Pavia e provincia: Pavese, Oltrepò Pavese, Lomellina, eventi, spettacoli e manifestazioni di Pavia e provincia
sabato, 26 settembre 2020 (885) Qual Buon Vento, navigante! » Entra


 
Articoli della stessa rubrica
» Squali, predatori perfetti"
» Pretesti per una mostra. Sergio Ruzzier a Pavia
» Lady Be Mosaici Contemporanei
» Oltre lo sguardo
» Looking for Monna Lisa
» Attraverso i nostri occhi
» Un patrimonio ritrovato
» Spazio sospeso
» Hokusai, Hiroshige, Utamaro. Capolavori dell'arte giapponese
» EXIT hotel fantasma in provincia di Pavia
» Colore e tempo
» Il paesaggio geometrico italiano di origine Romana
» Per un capriccio. 12 opere per Paolo Della Grazia
» "I colori della speranza"
» Sopra il vestito l'arte:dialogo d'artista
» Prima che le foglie cadano
» La bellezza della scienza
» Mostra "Natura ed artificio in biblioteca"
» Schiavocampo - Soddu
» De Chirico, De Pisis, Carrà. La vita nascosta delle cose

Vedi archivio

 
Altri articoli attinenti
» Vacchi e Bossini agli Incontri Musicali del Collegio Borromeo
» Carnevale al Museo della Storia
» Leonardo e Vitruvio. Oltre il cerchio e il quadrato
» Vittorio Sgarbi e Leonardo
» Narrare l'Antico: Sole Rosso di Grazia Maria Francese
» Squali, predatori perfetti"
» Visual Storytelling. Quando il racconto si fa immagine
» I linguaggi della storia: Il formaggio e i vermi
» Giornata della memoria. Il cielo cade
» Pretesti per una mostra. Sergio Ruzzier a Pavia
» La Storia organaria di Pavia
» Postazione 23
» Il "Duchetto" di Pavia
» Libri al Fraccaro
» La cospirazione dei tarli
 
Pagina inziale » Cultura » Articolo n. 2251 del 23 settembre 2004 (2144) Condividi su Facebook Stampa Salva in formato PDF
Come eravamo...
Un'immagine esposta

Una volta un amico mi disse "scattare una fotografia è l'unico modo che ha l'uomo per fermare il tempo"... be', sono perfettamente d'accordo. Da quelle fatte in vacanza a quelle scattate durante le cerimonie, dai semplici ritratti all'attimo colto quasi per sbaglio, le foto conservano il potere di farci rivivere quel momento, di ritornare al periodo dello scatto, che magari ci vede protagonisti, immortalati in quel "c'ero anch'io"...

Quando poi le foto sono di un'epoca che non ci appartiene o di un passato nostro solo in parte, acquistano un fascino tutto particolare, un valore storico, un documento che ci permette di farci comprendere "Come eravamo".

Ad offrire questa possibilità alla cittadinanza è Assessorato ai servizi Servizi Sociali del Comune di Pavia, organizzatore della mostra "Come eravamo. Fotografie di famiglia dal 1900 al 1950".

Giunta alla 7^ edizione, si inaugura oggi al Castello Visconteo, questa carrellata di immagini, raccolte grazie al contributo di privati - che hanno prestato parte dei loro piccoli archivi personali -, che fornisce un ritratto della società della prima metà del Novecento, della vita a cavallo tra le due guerre.
Un balzo indietro nel tempo, nei ricordi di chi c'era e alla radici di chi non c'era ancora...

 
 Informazioni 
Dove: Loggiato del Castello Visconteo di Pavia
Quando: dal 23 settembre a al 3 ottobre 2004,
nei seguenti orari: 10.00-13.00 14.30-17.30
 

Sara Pezzati

Pavia, 23/09/2004 (2251)

RIPRODUZIONE VIETATA
www.miapavia.com è testata giornalistica, il contenuto di queste pagine è protetto dai diritti d'autore.
In caso di citazione o utilizzo, si prega di evidenziare adeguatamente la fonte.



MiaPavia è una testata giornalistica registrata, © 2000- 2020 Buon Vento S.r.l. - P.I. IT01858930181
Tutti i diritti sono riservati - Chi siamo - Contatti - Mining pool