Pavia e provincia: Pavese, Oltrepò Pavese, Lomellina, eventi, spettacoli e manifestazioni di Pavia e provincia
giovedì, 26 novembre 2020 (347) Qual Buon Vento, navigante! » Entra


 
Articoli della stessa rubrica
» L'altro Leonardo
» Oltrepò Pavese. L'Appennino Lombardo
» Marco Bianchi e "La cucina delle mie emozioni"
» Napoleone anche a Pavia
» Semplicemente Sacher
» Oltrepò infinitamente grande, infinitamente piccolo, infinitamente complesso
» Un nodo al fazzoletto
» Vigevano tra cronache e memorie
» Il Futuro dell’Immagine
» L' Eredità di Corrado Stajano
» "Sorella Morte. La dignità del vivere e del morire”
» Il pentagramma relazionale
» Ghislieri 450. Un laboratorio d’ Intelligenze
» Progettare gli spazi del sapere: il caso Ghislieri
» La Viola dei venti
» Solo noi. Storia sentimentale e partigiana della Juventus
» L'estate non perdona
» Il manoscritto di Dante
» Per una guida letteraria della provincia di Pavia
» Il naso della Sfinge

Vedi archivio

 
Altri articoli attinenti
» Il Carnevale degli Animali... al Museo!
» Il Sentiero dei Piccoli - Open Day
» Biodiversità degli animali
» Riabitare l'Italia & Appennino atto d'amore
» Festa dell'Albero 2019
» Lotte biologica, l'importanza dell'impollinazione da parte delle api
» Come moltiplicare le piante in casa: tecniche e consigli
» Corso sulla biodiversità urbana
» Passeggiata naturalistica
» Corso base di acquarello naturalistico
» La Margherita di Adele
» Pavia per gli animali
» Mostra mercato “Antiche varietà agricole locali e piante spontanee mangerecce”
» BiodiverCittà - passeggiata al Parco della Sora
» Biodivercittà - passeggiata al Parco della Vernavola
 
Pagina inziale » Ambiente » Articolo n. 212 del 11 gennaio 2001 (1944) Condividi su Facebook Stampa Salva in formato PDF
Acqua
Acqua

Stefano Corona, 31enne lomellino, divide la sua vita tra lavoro e famiglia ma, nel tempo libero (quel poco che confessa di riuscire a trovare), si dedica alla sua vera passione: scrivere romanzi. In questo suo primo libro, che vede la trama scorrere in uno scenario ecologico, l'autore riversa, con vena fantascientifica, non solo tutto il suo amore per l'ambiente, ma anche sogni e speranze per la sua conservazione.

...In un ipotetico ma probabile futuro, si svolge la vicenda che vede come protagonisti Duncan Wood, zoologo, e sua moglie Stella, biologa; François De Bouc, botanico e Franco Cardini, geologo. Essi accettano l'incarico segreto, affascinante e pericoloso di esplorare per primi il quarto pianeta del sistema stellare di Fomalhaut, stella di primaria importanza della costellazione dei Pesci Australi. L'intento delle Nazioni Unite Terrestri e di John Gordon, padrone della potente industria mineraria finanziatrice del progetto, è di colonizzare, di trarre il massimo vantaggio dai tesori geologici che il nuovo mondo racchiude nel suo dolce manto roccioso.

La loro destinazione, battezzata Acqua, evidenzia un'evoluzione della vita completamente diversa da quella terrestre, forse ancor più generosa per quanto riguarda il numero delle specie degli esseri viventi: animali volanti dalla grande intelligenza, mandrie di pacifici esseri erbivori e immani creature, simili soltanto per convergenza evolutiva a enormi alberi (n.d.r.: e illustrati nel libro dalla moglie dell'autore).

Stefano Corona

Il geologo Cardini, dipendente di Gordon, è l'unico ad approvare i fini speculativi della spedizione e si trova immediatamente in contrasto con i tre studiosi. Contrasto che si farà più acceso all'arrivo di Gordon che raggiunge il pianeta per realizzare i suoi intenti. Cardini, tradendo i compagni d'avventura si schiera dalla parte del "nemico"...

Ma può un libro scritto da un appassionato naturalista non avere un lieto fine? Certo che no.

I cattivi vengono abbandonati sul pianeta e di Acqua viene cancellata l'esistenza da ogni archivio cosicché possa rimanere per sempre al sicuro dall'alieno uomo.

"Volevo mettere in evidenza - commenta Stefano Corona - il continuo pericolo che il nostro pianeta e gli esseri che popolano stanno correndo, mettendosi in competizione con la più saccente e presuntuosa delle creature: l'uomo. Io desidero ardentemente che la Terra ritorni ad essere nostra madre e la smetta di esserci matrigna. Questa storia pone l'accento sul fatto che noi non siamo onnipotenti e che non ci appartiene nulla fuorché la nostra anima... noi abbiamo sì il diritto di utilizzare le risorse che Dio ci ha fornito, ma dobbiamo ricordare il dovere che si genera contemporaneamente a quel diritto, cioè il rispetto! Rispettando la vita che ci circonda, la vita avrà rispetto per noi: spero che questa mia storia semplice possa essere considerata utile e trasmettere ad altri l'amore che io provo per la vita in ogni sua manifestazione!".

 
 Informazioni 
Acqua
Ed. Monduzzi, Bologna
280 pagine
£ 25.000
 

Sara Pezzati

Pavia, 11/01/2001 (212)

RIPRODUZIONE VIETATA
www.miapavia.com è testata giornalistica, il contenuto di queste pagine è protetto dai diritti d'autore.
In caso di citazione o utilizzo, si prega di evidenziare adeguatamente la fonte.



MiaPavia è una testata giornalistica registrata, © 2000- 2020 Buon Vento S.r.l. - P.I. IT01858930181
Tutti i diritti sono riservati - Chi siamo - Contatti - Mining pool