Pavia e provincia: Pavese, Oltrepò Pavese, Lomellina, eventi, spettacoli e manifestazioni di Pavia e provincia
giovedì, 28 maggio 2020 (1025) Qual Buon Vento, navigante! » Entra


 
Articoli della stessa rubrica
» XXVI edizione del Festival Borghi&Valli
» Vittadini Jazz Festival 2019
» l'EX|ART Film Festival
» Maggio in musica
» Da settembre la nuova stagione del Cirro
» Da Mozart a Glenn Miller
» Nkem Favour Blues Band
» Altissima Luce
» Ultrapadum 2016
» Serenata Kv 375
» 4 Cortili in Musica
» Maggio in musica
» Con Affetto
» Mirra-Mitelli chiudono Dialoghi
» La Risonanza a Pavia Barocca
» Dialoghi: Guidi-Maniscalco
» Sguardi Puri
» Le piratesse della Jugar aprono Piccoli Argini
» Il cinema è servito!
» Ultrapadum agostano

Vedi archivio

 
Altri articoli attinenti
» Francesca Dego in concerto
» Al Borromeo l'omaggio a Beethoven
» Christian Meyer Show
» Concerto di Natale - Merry Christmas in Jazz & Gospel
» Festival di Natale - ¡Cantemos!
» Festival di Natale - El Jubilate
» Festival di Natale - Hor piango, hor canto
» Concerto di Natale
» Festival di Natale - O prima alba del mondo
» Up-to-Penice omaggia De Andrè
» Duo violino e violoncello
» Cori per il Togo
» Open-day al Vittadini. Laboratori musicali per l'infanzia
» Stayin' alive LVGP sings 70s
» Omaggio a Offenbach e Lirica del cuore
 
Pagina inziale » Musica » Articolo n. 2766 del 9 marzo 2005 (1842) Condividi su Facebook Stampa Salva in formato PDF
Dialoghi apre con Fasoli e Ferris
Dialoghi apre con Fasoli e Ferris

Martedì 8 marzo ha preso il via la settima edizione della rassegna "Dialoghi: jazz per due", organizzata dal Settore Cultura del Comune di Pavia. Protagonisti del concerto, in programma presso Santa Maria Gualtieri, sono stati il sassofonista Claudio Fasoli e il trombonista statunitense Glenn Ferris.

Grande successo di pubblico e concerto molto interessante e inusitato. Chi si aspettava grandi arrabbiate divagazioni Free sarà forse rimasto deluso perché i due, invece, con sensibilità e intelligenza hanno proposto un concerto molto "strutturato", non basato sulla pura improvvisazione (che comunque non manca mai, e non è mancata neanche in questa occasione) quanto su ripetuti "obbligati", su melodie scritte.

Un vero e proprio dialogo supportato da un accordo di mutuo soccorso, alternandosi in parti ritmiche che fornivano base per l'improvvisazione dell'altro.

Armonici e melodici i "passi forzati", intriganti le varie "voci" che riuscivano ad estrarre dai rispettivi strumenti, i due hanno spesso creato atmosfere affascinanti senza mai eccedere in virtuosismi inutili. Tranne St. James Infermary e Gush! Di Aldo Romano, i brani proposti portavano la firma di Fasoli (Franco Carattere, Nyspel, Orizzonti e il bis Chez Soi) e di Ferris (Istanblues, Animal Love, Purge, Eye Scream).

Bel concerto, dicevo, anche se (a mio giudizio) fosse durato un quarto d'ora in meno... sarebbe risultato più efficace.
Alla fine le tonalità, i trucchi, le armonizzazioni che Fasoli e Ferris potevano offrire erano state esaurite tutte e l'attenzione cominciava a calare.

A volte, lasciare ancora quel piccolo desiderio d'ascolto giova al ricordo del concerto. Comunque... molto bene.

 
 Informazioni 
 

Furio Sollazzi

Pavia, 09/03/2005 (2766)

RIPRODUZIONE VIETATA
www.miapavia.com è testata giornalistica, il contenuto di queste pagine è protetto dai diritti d'autore.
In caso di citazione o utilizzo, si prega di evidenziare adeguatamente la fonte.



MiaPavia è una testata giornalistica registrata, © 2000- 2020 Buon Vento S.r.l. - P.I. IT01858930181
Tutti i diritti sono riservati - Chi siamo - Contatti - Mining pool