Pavia e provincia: Pavese, Oltrepò Pavese, Lomellina, eventi, spettacoli e manifestazioni di Pavia e provincia
giovedì, 22 ottobre 2020 (198) Qual Buon Vento, navigante! » Entra


 
Articoli della stessa rubrica
» Fabrizio Poggi - Un dicembre tutto americano
» I Rude Mood e il Capodanno irlandese (II parte)
» I Rude Mood e il Capodanno irlandese (I parte)
» Rude Mood Irish Tour 09 (seconda parte)
» Rude Mood Irish Tour 09 (prima parte)
» Centro commerciale di Borgarello: favorevole o contrario?
» Alluvione: polemiche verdi
» Prevedere le alluvioni
» Un musicista Pavese in America - 3^ parte
» Un musicista Pavese in America - 2^ parte
» Un musicista Pavese in America
» Eagles - A Lucca c'ero anch'io
» Fare Festival: Brasiliani in giro per Pavia
» Celebrati i 40 anni della bossa nova
» La Torre che non c'è più
» La Torre Civica
» Alluvione 2000
» Alluvione 2000
» Alluvione 2000
» Alluvione 2000

Vedi archivio

 
Altri articoli attinenti
» Alta tensione in v.le Brambilla
» L'archivio fotografico Chiolini
» L'appello del FAI
» Prima e dopo la cura
» ... Per la Chiesa di S. Marino
» Tanti auguri Ticino!
» Il Garibaldi invisibile...
» Centro commerciale di Borgarello: favorevole o contrario?
» La centrale termoelettrica di Voghera
» Alluvione: polemiche verdi
» Prevedere le alluvioni
» La Torre che non c'è più
» La Torre Civica
» Appello della Protezione Civile
» Alluvione 2000
 
Pagina inziale » Dossier » Articolo n. 2699 del 19 ottobre 2000 (5002) Condividi su Facebook Stampa Salva in formato PDF
Alluvione 2000

Situazione del 19 Ottobre

Aggiornamento alle h. 11.00

Il Sindaco di Pavia, Andrea Albergati, ha inviato al Governo la richiesta per il riconoscimento dello Stato di Calamit? Naturale.

"Non dovrebbero esserci problemi - commenta l'assessore all'Ecologia Angelo Zorzoli - non appena riceveremo l'ok potremmo anticipare i primi fondi".

Nel frattempo il Ticino sta rientrando nel suo letto, ? sceso ormai di quasi 3 metri rispetto al livello di massima piena; questa mattina, alle ore 11, le sue acque erano di 2 metri e 25 sopra lo zero idrometrico. Il Borgo Basso ? "riemerso", via Milazzo ? quasi del tutto all'asciutto e anche le zone di Porta Calcinara e Porta Nuova hanno visto l'acqua abbandonare le loro fondamenta.

"Stiamo lentamente tornando alla normalit? - conferma Antonio Capone, responsabile comunale della Protezione Civile - sono gi? iniziati gli interventi di aiuto alle famiglie vittime dell'alluvione. Anche grazie agli interventi dei primi volontari (tra cui gli studenti del collegio Borromeo) possiamo permettere agli sfollati di effettuare i primi lavori di pulizia".

"I furgoni dell'ASM e di alcune cooperative sono a disposizione - continua Angelo Zorzoli - ai proprietari di case e negozi alluvionati sono stati forniti sacchi di segatura e i mezzi necessari per i primi interventi di sistemazione. Non appena possibile verr? riallacciata la corrente elettrica anche se, gi? si sa, all'inizio salter? qualche contatore ancora un po' umido... per il gas, purtroppo, ci vorr? ancora un po' pi? di tempo".

Anche la situazione argini ? oggi pi? tranquilla. Dopo la rottura di ieri pomeriggio dell'argine della Gravellona vecchia e l'allagamento delle cantine in zona Cascina Leona (gi? soccorse ieri sera dai Vigili del Fuoco), il pericolo sembra essere finalmente scongiurato.

In giunta comunale ? stato deciso di non istituire il numero verde ma solo perch?, nell'immaginario collettivo, in un momento come questo, si sarebbe configurato "troppo emergenziale".
Rimane attivo il numero dell'U.R.P. (Ufficio relazioni con il pubblico) da cui verranno smistate le chiamate per essere destinate direttamente al gestore del servizio richiesto.

Chiunque avesse informazioni o aiuti da richiedere (anche di risarcimento) potr? quindi rivolgersi ai seguenti numeri: 0382/399501 - 0382/399513.

Aggiornamento alle h. 17.30

E' emergenza Gravellone. Sta esondando. L'acqua del canale sta crescendo mentre quella del Ticino ? scesa a 3 metri.

"Un livello ancora troppo alto - commenta preoccupato l'assessore all'ecologia Angelo Zorzoli - per poter aprire la chiusa alla chiavica. Il Ticino ? comunque pi? alto e non pu? drenare il Gravellone".

La situazione ? davvero allarmante l'acqua sta toccando la Ca' Bella ed ha gi? allagato le strade, Leona, Vignazza e Acquanegra.

Per tentare di "arginare" (? proprio il caso di dirlo) la situazione, sono state messe in funzione 25 pompe tra cui due idrovore che convogliano in Ticino 10mila metri cubi d'acqua al minuto. Sono in azione i mezzi dei Vigili del Fuoco, del Parco del Ticino e persino dell'Amministrazione Provinciale di Milano, purtroppo per? gli sforzi sembrano non essere sufficienti per risolvere l'emergenza.

"Siamo in allarme perch? non capiamo da dove arrivi l'acqua - confessa Antonio Capone, responsabile comunale della Protezione Civile - non possono essere infiltrazioni o fontanazzi a causare questo disastro...".

Si ipotizza che il problema arrivi da zone a monte del corso d'acqua, ma non si sa da dove e perch?. A dare la risposta dovrebbe essere i tecnici del Magistrato per il Po... ma nessuno li ha ancora visti!

Speciale alluvione
Situazione del 16 ottobre - primo giorno
Situazione del 17 ottobre - secondo giorno
Situazione del 18 ottobre - terzo giorno
Situazione del 20 ottobre - quinto giorno

di Sara Pezzati e Paola Ciandrini

 
 Informazioni 
 
 
Pavia, 19/10/2000 (2699)

RIPRODUZIONE VIETATA
www.miapavia.com è testata giornalistica, il contenuto di queste pagine è protetto dai diritti d'autore.
In caso di citazione o utilizzo, si prega di evidenziare adeguatamente la fonte.



MiaPavia è una testata giornalistica registrata, © 2000- 2020 Buon Vento S.r.l. - P.I. IT01858930181
Tutti i diritti sono riservati - Chi siamo - Contatti - Mining pool