Pavia e provincia: Pavese, Oltrepò Pavese, Lomellina, eventi, spettacoli e manifestazioni di Pavia e provincia
giovedì, 4 giugno 2020 (1292) Qual Buon Vento, navigante! » Entra


 
Articoli della stessa rubrica
» Fabrizio Poggi & Chicken Mambo: Spaghetti Juke Joint
» Macadam: Latitudine incrociate
» Nat Soul Band: Not so bad
» Far Out
» Ho sbagliato secolo
» Shag’s Airport
» Blues, Blues e ancora Blues
» Accordiamoci
» Il leone nell’Arena
» Francesco Garolfi: Un posto nel mondo
» Alberto Tava: il nuovo disco Mediterraneo
» Il matrimonio che vorrei: da oggi a Pavia
» Reality: ma quando ANCHE a Pavia?
» Magic Mike: quando è lui a spogliarsi...
» Il rosso e il blu: scuola italiana...
» I Beach Boys in Italia: c’ero anch’io!
» Giorgia, che sorpresa!
» Il ritorno dell'uomo armonica
» Wanna Be Startin’ Somethin’. Thriller rivisitato
» Un disco tutto pavese per Woody Guthrie

Vedi archivio

 
Altri articoli attinenti
» Francesca Dego in concerto
» Al Borromeo l'omaggio a Beethoven
» Christian Meyer Show
» Concerto di Natale - Merry Christmas in Jazz & Gospel
» Festival di Natale - ¡Cantemos!
» Festival di Natale - El Jubilate
» Festival di Natale - Hor piango, hor canto
» Concerto di Natale
» Festival di Natale - O prima alba del mondo
» Up-to-Penice omaggia De Andrè
» Duo violino e violoncello
» Cori per il Togo
» Open-day al Vittadini. Laboratori musicali per l'infanzia
» Stayin' alive LVGP sings 70s
» Omaggio a Offenbach e Lirica del cuore
 
Pagina inziale » Musica » Articolo n. 2941 del 26 aprile 2005 (2059) Condividi su Facebook Stampa Salva in formato PDF
Besame Mucho
Besame Mucho

Eccolo, finalmente, il CD della Pavia Jazz Orchestra di cui vi avevo annunciato la recensione.
Per una serie di disguidi e di percorsi intricati me lo ero perso; ma adesso è qui che gira nel lettore.
Di questa nuova formazione e delle sue acclamate tornè all'estero vi ho già parlato più volte; questo CD dal titolo Besame Mucho è il primo risultato di questo progetto.

Della bontà del prodotto, conoscendo bene la bravura dei musicisti che compongono questo gruppo (Tamburelli, Perelli, Villani, Nocito, Legnazzi e Di Ienno) non avevo mai dubitato. Una piacevole sorpresa è stato il pianista Di Ienno che è andato oltre le aspettative rivelando una freschezza e una classe non indifferenti.
Inusuale anche sentire il nostro Tamboo cimentarsi con il "napoletano" di Malafemmena e uscirne più che credibile. Così come "very crooner" si rivela Perelli in As time goes by.

Un disco dalle atmosfere un po' languide e retrò (a cominciare dalla registrazione effettuata su vecchi apparecchi analogici -e meno male-), ma solo nella scelta del repertorio e non certo nelle interpretazioni.
Buonasera Signorina, Roma non far la stupida, Malafemmena, Ma le gambe, Amapola, Besame mucho, Guarda che luna, Nel 2000 (strano recuper di questo brano di Bruno Martino), As time gors by e On green dolphin street si susseguono in 43 minuti abbondanti di musica.

Chi si aspetta del jazz d'avanguardia rimarrà deluso; chi ama lo swing, la musica soft, gli anni '50, la musica da night amerà subito questo disco.

 
 Informazioni 
 

Furio Sollazzi

Pavia, 26/04/2005 (2941)

RIPRODUZIONE VIETATA
www.miapavia.com è testata giornalistica, il contenuto di queste pagine è protetto dai diritti d'autore.
In caso di citazione o utilizzo, si prega di evidenziare adeguatamente la fonte.



MiaPavia è una testata giornalistica registrata, © 2000- 2020 Buon Vento S.r.l. - P.I. IT01858930181
Tutti i diritti sono riservati - Chi siamo - Contatti - Mining pool