Pavia e provincia: Pavese, Oltrepò Pavese, Lomellina, eventi, spettacoli e manifestazioni di Pavia e provincia
giovedì, 4 giugno 2020 (1216) Qual Buon Vento, navigante! » Entra


 
Articoli della stessa rubrica
» Fabrizio Poggi & Chicken Mambo: Spaghetti Juke Joint
» Macadam: Latitudine incrociate
» Nat Soul Band: Not so bad
» Ho sbagliato secolo
» Far Out
» Shag’s Airport
» Blues, Blues e ancora Blues
» Accordiamoci
» Il leone nell’Arena
» Francesco Garolfi: Un posto nel mondo
» Alberto Tava: il nuovo disco Mediterraneo
» Il matrimonio che vorrei: da oggi a Pavia
» Reality: ma quando ANCHE a Pavia?
» Magic Mike: quando è lui a spogliarsi...
» Il rosso e il blu: scuola italiana...
» Giorgia, che sorpresa!
» I Beach Boys in Italia: c’ero anch’io!
» Il ritorno dell'uomo armonica
» Wanna Be Startin’ Somethin’. Thriller rivisitato
» Un disco tutto pavese per Woody Guthrie

Vedi archivio

 
Altri articoli attinenti
» Francesca Dego in concerto
» Al Borromeo l'omaggio a Beethoven
» Christian Meyer Show
» Concerto di Natale - Merry Christmas in Jazz & Gospel
» Festival di Natale - ¡Cantemos!
» Festival di Natale - El Jubilate
» Festival di Natale - Hor piango, hor canto
» Concerto di Natale
» Festival di Natale - O prima alba del mondo
» Up-to-Penice omaggia De Andrè
» Duo violino e violoncello
» Cori per il Togo
» Open-day al Vittadini. Laboratori musicali per l'infanzia
» Stayin' alive LVGP sings 70s
» Omaggio a Offenbach e Lirica del cuore
 
Pagina inziale » Musica » Articolo n. 2653 del 7 febbraio 2005 (3292) Condividi su Facebook Stampa Salva in formato PDF
Michael Bublè - It's time
Michael Bublè - It's time

Il 4 febbraio "It's Time", il nuovo ed attesissimo album di Michael Bublé, è arrivato nei negozi di tutto il mondo.

Già foriero di polemiche Sanremesi (Bublè sarà aspite a Sanremo con la sua versione di "Quando, Quando, Quando", in coppia con Nelly Furtado e, si vocifera, con un'apparizione a sorpresa dell'autore Tony Renis) questo nuovo album si prospetta come un successo ancora più grande del primo.

Per il giovane cantante di Vancouver (Canada) si tratta del secondo lavoro in studio dopo il clamoroso successo dell'omonimo CD "Michael Bublè", l'abum di debutto uscito nel 2004 e capace di raggiungere oltre tre milioni di copie vendute in tutto il mondo; ma, in effetti, c'è stata (nel frattempo) anche una ri-edizione con aggiunta di brani natalizi e un mini-album con i brani tratti dal film Totally Blonde.

Insomma, in un modo o nell'altro, il "nostro" ha tenuto occupato il mercato abbastanza a lungo da far sì che tutti si accorgessero di lui.

Marketing a parte, se qualcuno di voi se lo ricorda ancora, io ve lo avevo segnalato almeno nove mesi prima dell'esplosione della Buble-mania, come una voce notevole e un talendo davvero interessante.

Per "It's Time" Bublè ripropone la formula vincente e passa dai Beatles con "Can't Buy Me Love", a Cole Porter con "I've Got You Under My Skin", sino a Leon Russell, Mamas And Papas, Chris Montez, Otis Redding e altri ancora.

"Feeling Good", "A Foggy Day (In London Town)", "You Don't Know Me", "Quando, quando, quando", "Home", "Can't Buy Me Love", "The More I See You", "Save The Last Dance For Me", "Try A Little Tenderness", "How Sweet It Is", "A Song For You", "I've Got You Under My Skin", "You And I", "Dream A Little Dream" e "Mack The Knife".

Questa la scaletta dell'album.

Michael Bublè

Divertente la versione "a Bossa Nova" del brano di Tony Renis, Intrigante la swingata beatlesiana di Can't Buy Me Love, impressionanti le somiglianze con Sinatra in A Foggy Day, splendida la sua versione di Dream a Little Dream of Me (anche se il pathos di Mama Cass rimane irraggiungibile), ma….la cosa che più mi ha colpito è stata Home.

E' un brano scritto da Bublè stesso che si rivela così anche autore e, meraviglia, è il brano più sincero e spiazzante e, allo stesso tempo, rivelatore dell'intero album.

Si tratta di una ballata in stile quasi-countryfolk (se non fosse per i violini che la rendono un tantino patinata, ma ci stanno bene anche quelli), l'unica non swing, che ci mostra il lato genuino e non costruito di questo ragazzo prodigio.

La sua voce si mostra matura e profonda, capace di feelings privi di virtuosismo che lo rendono più umano.

Sarà questo il Bublè di domani, quando sarà passata l'ondata di revival-swing ?

 
 Informazioni 
 

Furio Sollazzi

Pavia, 07/02/2005 (2653)

RIPRODUZIONE VIETATA
www.miapavia.com è testata giornalistica, il contenuto di queste pagine è protetto dai diritti d'autore.
In caso di citazione o utilizzo, si prega di evidenziare adeguatamente la fonte.



MiaPavia è una testata giornalistica registrata, © 2000- 2020 Buon Vento S.r.l. - P.I. IT01858930181
Tutti i diritti sono riservati - Chi siamo - Contatti - Mining pool