Pavia e provincia: Pavese, Oltrepò Pavese, Lomellina, eventi, spettacoli e manifestazioni di Pavia e provincia
giovedì, 28 maggio 2020 (987) Qual Buon Vento, navigante! » Entra


 
Articoli della stessa rubrica
» Macadam: Latitudine incrociate
» Fabrizio Poggi & Chicken Mambo: Spaghetti Juke Joint
» Nat Soul Band: Not so bad
» Far Out
» Ho sbagliato secolo
» Blues, Blues e ancora Blues
» Shag’s Airport
» Accordiamoci
» Il leone nell’Arena
» Francesco Garolfi: Un posto nel mondo
» Alberto Tava: il nuovo disco Mediterraneo
» Il matrimonio che vorrei: da oggi a Pavia
» Reality: ma quando ANCHE a Pavia?
» Magic Mike: quando è lui a spogliarsi...
» Il rosso e il blu: scuola italiana...
» I Beach Boys in Italia: c’ero anch’io!
» Giorgia, che sorpresa!
» Il ritorno dell'uomo armonica
» Wanna Be Startin’ Somethin’. Thriller rivisitato
» Un disco tutto pavese per Woody Guthrie

Vedi archivio

 
Altri articoli attinenti
» Francesca Dego in concerto
» Al Borromeo l'omaggio a Beethoven
» Christian Meyer Show
» Concerto di Natale - Merry Christmas in Jazz & Gospel
» Festival di Natale - ¡Cantemos!
» Festival di Natale - El Jubilate
» Festival di Natale - Hor piango, hor canto
» Concerto di Natale
» Festival di Natale - O prima alba del mondo
» Up-to-Penice omaggia De Andrè
» Duo violino e violoncello
» Cori per il Togo
» Open-day al Vittadini. Laboratori musicali per l'infanzia
» Stayin' alive LVGP sings 70s
» Omaggio a Offenbach e Lirica del cuore
 
Pagina inziale » Musica » Articolo n. 2857 del 4 aprile 2005 (3553) Condividi su Facebook Stampa Salva in formato PDF
Van de Sfroos - Akuaduulza
La copertina del cd

A distanza di due anni dal doppio "LAIV" del 2003, esce Akuaduulza, il nuovo album in studio di Davide Van De Sfroos.

Abbandoniamo per un attimo tutte le inutili polemiche sulle appartenenze politiche presunte, attribuite, coercizzate (ma un Dialetto non fa Primavera, parafrasando un celebre detto) e concentriamoci invece sull'artista e sul disco.

Disco estremamente maturo, pensato, arrangiato e ricercato nelle atmosfere e nei suoni. Dimenticate le facili ballate un po' goliardiche (l'unico brano che potrebbe in oarte richiamarle è El Fantasma Del Ziu Gaetano) o i poemi in stile medioeval-popolare, qui ci troviamo di fronte al prodotto di un cantautore che ha trovato la sua "cifra" e si esprime al meglio i personaggi che animano le sue nuove canzoni sono donne fatali e stregate e grotteschi Bela Lugosi da paese, fantasmi di famiglia e carcerati; uomini, con ricordi, pensieri, problemi.

E quasi tutte queste canzoni sono pensate, prima ancora che cantate, in quella lingua magica che è il laghée, il dialetto del Lago di Como: sono accomunate dal sentore umido dell'acqua dolce, raccontano storie, leggende, tradizioni e fantasie di chi vive sulla sponda di questo lago che qui perde la visione cartolinesca per ancorarsi all'umanità che la circonda.

Nel disco nasce una possibile nuova direzione musicale tra country-folk e blues (New Orleans e Baton Rouge, il delta del Mississippi, terre di palude e d'acqua dolce); molte chitarre, aggeggi, percussioni e una voce profonda, che narra.

Questo album l'ha registrato "in cantina", circondandosi di amici di lunga data (guidati dal coproduttore e musicista Alessandro Gioia) ed il risultato è sorprendente.
Non facile al primo acchito, si svela ad ogni ascolto successivo come uno dei più belli di quello che si può definire, a tutti gli effetti, un interessante cantautore.

 
 Informazioni 
 

Furio Sollazzi

Pavia, 04/04/2005 (2857)

RIPRODUZIONE VIETATA
www.miapavia.com è testata giornalistica, il contenuto di queste pagine è protetto dai diritti d'autore.
In caso di citazione o utilizzo, si prega di evidenziare adeguatamente la fonte.



MiaPavia è una testata giornalistica registrata, © 2000- 2020 Buon Vento S.r.l. - P.I. IT01858930181
Tutti i diritti sono riservati - Chi siamo - Contatti - Mining pool