Pavia e provincia: Pavese, Oltrepò Pavese, Lomellina, eventi, spettacoli e manifestazioni di Pavia e provincia
mercoledì, 3 giugno 2020 (1181) Qual Buon Vento, navigante! » Entra


 
Articoli della stessa rubrica
» Fabrizio Poggi & Chicken Mambo: Spaghetti Juke Joint
» Macadam: Latitudine incrociate
» Nat Soul Band: Not so bad
» Ho sbagliato secolo
» Far Out
» Shag’s Airport
» Blues, Blues e ancora Blues
» Accordiamoci
» Il leone nell’Arena
» Francesco Garolfi: Un posto nel mondo
» Alberto Tava: il nuovo disco Mediterraneo
» Il matrimonio che vorrei: da oggi a Pavia
» Reality: ma quando ANCHE a Pavia?
» Magic Mike: quando è lui a spogliarsi...
» Il rosso e il blu: scuola italiana...
» Giorgia, che sorpresa!
» I Beach Boys in Italia: c’ero anch’io!
» Il ritorno dell'uomo armonica
» Wanna Be Startin’ Somethin’. Thriller rivisitato
» Un disco tutto pavese per Woody Guthrie

Vedi archivio

 
Altri articoli attinenti
» Francesca Dego in concerto
» Al Borromeo l'omaggio a Beethoven
» Christian Meyer Show
» Concerto di Natale - Merry Christmas in Jazz & Gospel
» Festival di Natale - ¡Cantemos!
» Festival di Natale - El Jubilate
» Festival di Natale - Hor piango, hor canto
» Concerto di Natale
» Festival di Natale - O prima alba del mondo
» Up-to-Penice omaggia De Andrè
» Duo violino e violoncello
» Cori per il Togo
» Open-day al Vittadini. Laboratori musicali per l'infanzia
» Stayin' alive LVGP sings 70s
» Omaggio a Offenbach e Lirica del cuore
 
Pagina inziale » Musica » Articolo n. 2233 del 17 settembre 2004 (2388) Condividi su Facebook Stampa Salva in formato PDF
Satellite Of Love - CD demo
La copertina del cd

Eccoli, sono tornati con un CD Demo, in serie limitatissima distribuito solo agli amici, che riporta un concerto tenuto a Scaldasole il 29 agosto del 2004.

I Satellite of Love (Gigi De Lonardis - Voce, chitarra, Claudio Raschini - Chitarra, voce, Luca Inzaghi - Chitarra, Claudio Pezzi - Basso, Fabio Morandi - Batteria) sono un gruppo di amici (di varie età) che hanno in comune l'amore per il rock "ruspante", per la genuinità musicale e di intenti.

Niente pose da disperati del rock, divismi o false modestie; nessun ammiccamento al commerciale o a ciò che piace al pubblico e nemmeno nessuna pretesa di scoprirsi (da un giorno all'altro) grandi compositori musicali (come, ultimamente, molti tentano di fare).

Le canzoni che eseguono sono di altri, sono cover ma è il modo di eseguirle che è diverso.
Le fagocitano, le filtrano, se ne fregano di come erano gli originali, le interpretano a modo loro e le trasformano in qualche cosa che finisce con il creare un genere: il loro genere.
Un suono sporco e approssimativo che però esprime tutta la voglia di riproporre la musica che più amano: Iggy Pop, Johnny Cash, Springsteen, Dylan, i Clash.
Quello che ne esce è un misto tra il suono '60 e quello degli ultimi anni '70 mentre si travasava negli '80.

la band

Nel CD Live (potete andare ad ascoltare Hey Joe, il brano che apre il disco) il suono appare più compatto di prima e le esecuzioni sono più "libere" come se il timore da palco fosse scomparso per lasciare spazio all'espressività; Raschini si concede qualche inserzione di armonica in più e i risultati sono intriganti.

Certo, il percorso non è ancora completo e c'è ancora della strada da fare ma l'essere già riusciti ad ottenere un suono e uno stile molto personali è un ottimo traguardo.

E poi diciamolo, in questo mondo musicale di cloni e di suoni e generi preconfezionato chi si ricorda ancora cosa significa fare del buon vecchio rock... ha tutta la mia simpatia.

 
 Informazioni 
 

Furio Sollazzi

Pavia, 17/09/2004 (2233)

RIPRODUZIONE VIETATA
www.miapavia.com è testata giornalistica, il contenuto di queste pagine è protetto dai diritti d'autore.
In caso di citazione o utilizzo, si prega di evidenziare adeguatamente la fonte.



MiaPavia è una testata giornalistica registrata, © 2000- 2020 Buon Vento S.r.l. - P.I. IT01858930181
Tutti i diritti sono riservati - Chi siamo - Contatti - Mining pool