Pavia e provincia: Pavese, Oltrepò Pavese, Lomellina, eventi, spettacoli e manifestazioni di Pavia e provincia
venerdì, 24 novembre 2017 (438) Qual Buon Vento, navigante! » Entra


 
Articoli della stessa rubrica
» Retorbido
» Sartirana Lomellina
» Breme
» Bereguardo
» Lomello
» Zavattarello
» Chignolo Po
» Torrazza Coste
» Montescano
» Canneto Pavese
» Santa Giuletta
» Santa Maria della Versa
» Castana
» Rovescala
» Pietra de' Giorgi
» Canevino
» Stradella

Vedi archivio

 
Altri articoli attinenti
» Torre in Festa
» A tu per tu con l'astrario
» Trekking Urbano: sulle tracce dei longobardi
» Visita "a distanza ravvicinata"....
» Torre in Festa
» Giornata della castagna
» Castello Beccaria e Palazzo Malaspina Pedemonti
» Arriva la FAImarathon a Varzi
» Lebici, Pavia su due ruote Festival
» Cammini religiosi e culturali: gli Stati Generali a Pavia
» Vigevano Medieval Comics
» Gran Ballo di Ferragosto
» Festa Medievale a Brallo di Pregola
» Pomeriggio al museo
» Volto di Volta
 
Pagina inziale » Turismo » Articolo n. 267 del 8 novembre 2002 (2729) Condividi su Facebook Stampa Salva in formato PDF
Montù Beccaria
Montù Beccaria

Sulla sponda sinistra del torrente Versa, ad un'altitudine di 280 metri circa sul livello del mare, sorge quello che in epoca medievale era l'abitato di "Mons Acutus Beccariarum".
Il nome, letteralmente "Monte Acuto dei Beccaria", traeva origine dalla forma del colle sul quale i suoi Signori pavesi, i Beccaria, fecero erigere un fortilizio, il castello di Monte Acuto.

La posizione era infatti strategica sia dal punto di vista commerciale, per il controllo che consentiva sui trasporti allo sbocco della Val Versa, sia da quello militare e andava per tanto difesa.
Citato per la prima volta in un diploma del 1164 con cui Federico Barbarossa lo assegnò ai pavesi, il territorio fu teatro di numerose battaglie tra i feudatari di Milano, Pavia e Piacenza.
Scontri a causa dei quali il castello, eretto nel XII secolo, venne più volte distrutto e riedificato.

Il luogo restò di proprietà dei Beccaria fino all'inizio del '600, ovvero fino a quando morì, senza lasciare eredi, Aureliano, l'ultimo discendente della nobile famiglia. A quel punto, per sua disposizione testamentaria, Montù e le sue terre passarono alla Congregazione dei Barnabiti.
La rocca venne trasformata in convento-collegio dotato di chiesa (oggi è noto come "il Castellazzo Beccaria") fatto che, grazie anche ai due secoli di permanenza dei frati, contribuì a rendere la cittadina un centro educativo di ottima qualità

Nel 1802 però, Napoleone abolì gli ordini religiosi ponendo così fine al dominio dei Barnabiti: la congregazione fu soppressa e i loro beni espropriati. Fece perfino abbattere la chiesa di Sant'Aureliano che i padri avevano eretto e vendette il monastero ad un privato.

Oggi Montù Beccaria, circondato da numerosi filari di viti e non più da fitti boschi, è un centro vinicolo rinomato per la produzione di barbera, bonarda e pinot.

Nel centro storico si possono ammirare la chiesa parrocchiale, costruita nel 1303 da Manfredino Beccaria a seguito di un voto a San Michele (cui infatti è intitolata), espresso durante l'assedio del castello di Monte Acuto. Al suo interno si conservano interessanti dipinti d'epoca seicentesca.

Un elegante edificio d'epoca barocca a preso il posto del maniero; dell'antico "Castellazzo" sono tuttora presenti le vestigia della rocca e le strutture principali del convento-collegio, mentre della chiesa restano l'abside e il presbiterio. Il resto della costruzione è ormai in rovina.

Curiosità: a ricordare la presenza dei Beccaria, spicca lo stemma sulla facciata del municipio.

Novembre è un buon periodo per una visita a Montù Beccaria poiché la tradizione locale vuole che l'autunno venga festeggiato con polenta, cotta e mangiata in piazza, e castagne a volontà, di cui certo le colline circostanti sono generose.

 
 Informazioni 
 

Sara Pezzati

Pavia, 08/11/2002 (267)

RIPRODUZIONE VIETATA
www.miapavia.com è testata giornalistica, il contenuto di queste pagine è protetto dai diritti d'autore.
In caso di citazione o utilizzo, si prega di evidenziare adeguatamente la fonte.



MiaPavia è una testata giornalistica registrata, © 2000- 2017 Buon Vento S.r.l. - P.I. IT01858930181
Tutti i diritti sono riservati - Chi siamo - Contatti - Mining pool