info: Comune di Vicenza - Assessorato alle Attività Culturali
Tel. 0444 222114/222101
Web: www.comune.vicenza.it
E-mail: asscultura@comune.vicenza.it
 

Furio Sollazzi

Pavia, 14/05/2004 (1915)

RIPRODUZIONE VIETATA
www.miapavia.com è testata giornalistica, il contenuto di queste pagine è protetto dai diritti d'autore.
In caso di citazione o utilizzo, si prega di evidenziare adeguatamente la fonte.



MiaPavia è una testata giornalistica registrata, © 2000- 2020 Buon Vento S.r.l. - P.I. IT01858930181
Tutti i diritti sono riservati - Chi siamo - Contatti - Mining pool