Pavia e provincia: Pavese, Oltrepò Pavese, Lomellina, eventi, spettacoli e manifestazioni di Pavia e provincia
domenica, 18 febbraio 2018 (662) Qual Buon Vento, navigante! » Entra


 
Articoli della stessa rubrica
» Retorbido
» Sartirana Lomellina
» Breme
» Bereguardo
» Lomello
» Zavattarello
» Chignolo Po
» Torrazza Coste
» Montescano
» Montù Beccaria
» Canneto Pavese
» Santa Giuletta
» Santa Maria della Versa
» Castana
» Rovescala
» Pietra de' Giorgi
» Stradella

Vedi archivio

 
Altri articoli attinenti
» 200 anni di archeologia...
» E' Carnevale!
» Racconti al Museo
» Il presepe romano
» Pavia, crossroads of Europe
» Mercatino del riuso
» Mercatino di Natale
» Torre in Festa
» A tu per tu con l'astrario
» Trekking Urbano: sulle tracce dei longobardi
» Visita "a distanza ravvicinata"....
» Torre in Festa
» Arriva la FAImarathon a Varzi
» Giornata della castagna
» Castello Beccaria e Palazzo Malaspina Pedemonti
 
Pagina inziale » Turismo » Articolo n. 263 del 11 settembre 2001 (3149) Condividi su Facebook Stampa Salva in formato PDF
Canevino
Canevino

Canevino sorge su di un colle da cui domina la Val Versa e la Valle Scuropasso. Favorito da clima mite e aria salubre, e circondato da boschi e vigneti che regalano ottimi vini bianchi e rossi, Canevino è un tipico paese oltrepadano che offre spunti interessanti per piacevoli passeggiate.

La sua fondazione potrebbe essere attribuita ai Liguri. A supporto di quest'ipotesi è l'origine del nome: Can e Van, due termini liguri che significano rispettivamente ginestra e valle.

In epoca medievale Canevino faceva parte del feudo di Cicognola, poi passò sotto Galeazzo Visconti, mentre nel XVIII secolo fu nelle mani dei Barbiano di Belgioioso. In tempi più recenti, durante la seconda guerra mondiale, è stato rifugio di partigiani, di cui viene ricordata la vittoria in un cippo, datato 14 febbraio 1945, in località Bacà Mollio.

Ma ciò che più caratterizza la sua storia è il fatto di trovarsi sul tracciato dell'antica "Via di San Colombano". Una strada che, valicando il Passo del Penice e la Valle Versa, e attraversando il Po, arrivava in prossimità di San Giacomo della Cerreta, mettendo così in comunicazione la capitale dei Longobardi con Bobbio e con il nucleo monastico di San Colombano.

Nel 930, fu proprio lungo questa via che Re Ugo fece trasportare - allo scopo di indurre la restituzione di alcuni terreni usurpati - le reliquie di San Colombano da Bobbio a Pavia. Si narra che durante il passaggio del sacro corteo per Canevino, un fanciullo muto dalla nascita acquistasse la voce: un miracolo che valse a Canevino la citazione, unitamente solo a Bobbio e Pavia, nei documenti dell'epoca.

A questo paese, immerso nella quiete, è da sempre legata un'atmosfera di "sacralità": la Chiesa di Canevino, fu una delle prime chiese cristiane dell'Oltrepò. Un edificio che svetta dall'alto del colle e che, anche solo per l'eccezionale posizione panoramica che offre una visuale a 360° dal Penice alle Alpi, vale sia i 133 gradini della scalinata che la raggiunge, sia una visita a Canevino.

 
 Informazioni 
 

Sara Pezzati

Pavia, 11/09/2001 (263)

RIPRODUZIONE VIETATA
www.miapavia.com è testata giornalistica, il contenuto di queste pagine è protetto dai diritti d'autore.
In caso di citazione o utilizzo, si prega di evidenziare adeguatamente la fonte.



MiaPavia è una testata giornalistica registrata, © 2000- 2018 Buon Vento S.r.l. - P.I. IT01858930181
Tutti i diritti sono riservati - Chi siamo - Contatti - Mining pool