Pavia e provincia: Pavese, Oltrepò Pavese, Lomellina, eventi, spettacoli e manifestazioni di Pavia e provincia
domenica, 24 settembre 2017 (450) Qual Buon Vento, navigante! » Entra


 
Articoli della stessa rubrica
» Retorbido
» Sartirana Lomellina
» Breme
» Bereguardo
» Lomello
» Zavattarello
» Chignolo Po
» Torrazza Coste
» Montescano
» Montù Beccaria
» Canneto Pavese
» Santa Giuletta
» Santa Maria della Versa
» Rovescala
» Pietra de' Giorgi
» Canevino
» Stradella

Vedi archivio

 
Altri articoli attinenti
» Lebici, Pavia su due ruote Festival
» Cammini religiosi e culturali: gli Stati Generali a Pavia
» Vigevano Medieval Comics
» Gran Ballo di Ferragosto
» Festa Medievale a Brallo di Pregola
» Pomeriggio al museo
» Volto di Volta
» Apertura straordinaria del Castello Beccaria
» Tramonti Di..Vini
» Festival delle Farfalle
» Festa al museo Contadino
» Mercatino del Ri-Uso-Nuova Vita alle Cose
» Luce al castello!
» La birra dei Celti al castello di Stefanago
» Merendona del Sorriso
 
Pagina inziale » Turismo » Articolo n. 265 del 6 novembre 2001 (2389) Condividi su Facebook Stampa Salva in formato PDF
Castana
Castana

Paese dell'Oltrepò pavese orientale il cui nome trae origine dai castagneti che probabilmente caratterizzavano le colline circostanti. Noto nell'antichità come castrum castanae (letteralmente centro (fortificato) delle castagne), Castana, nella carta della regione compilata dallo storico ottocentesco Severino Capsoni, era già citato in epoca romana come ad Castanem.

Ubicato a 25 chilometri dal capoluogo provinciale, Castana è un piccolo paese rurale che si estende tra la Val Versa dalla Valle Scuropasso, a poco meno di 300 metri di quota.

Al centro dell'abitato si trovano i resti del castello di origine medioevale che, edificato su un'altura in posizione dominante sulla valle, fece di Castana un importante nucleo strategico.

Costruito probabilmente dai monaci pavesi di S. Bartolomeo in Strada, il borgo fu protagonista di alterne vicende nel corso dei secoli. Nel 1200, epoca in cui Castana era costituita da una fortificazione attorno alla quale sorgevano poche case con il tetto di paglia (come testimonierebbe un documento storico risalente a quel periodo), venne devastato dai combattimenti fra cremonesi e dai piacentini in lotta col marchese del Monferrato rifugiatosi fra le sue mura. Scontri durante i quali il castello venne dato alle fiamme... Nel 1531 Castana era parte del feudo di Broni, retto dai Beccarla, all'estinzione dei quali, passò alla famiglia Borromeo e successivamente ai casati degli Arrigoni e dei Pallavicino.

L'antico maniero venne nuovamente eretto nel 1700 e poi trasformato in palazzo signorile dagli allora proprietari: i signori Pallavicini Trivulzio.

Da borgo medioevale a rinomato centro vinicolo il passo non fu così breve, certo è che attualmente Castana è molto più nota per le sue pregiate produzioni vinicole che per i suoi, se pur interessanti, aspetti storico-artistici.

Sono frutto dei suoi vigneti gli ottimi vini rossi quali Barbera, Bonarda, Buttafuoco, Rosso Oltrepò, e Sangue di Giuda che rallegrano la tavola e il palato di pavesi e non.

Meta di chi cerca buon vino e refrigerio, soprattutto nel periodo estivo, Castana vanta anche una parrocchiale. Di datazione ottocentesca, la chiesa di S. Andrea, oggi a tre navate (la pianta originale ne prevedeva una sola), conserva pregevoli dipinti e il ricordo di un curioso campanile storto, fatto poi abbattere per motivi di sicurezza e sostituito con uno "dritto".

 
 Informazioni 
 

Sara Pezzati

Pavia, 06/11/2001 (265)

RIPRODUZIONE VIETATA
www.miapavia.com è testata giornalistica, il contenuto di queste pagine è protetto dai diritti d'autore.
In caso di citazione o utilizzo, si prega di evidenziare adeguatamente la fonte.



MiaPavia è una testata giornalistica registrata, © 2000- 2017 Buon Vento S.r.l. - P.I. IT01858930181
Tutti i diritti sono riservati - Chi siamo - Contatti