Pavia e provincia: Pavese, Oltrepò Pavese, Lomellina, eventi, spettacoli e manifestazioni di Pavia e provincia
domenica, 31 maggio 2020 (1075) Qual Buon Vento, navigante! » Entra


 
Articoli della stessa rubrica
» XXVI edizione del Festival Borghi&Valli
» Vittadini Jazz Festival 2019
» l'EX|ART Film Festival
» Maggio in musica
» Da settembre la nuova stagione del Cirro
» Da Mozart a Glenn Miller
» Nkem Favour Blues Band
» Altissima Luce
» Ultrapadum 2016
» Serenata Kv 375
» 4 Cortili in Musica
» Maggio in musica
» Con Affetto
» Mirra-Mitelli chiudono Dialoghi
» La Risonanza a Pavia Barocca
» Dialoghi: Guidi-Maniscalco
» Sguardi Puri
» Le piratesse della Jugar aprono Piccoli Argini
» Il cinema è servito!
» Ultrapadum agostano

Vedi archivio

 
Altri articoli attinenti
» Francesca Dego in concerto
» Al Borromeo l'omaggio a Beethoven
» Christian Meyer Show
» Concerto di Natale - Merry Christmas in Jazz & Gospel
» Festival di Natale - ¡Cantemos!
» Festival di Natale - El Jubilate
» Festival di Natale - Hor piango, hor canto
» Concerto di Natale
» Festival di Natale - O prima alba del mondo
» Up-to-Penice omaggia De Andrè
» Duo violino e violoncello
» Cori per il Togo
» Open-day al Vittadini. Laboratori musicali per l'infanzia
» Stayin' alive LVGP sings 70s
» Omaggio a Offenbach e Lirica del cuore
 
Pagina inziale » Musica » Articolo n. 2837 del 29 marzo 2005 (3081) Condividi su Facebook Stampa Salva in formato PDF
Dialoghi 3° e 4° appuntamento
Dialoghi 3° e 4° appuntamento

Per il terzo appuntamento della rassegna "Dialoghi: jazz per due" mercoledì scorso a Santa Maria Gualtieri si è tenuto il concerto del trombettista Giovanni Falzone e del chitarrista Roberto Cecchetto.

Fire and Rain, recitava il titolo di una vecchia canzone di James Taylor; fuoco e pioggia. caldo il primo e fredda la seconda. Così (o quasi) si potrebbero definire i due protagonisti del dialogo musicale di questo concerto. Falzone era in continuo movimento, in tensione perenne; suonava con le labbra ma anche con il corpo, dimenandosi, ancheggiando a ritmo, battendo i piedi, piegandosi e inarcandosi. Cecchetto era compassato e sempre presente, calcolatore ed efficace, come massimo dell'espressione chiudeva gli occhi. Solo in un brano (particolarmente ritmico) si è lasciato un po' andare. Il suo modo di suonare è estremamente rarefatto, echi e riverberi rimandano a un Metheny d'annata, ma meno melodico e più costruzionista. Qua e là affiora, filtrato, un echo di blues. Falzone estrae dalla sua tromba (dal bocchino, dalla sordina, dai pistoni) ogni suono possibile e lo filtra attraverso una piccola "macchina" dotata di campionatore di loop.

E dal dialogo tra due caratteri così diversi nasce un prodotto coeso e convincente. Il pubblico assiste in silenzio alla costruzione di cattedrali sonore che, all'improvviso, si sbriciolano in frammenti free i quali, come in un Terminator di mercurio, tornano per magia a ricompattarsi. Non è musica facile da seguire, ma si può anche accettarla così, in maniera impressionista, come massa di suoni ed emozioni.

Giovedì 31 marzo si concluderà la settima edizione della rassegna "Dialoghi: jazz per due" e, protagonisti del concerto , saranno il pianista Stefano Bollani, la cui popolarità ha ampiamente valicato i confini nazionali e dello stesso jazz, e il sassofonista Mirko Guerrini.

Camaleontico, enciclopedico, incontenibile: sono alcuni degli aggettivi usati per descrivere lo stile pianistico di Stefano Bollani, musicista a proprio agio in contesti diversissimi tra loro, dal piano solo al duo, dal tipico trio piano-contrabbasso-batteria ad incontri con orchestre classiche, ma anche in compagnia di attori comici quali Davide Riondino, Claudio Bisio e i tipi della Banda Osiris. Assiduo partner di Enrico Rava, suo mentore, e in queste settimane ospite fisso del nuovo programma televisivo di Renzo Arbore, Bollani possiede un'altra dote che ha contribuito enormemente al suo successo, per molti versi straordinario: un innato senso della comunicativa e dell'ironia che gli permette di instaurare con il pubblico un rapporto immediato. Se quindi il pianista milanese, ma toscano di adozione, sembra a volte privilegiare nelle sue esibizioni l'aspetto spettacolare, senza mai peraltro trascurare i contenuti artistici, nelle incisioni discografiche mette in mostra una musicalità dal vasto raggio d'azione.

Lo provano soprattutto i due dischi con il quintetto L'Orchestra del Titanic, il sentito omaggio alla canzone italiana degli anni Trenta e Quaranta di Abbassa la tua radio, realizzato con la collaborazione di svariati interpreti (da Irene Grandi a Peppe Servillo degli Avion Travel, da Massimo Altomare a Elio delle Storie Tese), e i tre album per la francese Label Bleu, Les Fleurs Bleues, ispirato all'omonimo romanzo di Raymond Queneau, il solitario Småt Småt e il recente Concertone, vero e proprio concerto in quattro movimenti per trio jazz e orchestra classica (l'Orchestra della Toscana).

Abituale compagno d'avventura di Bollani - presente in Abbassa la tua radio e in Concertone e membro stabile del suo nuovo quintetto - è il sassofonista fiorentino Mirko Guerrini, uno dei numerosi solisti che negli ultimi anni hanno imposto la Toscana come una delle terre jazzisticamente più feconde della penisola. Con all'attivo vari sodalizi internazionali (Kenny Wheeler, Dave Liebman, Peter Erskine, Palle Danielsson, John Taylor, Ikue Mori e altri), Guerrini è leader della Millennium Bugs' Orchestra e di un quartetto denominato Cirko Guerrini. Anche a lui non difetta, dunque, quello spirito dissacrante che si rintraccia pure nel gustoso CD Mirko Guerrini e i diavoli del ritmo: facile immaginare chi vi si ascolta al pianoforte... Stefano Bollani.

 
 Informazioni 
Quando: giovedì 31 marzo, ore 21.00
Dove: presso l'Aula Magna del Collegio Ghislieri -ex Chiesa di San Francesco da Paola- Piazza Ghislieri, Pavia
Ingresso: 10 Euro

 

Furio Sollazzi

Pavia, 29/03/2005 (2837)

RIPRODUZIONE VIETATA
www.miapavia.com è testata giornalistica, il contenuto di queste pagine è protetto dai diritti d'autore.
In caso di citazione o utilizzo, si prega di evidenziare adeguatamente la fonte.



MiaPavia è una testata giornalistica registrata, © 2000- 2020 Buon Vento S.r.l. - P.I. IT01858930181
Tutti i diritti sono riservati - Chi siamo - Contatti - Mining pool